Pubblicato in 7 November 2018

Mercurio in Tuna: E 'questo pesce sicuro da mangiare?

Il tonno è un pesce d’acqua salata mangiato tutto il mondo.

E ‘incredibilmente nutriente e una grande fonte di proteine, omega-3 acidi grassi e vitamine del gruppo B. Tuttavia, può contenere alti livelli di mercurio, un metallo pesante tossico.

Processi naturali - come eruzioni vulcaniche - così come l’attività industriale - come ad esempio la combustione del carbone - emettono mercurio in atmosfera o direttamente nell’oceano, a questo punto si comincia a costruire in vita marina.

Consumare troppo mercurio è legata a gravi problemi di salute, sollevando preoccupazioni per regolare assunzione di tonno.

Questo articolo esamina mercurio nel tonno e ti dice se è sicuro da mangiare questo pesce.

Mercurio in TunaCondividi su Pinterest

Tonno contiene più mercurio di altri elementi di pesce popolari, tra cui salmone , ostriche, aragoste, capesante e tilapia (1).

Questo perché mangime tonno su pesci più piccoli che sono già contaminati con quantità variabili di mercurio. Poiché il mercurio non è facilmente escreta, si accumula nei tessuti del tonno nel tempo (2, 3).

I livelli in diverse specie

I livelli di mercurio nel pesce sono misurate sia in parti per milione (ppm) o microgrammi (mcg). Qui ci sono alcune specie di tonno comuni e le loro concentrazioni di mercurio (1):

Specie Mercurio in ppm Mercurio (in mcg) per 3 once (85 grammi)
Lo sgombro chiaro (in scatola) 0,126 10.71
Tonnetto striato (freschi o congelati) 0.144 12.24
Tonno bianco (in scatola) 0.350 29.75
tonno pinna gialla (freschi o congelati) 0,354 30.09
Tonno bianco (fresco o congelato) 0,358 30.43
Tonno obeso (freschi o congelati) 0,689 58.57

Riferimento Dosi e livelli di sicurezza

La US Environmental Protection Agency (EPA) afferma che 0,045 mcg di mercurio per libbra (0,1 mcg per kg) di peso corporeo al giorno è la dose massima sicurezza del mercurio. Tale somma è conosciuta come una dose di riferimento ( 4 ).

La dose giornaliera di riferimento per il mercurio dipende dal vostro peso corporeo. Moltiplicando il numero per sette ti dà il limite di mercurio settimanale.

Ecco alcuni esempi di dosi di riferimento sulla base di diversi pesi corporei:

Peso corporeo dose di riferimento al giorno (mcg) dose di riferimento a settimana (in mcg)
100 libbre (45 kg) 4.5 31.5
125 libbre (57 kg) 5.7 39.9
150 libbre (68 kg) 6.8 47.6
175 libbre (80 kg) 8.0 56.0
200 libbre (91 kg) 9.1 63,7

Dal momento che alcune specie di tonno sono molto alto contenuto di mercurio, una singola porzione di 3 once (85 grammi) può avere una concentrazione di mercurio che è uguale o superiore dose di riferimento settimanale di una persona.

Riassunto Il tonno è alto contenuto di mercurio rispetto ad altri pesci. Una singola porzione di alcuni tipi di tonno può superare l’importo massimo di mercurio che si può consumare in modo sicuro a settimana.

Mercurio in tonno è una preoccupazione per la salute a causa dei rischi connessi con l’esposizione al mercurio.

Proprio come il mercurio si accumula nei tessuti dei pesci nel corso del tempo, può anche accumularsi nel vostro corpo. Per valutare la quantità di mercurio nel vostro corpo, un medico può testare le concentrazioni di mercurio nei capelli e nel sangue.

Alti livelli di esposizione al mercurio può portare a morte delle cellule cerebrali e causare ridotta multa capacità motorie, la memoria e la messa a fuoco (5).

In uno studio su 129 adulti, quelli con la più alta concentrazione di mercurio risultati significativamente peggiori nei test del motore, di logica e di memoria sottili rispetto a quelli che avevano livelli più bassi di mercurio (6).

L’esposizione al mercurio può anche portare ad ansia e depressione.

Uno studio condotto negli adulti esposti al mercurio sul posto di lavoro ha scoperto che essi hanno sperimentato significativamente più sintomi di depressione e ansia e sono stati più lenti a elaborazione delle informazioni rispetto ai partecipanti di controllo (7).

Infine, il mercurio accumulo è legata ad un rischio maggiore di malattie cardiache. Ciò può essere dovuto al ruolo di mercurio nel ossidazione dei grassi, un processo che può portare a questa malattia (8).

In uno studio su oltre 1.800 uomini, quelli che hanno mangiato la maggior parte dei pesci e aveva le concentrazioni di mercurio più alti erano due volte più probabile di morire di attacchi di cuore e malattie cardiache (8).

Tuttavia, altre ricerche suggeriscono che l’esposizione al mercurio ad alta non è associato ad un aumentato rischio di malattie cardiache e che i benefici di mangiare pesce per la salute del cuore possono superare i possibili rischi di ingestione di mercurio (9).

Riassunto Il mercurio è un metallo pesante che può causare effetti negativi sulla salute. Alte concentrazioni di mercurio nell’uomo può innescare problemi di cervello, una cattiva salute mentale e malattie cardiache.

Il tonno è incredibilmente nutriente e ricco di proteine, grassi sani e vitamine - ma non dovrebbe essere consumato ogni giorno.

La FDA raccomanda che gli adulti mangiano 3-5 once (85-140 grammi) di pesce 2-3 volte a settimana per ottenere abbastanza acidi grassi omega-3 e di altri nutrienti benefici (10).

Tuttavia, la ricerca indica che mangiare regolarmente i pesci con una concentrazione di mercurio superiore a 0,3 ppm può aumentare i livelli di mercurio nel sangue e stimolare problemi di salute. La maggior parte delle specie di tonno superano tale importo (1, 11).

Pertanto, la maggior parte degli adulti dovrebbero mangiare tonno con moderazione e considerare la scelta di altri pesci che è relativamente basso contenuto di mercurio.

Al momento dell’acquisto di tonno, optare per tonnetti luce scatola varietà, che non ospitano più di mercurio come tonno bianco o obeso.

È possibile consumare tonnetto striato e tonno in scatola luce insieme ad altre specie di basso-mercurio, come il merluzzo, granchi, salmone e capesante, come parte dei raccomandati 2-3 porzioni di pesce a settimana (10).

Cercate di evitare di mangiare tonno bianco o tonno pinna gialla più di una volta a settimana. Astenersi dal tonno obeso, per quanto possibile (10).

Sintesi tonnetto striato e tonno in scatola luce, che sono relativamente basso contenuto di mercurio, possono essere consumati come parte di una dieta sana. Tuttavia, tonno bianco, gialla e tonno obeso sono ad alto contenuto di mercurio e dovrebbero essere limitati o evitati.

Alcune popolazioni sono particolarmente sensibili al mercurio e dovrebbero limitare o completamente astenersi dal tonno.

Questi includono i neonati, i bambini e le donne che sono in stato di gravidanza , allattamento o sta pianificando una gravidanza.

l’esposizione al mercurio può influenzare lo sviluppo embrionale e può portare a problemi di cervello e di sviluppo.

In uno studio su 135 donne e dei loro bambini, ogni ulteriore ppm di mercurio consumato da donne in gravidanza era legato a una diminuzione di oltre sette punti sui punteggi dei test di funzionalità del cervello dei loro bambini (12).

Tuttavia, lo studio ha rilevato che i pesci a basso mercurio è stato associato con i migliori segni cerebrali (12).

Le autorità sanitarie attualmente consigliano che i bambini, le donne incinte e le madri che allattano dovrebbero limitare l’assunzione di tonno e altri pesci di alta mercurio, invece puntando 2-3 porzioni di pesce a basso mercurio a settimana ( 4 ,10).

Sommario Neonati, bambini e donne in gravidanza, allattamento o che cercano di concepire dovrebbero limitare o evitare il tonno. Tuttavia, possono beneficiare di mangiare pesce a basso mercurio.

L’esposizione al mercurio è legata a problemi di salute, tra cui poveri funzione cerebrale, l’ansia, la depressione, le malattie cardiache e sviluppo infantile compromessa.

Anche se il tonno è molto nutriente, è anche ad alto contenuto di mercurio rispetto alla maggior parte altri pesci.

Pertanto, dovrebbe essere consumato con moderazione - non tutti i giorni.

Si può mangiare tonnetto striato e tonno in scatola luce a fianco di altri pesci a basso mercurio un paio di volte ogni settimana, ma dovrebbe limitare o evitare tonno bianco, gialla e tonno obeso.