Pubblicato in 2 April 2016

Come a catena corta acidi grassi influenzano la salute e peso

Gli acidi grassi a catena corta sono prodotti da batteri amici nel vostro intestino.

In realtà, essi sono la principale fonte di nutrimento per le cellule nel vostro colon.

Gli acidi grassi a catena corta può anche svolgere un ruolo importante nella salute e nella malattia.

Essi possono ridurre il rischio di malattie infiammatorie, diabete di tipo 2, obesità, malattie cardiache e altre condizioni (1).

Questo articolo esplora come gli acidi grassi a catena corta influenzano la salute.

Gli acidi grassi a catena corta sono acidi grassi aventi meno di 6 atomi di carbonio © atomi (2).

Sono prodotti in cui i batteri intestinali amichevoli fermentare la fibra nel colon, e sono la principale fonte di energia per le cellule che rivestono il colon.

Per questo motivo, essi svolgono un ruolo importante per la salute del colon (1).

Gli acidi grassi a catena corta in eccesso vengono utilizzati per altre funzioni nel corpo. Ad esempio, possono fornire circa il 10% delle vostre esigenze calorico giornaliero (2).

Gli acidi grassi a catena corta sono anche coinvolti nel metabolismo dei nutrienti importanti come i carboidrati e grassi (3).

Circa il 95% degli acidi grassi a catena corta nel corpo sono:

  • Acetato (C2).
  • Propionato (C3).
  • Butirrato (C4).

Propionato è principalmente coinvolto nella produzione di glucosio nel fegato, mentre acetato e butirrato sono incorporati in altri acidi grassi e colesterolo (4).

Molti fattori influenzano la quantità di acidi grassi a catena corta nei vostri due punti, tra cui il numero di microrganismi sono presenti, la fonte di cibo e il tempo necessario per viaggiare cibo attraverso il sistema digestivo (5).

Bottom Line: gli acidi grassi a catena corta sono prodotte quando la fibra è fermentato nel colon. Essi agiscono come una fonte di energia per le cellule che rivestono il colon.

Mangiare un sacco di alimenti ricchi di fibre, come frutta , verdura e legumi , è legata ad un aumento di acidi grassi a catena corta (6).

Uno studio di 153 individui ha trovato associazioni positive tra una maggiore assunzione di alimenti vegetali e aumento dei livelli di acidi grassi a catena corta nelle feci ( 7 ).

Tuttavia, la quantità e il tipo di fibra che si mangia influenza la composizione dei batteri nel vostro intestino, che riguarda ciò che si producono acidi grassi a catena corta (8).

Ad esempio, gli studi hanno dimostrato che mangiare più fibra aumenta la produzione di butirrato, riducendo l’apporto di fibre riduce la produzione (9).

I seguenti tipi di fibra sono migliori per la produzione di acidi grassi a catena corta nel colon (10, 11):

  • Inulina: È possibile ottenere inulina di carciofi, aglio , porri, cipolle , grano , segale e asparagi.
  • Fruttooligosaccaridi (FOS): FOS si trovano in vari tipi di frutta e verdura, comprese le banane, cipolle, aglio e asparagi.
  • Amido resistente: È possibile ottenere amido resistente da cereali , orzo, riso, fagioli , verde banane , legumi e patate che sono stati cotti e poi raffreddati.
  • La pectina: Buone fonti di pectina sono mele , albicocche, carote , arance e altri.
  • Arabinossilano: Arabinossilano si trova nei cereali. Ad esempio, è la fibra più comune nella crusca di frumento, che costituiscono circa il 70% del contenuto totale di fibre.
  • Guar gum: gomma di guar può essere estratto da chicchi di guar, che sono legumi.

Alcuni tipi di formaggi , burro e di mucca latte contengono anche piccole quantità di butirrato.

Bottom Line: Alimenti ricchi di fibre, come frutta, verdura, legumi e cereali integrali, incoraggiare la produzione di acidi grassi a catena corta.

Gli acidi grassi a catena corta può essere utile nei confronti di alcuni disturbi digestivi.

Ad esempio, butirrato ha anti-infiammatori effetti nell’intestino (12).

Diarrea

I vostri batteri intestinali convertire l’amido resistente e pectina agli acidi grassi a catena corta, e mangiare li ha dimostrato di ridurre la diarrea nei bambini (13, 14).

Malattia infiammatoria intestinale

colite ulcerosa e il morbo di Crohn sono due tipi principali di malattia infiammatoria intestinale (IBD). Entrambi sono caratterizzati da infiammazione intestinale cronica.

A causa delle sue proprietà anti-infiammatorie, butirrato è stato usato per trattare entrambe queste condizioni.

Studi nei topi hanno dimostrato che gli integratori butirrato ridurre l’infiammazione intestinale, e supplementi acetato avuto benefici simili. Inoltre, bassi livelli di acidi grassi a catena corta sono stati collegati ad peggiorata colite ulcerosa (15, 16).

Gli studi sull’uomo suggeriscono anche che gli acidi grassi a catena corta, in particolare butirrato, in grado di migliorare i sintomi della colite ulcerosa e morbo di Crohn (17, 18, 19, 20).

Uno studio che ha coinvolto 22 pazienti con colite ulcerosa ha trovato che il consumo di 60 grammi di avena crusca di ogni giorno per 3 mesi un miglioramento dei sintomi (17).

Un altro piccolo studio ha trovato che i supplementi di butirrato portato a miglioramenti clinici e la remissione nel 53% dei pazienti con malattia di Crohn (18).

Per i pazienti con colite ulcerosa, un clistere di acidi grassi a catena corta, due volte al giorno per 6 settimane, ha contribuito a ridurre i sintomi del 13% (21).

Bottom Line: gli acidi grassi a catena corta possono ridurre la diarrea e aiutare a curare malattie infiammatorie croniche intestinali.

Gli acidi grassi a catena corta possono svolgere un ruolo chiave nella prevenzione e nel trattamento di alcuni tipi di cancro, in particolare il cancro del colon (22, 23, 24).

studi di laboratorio dimostrano che il butirrato aiuta a mantenere le cellule del colon sano, impedisce la crescita delle cellule tumorali e incoraggia la distruzione delle cellule tumorali nel colon (24, 25, 26, 27).

Tuttavia, il meccanismo dietro questo non è ben compreso (28, 29, 30).

Diversi studi osservazionali suggeriscono un legame tra una dieta ricca di fibre e un ridotto rischio di cancro al colon. Molti esperti suggeriscono la produzione di acidi grassi a catena corta può essere in parte responsabile di questo (28, 30).

Alcuni studi sugli animali riportano anche un legame positivo tra le diete ad alto contenuto di fibre e di un ridotto rischio di tumore del colon (31, 32).

In uno studio, i topi con una dieta ricca di fibre, il cui coraggio conteneva batteri butirrato-produzione, ha ottenuto il 75% in meno di tumori rispetto ai topi che non hanno avuto i batteri (33).

È interessante notare che la dieta ricca di fibre da solo - senza i batteri per rendere butirrato - non ha avuto effetti protettivi contro il cancro al colon. Una dieta povera di fibre - anche con i batteri che producono butirrato - era inefficace (33).

Questo suggerisce che esistono i benefici anti-cancro solo quando una dieta ricca di fibre è combinato con i batteri giusti nell’intestino.

Tuttavia, gli studi umani di risultati contrastanti. Alcuni indicano una connessione tra le diete ad alto contenuto di fibre e riduzione del rischio di cancro, mentre altri trovano alcun legame (34, 35, 36, 37).

Tuttavia questi studi non hanno esaminare i batteri intestinali, e le differenze individuali nei batteri intestinali possono svolgere un ruolo.

Bottom Line: gli acidi grassi a catena corta hanno dimostrato di proteggere contro il cancro al colon in studi su animali e di laboratorio. Tuttavia, è necessaria più ricerca.

Una revisione delle prove ha riferito che il butirrato può avere effetti positivi in ​​entrambi gli animali e gli esseri umani con diabete di tipo 2 (38).

La stessa rivista ha inoltre evidenziato che sembra esserci uno squilibrio nei microrganismi intestinali nelle persone con diabete (38, 39).

Gli acidi grassi a catena corta hanno dimostrato di aumentare l’attività enzimatica nel fegato e nel tessuto muscolare, con conseguente controllo dello zucchero nel sangue meglio (40, 41, 42).

In studi su animali, acetato e propionato integratori migliorati i livelli di zucchero nel sangue in topi diabetici e ratti normali (43, 44, 45).

Eppure ci sono meno studi che coinvolgono le persone, ed i risultati sono misti.

Uno studio ha trovato che i supplementi propionato ha ridotto i livelli di zucchero nel sangue, ma un altro studio ha trovato che a catena corta integratori di acidi grassi non ha influenzato significativamente il controllo di zucchero nel sangue nelle persone sane (46, 47).

Un certo numero di studi sugli esseri umani hanno anche riferito associazioni tra fibre fermentabili e migliorare il controllo di zucchero nel sangue e la sensibilità all’insulina (48, 49).

Tuttavia questo effetto è generalmente visto solo in individui che sono in sovrappeso o insulino-resistenti , e non nei soggetti sani (46, 47, 50).

Bottom Line: gli acidi grassi a catena corta sembra aiutare a regolare i livelli di zucchero nel sangue, soprattutto per le persone che sono diabetici o resistenti all’insulina.

La composizione dei microrganismi nell’intestino può influenzare l’assorbimento dei nutrienti e regolazione dell’energia, influenzando così lo sviluppo di obesità (51, 52).

Studi hanno dimostrato che gli acidi grassi a catena corta regolano anche il metabolismo dei grassi aumentando la combustione dei grassi e diminuendo deposito di grasso (8).

In questo caso, la quantità di acidi grassi liberi nel sangue è ridotto, e può anche aiutare a proteggere contro l’aumento di peso (40, 53, 54, 55).

Diversi studi su animali hanno esaminato questo effetto. Dopo un trattamento di 5 settimane con butirrato, i topi obesi perso il 10,2% del loro peso corporeo originale, e il grasso corporeo è stato ridotto del 10%. Nei ratti, integratori acetato ridotto deposito di grasso (40, 56).

Tuttavia, le prove che collegano gli acidi grassi a catena corta di perdita di peso si basa principalmente su studi sugli animali e in provetta.

Linea di fondo: Gli studi sugli animali e in provetta indicano che gli acidi grassi a catena corta possono aiutare a prevenire e curare l’obesità. Tuttavia, sono necessari studi sull’uomo.

Molti studi osservazionali hanno collegato diete ad alto contenuto di fibre ad una riduzione del rischio di malattie cardiache.

Tuttavia, la forza di questa associazione spesso dipende dal tipo e fonte di fibre (57).

Negli esseri umani, l’assunzione di fibre è stata collegata ad una diminuzione dell’infiammazione (58).

Uno dei motivi fibra riduce rischio di malattia cardiaca può essere dovuto alla produzione di acidi grassi a catena corta nel colon (59, 60, 61).

Gli studi in entrambi gli animali e gli esseri umani hanno riferito che gli acidi grassi a catena corta ridotto i livelli di colesterolo (28, 62, 63, 64, 65).

Butirrato è pensato per interagire con i geni chiave che rendono il colesterolo, eventualmente riducendo la produzione di colesterolo (66).

Ad esempio, la produzione di colesterolo è diminuito nel fegato dei ratti trattati con supplementi di propionato. Acido anche ridotto i livelli di colesterolo nei ratti acetico (62, 67, 68).

Questo stesso effetto è stato osservato negli esseri umani obesi, come acetato in aceto ha diminuito la quantità di colesterolo in eccesso nel sangue (64).

Bottom Line: gli acidi grassi a catena corta può diminuire il rischio di malattie cardiache riducendo l’infiammazione e bloccando la produzione di colesterolo.

A catena corta integratori di acidi grassi sono più comunemente trovati come sali dell’acido butirrico.

Questi sono generalmente indicate come sodio , potassio, calcio o magnesio butirrato. Essi sono facilmente disponibili online o over-the-counter.

Tuttavia, gli integratori non possono essere il modo migliore per aumentare i livelli di acidi grassi a catena corta. integratori butirrato sono assorbiti prima di raggiungere il colon, di solito nel piccolo intestino, il che significa che tutti i vantaggi per le cellule del colon andranno persi.

Inoltre, v’è ben poco evidenza scientifica circa l’efficacia di integratori di acidi grassi a catena corta.

Butirrato raggiunge il colon meglio quando è fermentato da fibra. Pertanto, aumentando la quantità di cibi ricchi di fibre nella dieta è probabilmente un modo molto migliore per migliorare i livelli di acidi grassi a catena corta.

Bottom Line: Mangiare cibi ricchi di fibre è il modo migliore per aumentare i livelli di acidi grassi a catena corta, come integratori vengono assorbite prima di raggiungere il colon.

Per le loro proprietà anti-infiammatorie e anti-cancro, è probabile che gli acidi grassi a catena corta hanno una vasta gamma di effetti benefici sul tuo corpo.

Una cosa è certa: cura i vostri batteri intestinali amichevoli può portare a tutta una serie di benefici per la salute.

Il modo migliore per alimentare i batteri buoni nel vostro intestino è quello di mangiare un sacco di alimenti ricchi di fibre fermentabili.

Tag: Nutrizione,