Pubblicato in 13 December 2016

Come sopravvivere le vacanze con un bambino con autismo

La stagione delle vacanze può essere difficile per qualsiasi genitore: shopping per i regali, la preparazione di un pasto vacanza, finalizzare piani di viaggio, e rendendo il tempo per la famiglia, il tutto mentre i bambini sono a casa da scuola. Per i bambini sul autismo spettro e delle loro famiglie, questi cambiamenti hanno il potenziale per innescare crolli full-on.

Bambini sullo spettro tendono a prosperare sulla coerenza e di routine, entrambi i quali possono ottenere gettato fuori dalla finestra quando la stagione delle vacanze arriva. Dopo aver trascorso la parte migliore degli ultimi dieci anni di lavoro con i bambini con autismo e delle loro famiglie, vi posso assicurare che, mentre le vacanze possono presentare nuove sfide , ci sono strategie che è possibile utilizzare per garantire che vanno nel modo migliore possibile per voi e la vostra tutta la famiglia.

Creare una pianificazione, e bastone ad esso!

Dal momento che le routine sono importanti per i bambini nello spettro autistico, cercare di mantenere la massima coerenza possibile. Se la vostra idea di una pausa invernale consiste nel fare progetti, mentre in viaggio, è possibile che il bambino ha un parere diverso. Questo non vuol dire relax non può essere una parte della vostra vacanza, ma fai il possibile per mantenere una serie di routine quotidiana. Mantenere un programma coerente di wakeups, andare a letto, e pasti garantirà giorni del vostro bambino rimangono strutturati.

Se avete qualsiasi viaggio o attività speciali in programma, mantenere un calendario visivo accessibile in modo che il bambino sa quando e dove questi saranno accadendo. E ‘anche utile per fornire un sacco di promemoria al vostro bambino per quanto riguarda eventuali variazioni di programma ( “Ricorda, il Giovedi ci sarà la guida per vedere la nonna e il nonno …”) per essere sicuri che lui o lei è creata appositamente per il cambiamento.

Negozio intelligente!

Shopping con un bambino nello spettro in grado di creare una propria serie di sfide specifiche. I negozi sono un ambiente ad alta stimolazione, soprattutto in prossimità delle festività. Luci, musica, decorazioni, e le folle possono tutti essere spiacevole, se non addirittura schiacciante per un bambino con qualsiasi tipo di problemi di elaborazione sensoriale. Ricordate che i bambini nello spettro possono percepire il suono, la luce, e la folla in modo diverso di quanto si fa (immaginate cercando di sostenere un test di algebra nel bel mezzo di una festa in discoteca ballo!).

Alcuni negozi come Toys”R” Us offrono ‘tranquille ore di shopping’ per le famiglie di bambini con autismo. Se si deve portare il bambino al negozio, essere preparati con snack, cuffie o auricolari a cancellazione di rumore, e un giocattolo preferito o un gioco per mantenere il vostro bambino impegnato mentre fai acquisti.

Giocattoli, giocattoli, giocattoli!

Vacanze shopping può essere un brivido, ma l’idea di acquistare regali per gli altri non può essere un concetto facile da spiegare a un bambino nello spettro. Il vostro bambino può vedere giocattoli o cibo che vogliono e manifestare alcuni comportamenti aggressivi come urlare o piangere al fine di ottenere l’accesso ad essi. Anche se può sembrare più facile da dare e ottenere l’oggetto, l’acquisto di regali dei bambini dopo che esibiscono questi comportamenti problematici rafforza l’idea che quei comportamenti sono il modo per ottenere ciò che vogliono. Nel qual caso, si preparano per il tuo bambino a utilizzare lo stesso metodo per il futuro.

Invece, provare a ignorare tali comportamenti, e solo fornire il rinforzo e l’attenzione quando il bambino ha calmato. Se crolli sono all’ordine del giorno nella vostra famiglia, vi consiglio di creazione di un piano prima del tempo, in cui il bambino avrà accesso ad una preferita giocattolo, gioco, cibo, o attività dopo l’acquisto è fatto. Ricordate sempre la “prima / dopo” regola: prima di completare l’attività non preferita, allora si ottiene ciò che si vuole. Questo è noto come il principio Premack, o più comunemente, la “regola della nonna” ( “Prima mangia la vostra cena, allora si ottiene dolce”).

Sopravvivere tua famiglia allargata

Nel corso della mia carriera di lavorare con i bambini con disabilità, una delle più grandi sfide di routine ha lavorato con i nonni. Possiedono un amore infinito per i loro nipoti, ma non sempre capiscono strategie comportamentali complesse ( “Sta piangendo, così gli ho dato caramelle. Ora non sta piangendo, in modo che deve aver lavorato”).

Se si dispone di membri della famiglia che hanno le migliori intenzioni, ma la mancanza di esperienza con il vostro bambino, avete tutto il diritto di avvicinarsi a loro in anticipo e spiegare il tuo piano comportamentale corrente per il vostro bambino. A volte una telefonata o e-mail sarà sufficiente; altre volte può essere necessario parlare con loro di persona. Spiegare la situazione, dire loro come si sta lavorando attraverso questi comportamenti, e li ringrazio per rispettare il piano della vostra famiglia. Questo è più facile a dirsi che a farsi, ma è meglio avvicinarsi prima alla situazione difficile che cercare di gestire tracollo del vostro bambino e crollo dei vostri genitori, allo stesso tempo.

Viaggiare con cura

Nulla cambia di routine di un bambino più veloce di piani di viaggio. giri in macchina lungo, linee di sicurezza TSA, o seduto su un aereo sono tutti i principali deviazioni da un giorno normale. Anche in questo caso, la pianificazione è fondamentale. Ricordare il vostro bambino su ciò che accadrà in tutta l’esperienza, e, se possibile, utilizzare immagini o scrivere una breve storia per rappresentare il processo. Giochi di ruolo scenari con il vostro bambino può essere utile, e ci sono una serie di storie video disponibili online per modellare come comportarsi e cosa aspettarsi quando si è in un aeroporto / aereo. Alcune compagnie aeree e gli aeroporti hanno anche una procedura d’imbarco finto, dove essi consentono alle famiglie di venire per l’aeroporto e l’imbarco pratica, seduto al suo posto, e lo sbarco.

E ‘anche utile per portare giocattoli, giochi, snack, abbigliamento comodo, cuffie, e qualsiasi altro elemento che manterrà il vostro bambino coinvolto (e distratto) per tutto il viaggio. Se il bambino ha vocalizzazioni ad alta voce o altri comportamenti distruttivi, si consiglia di portare un po ‘le carte di nota per svenire ad altri passeggeri, facendo loro sapere che lui o lei ha l’autismo e che apprezzate la loro pazienza. Un po ‘di gentilezza va un lungo cammino durante le vacanze, specialmente quando sei bloccato su un aereo insieme!

Ricordatevi dei vostri ABC!

L’ABC di comportamento sono un ntecedent, b ehavior, e c onsequence. Antecedenti sono tutto ciò che accade prima che si verifichi un comportamento problematico - tutto ciò che può attivare il comportamento. Le conseguenze sono tutto ciò che accade dopo che si verifica un comportamento. Tu conosci il tuo bambino meglio di chiunque altro, quindi è a voi per cercare di evitare potenziali fattori scatenanti nel miglior modo possibile.

Le conseguenze forniti dall’utente possono essere di rinforzo (incoraggiando il comportamento che accada di nuovo) o punire (scoraggiare il comportamento accada di nuovo). Si prega di essere consapevole del fatto che a seconda del motivo che il bambino sta esibendo certi comportamenti, può essere difficile determinare come rispondere. Se un bambino si è calci per ottenere la vostra attenzione, urlando per loro di “Smettila!” Può funzionare nel breve termine, ma fornendo l’attenzione del bambino, sotto forma di una nota di biasimo, in realtà si sta rafforzando l’idea che calci un adulto è un buon modo per ottenere la loro attenzione. Ricordate, non possiamo cambiare il comportamento di un bambino, ma siamo in grado di modificare l’ambiente che li circonda. Ancora più importante, siamo in grado di cambiare il nostro comportamento per garantire a tutti in famiglia ha un divertimento, successo stagione delle vacanze.


Adam Soffrin è un consulente educativo Bay territoriale, lavorando con le scuole e le famiglie per garantire che i bambini con disabilità ricevano servizi educativi inclusivi, appropriate, e di supporto. Adam racconta anche il suo lavoro sia come insegnante di educazione speciale e analista comportamentale sul suo sito web .