Pubblicato in 19 October 2015

Alcuni test per il cancro colorettale sono meglio di altri

Ora ci sono un certo numero di modi per ottenere screening per il cancro del colon-retto, ma non tutti sono stati creati uguali, secondo un nuovo rapporto.

US Preventive Services Task Force progetto di relazione sulla rilevazione del cancro colorettale raccomanda proiezioni con inizio alle 50 anni.

La task force trovato tre tipi di test più utili, con due metodi comuni di screening meno desiderabile.

colorettale Screenings

Un approccio raccomandato sta avendo un test guaiaco a base di sangue occulto fecale o un test di fecale immunochimica (FIT) ogni anno. Entrambi cercano di sangue nelle feci, ma in modi diversi.

Un altro è una combinazione di FIT annuale e una sigmoidoscopia flessibile ogni 10 anni. Una sigmoidoscopia è un test ambito che esamina la parte inferiore del colon e può essere eseguita senza sedazione. 

La terza strategia consigliata è una colonscopia ogni 10 anni. La colonscopia guarda l’intero intestino crasso e in genere viene eseguito con sedazione.  

La task force è accettare commenti pubblici sulla sua bozza di raccomandazioni fino 2 novembre. 

Per saperne di più: Temendo una colonscopia? Altri metodi sono altrettanto efficaci »

Le preoccupazioni per due test

Nella loro relazione, la task force ha detto sono necessarie maggiori informazioni e di studio sui test CT colonography prima di poter essere approvato come uno strumento diagnostico di alto livello. 

Gli autori del rapporto affermano che, anche se v’è qualche evidenza un colonography può trovare potenziali problemi, di solito c’è la necessità di diagnostica di follow-up. 

Inoltre, sebbene l’esposizione alle radiazioni è relativamente bassa durante queste prove, ci sono preoccupazioni per l’esposizione a lungo termine rispetto esami ripetuti. 

Un altro tipo di schermo, noto come test DNA sgabello, bisogno di più ricerca e la Task Force espresso preoccupazione risultati falsi positivi e la necessità di colonscopia follow-up.

Ciò nonostante, il CT colonography e test del DNA delle feci sono ancora elencati e possono essere utili in alcune circostanze, ha detto il dottor Albert Siu, il presidente della task force. 

“La cosa più importante è quello di convincere la gente a screening, in un modo o l’altro”, ha detto. 

Siu ha osservato che, nel complesso, le circostanze cliniche e preferenze del paziente contribuiranno a determinare la procedura utilizzata nei singoli casi. 

“Non sto suggerendo un clinico presenta tutte le scelte per un paziente. A seconda del loro modello di pratica, vi daranno un paziente di scegliere tra uno o due”, ha detto Siu, un internista e professore presso la Scuola di Medicina presso Icahn Mount Sinai di New York.

Siu spiegato che ogni prova ha positivi e negativi. 

“Alcune persone non vogliono fare preparazioni,” ha detto. “Alcuni non si vuole fare un campione di feci a casa. Alcuni non piace l’esposizione alle radiazioni.”

In ogni caso, ha sottolineato gli studi hanno dimostrato che, data le opzioni, gli individui sono più propensi a sottoporsi a una proiezione di qualche tipo.

Per saperne di più: il cancro colorettale Colpisce più giovani persone più spesso »

La colonscopia Ancora il ‘gold standard’

Forse, ma il dottor Alan Venook, “nulla può sostituire una colonscopia.” 

Venook, un oncologo, capisce che l’obiettivo della task force è quello di fornire ai pazienti che non sarà oggetto di una colonscopia con le opzioni. 

“Tuttavia, se (un altro) di prova non è abbastanza buono, io non sono sicuro che sia la risposta,” ha detto. “Le altre tecniche sono meno provata e non possono essere quasi o abbastanza buono.” 

Invece, Venook, che è anche professore presso la Scuola di Medicina presso l’University of California, San Francisco, avrebbe investito tempo alla ricerca di modi per distinguere coloro che hanno bisogno della procedura da quelli che non lo fanno. 

Alcuni pazienti hanno bisogno di alternative più accessibili a una colonscopia, come i test che non richiedono una visita in più per una struttura medica, per esempio. 

“La mia tesi sarebbe alla ricerca [altre opzioni] e assicurarsi che non stiamo facendo finta che siano buoni come colonscopie,” ha detto. “E ‘valido che [la task force] direbbe ‘Non stiamo ottenendo tutti con una colonscopia, quindi dovremmo fare qualcosa di diverso ‘. Ma facciamo in modo ciò che facciamo funziona ed è accessibile. In caso contrario, cerchiamo di non pubblicizzare come tale “. 

Dr. Deborah Fisher ritiene che la vitalità di test alternativi dipende da obiettivi di un praticante. 

“Sono d’accordo con la task force. Non c’è nessun singolo, miglior test. Dipende da come si definisce ‘meglio.’ Se si definisce mediante il test più accurato per trovare il cancro del colon-retto, una colonscopia è il facile vincitore, il gold standard “, ha detto Fisher, professore associato di medicina presso la Duke University.“Ma è anche invasivo e c’è un rischio di gravi complicanze , come la perforazione e sanguinamento. C’è anche un rischio misurabile di morte. uno su 10.000 è uno su 10.000.” 

E colonscopie richiedono un grado di impegno da un paziente, per non parlare della capacità di superare i potenziali problemi di accessibilità, ha aggiunto. 

“Può essere un vero e proprio [problema] se si vive in una zona rurale e del servizio più vicino quattro ore di distanza. Anche se è completamente pagato, ci potrebbe essere out-of-pocket. Ti manca una giornata di lavoro. È necessario un driver “, ha detto Fisher. 

Per coloro che optano contro una colonscopia, Fisher ha detto che aveva raccomandare il metodo di adattamento. 

“E ‘poco costoso, disponibile, e l’assicurazione paga per questo.” Gli studi hanno anche dimostrato che aumenta l’adesione allo screening, ha osservato. 

Per saperne di più: Gene Attiva cellule cancro colorettale nel tessuto sano »

Cancro colorettale Comune ma curabile

il cancro del colon-retto è la seconda causa di morte per cancro negli Stati Uniti. 

Nel 2015, si stima che 133.000 persone saranno diagnosticati con la malattia e circa 50.000 moriranno da esso. 

E ‘più frequentemente diagnosticato tra gli adulti età da 65 a 74 anni. L’età media di morte per cancro del colon-retto è di 73 anni. 

Con la diagnosi precoce, dice esperti medici, la malattia è facilmente curabile.  

Tuttavia, circa il 30 per cento della popolazione degli Stati Uniti di età superiore ai 50 non ha mai avuto una colonscopia. 

“Tutti i test di screening coinvolgono sgabello, quindi non c’è il ‘fattore schifo’ di trattare con la vostra cacca”, ha detto Fisher. “Con una colonscopia hai avuto modo di preparare e non c’è più cacca. La gente non ottengono terribilmente entusiasta.” 

Mentre gli esami del sangue sono più facili, nessuno è così preciso come i test delle feci, ha detto Fisher. 

“Un esame del sangue potrebbe ottenere più persone entusiasti di ottenere screening per il cancro del colon-retto ed eliminare il ‘fattore schifo,’ ma non siamo ancora arrivati”, ha detto Fisher.