Pubblicato in 19 April 2019

Brain-Eating Amoeba: sintomi, Fonti, diagnosi, trattamento, Altro

amebe cervello-mangiareCondividi su Pinterest

Healthline ei nostri partner possono ricevere una parte dei ricavi, se si effettua un acquisto tramite un link in questa pagina.

Potreste aver sentito il cervello mangia-ameba termine, ma che cosa è esattamente? E lo fa in realtà mangiare il tuo cervello?

Il nome scientifico di questo ameba è Naegleria fowleri . E ‘un piccolo organismo, unicellulare che ha trovato in acqua dolce caldo e nel suolo.

Contrariamente al suo nome comune, questo un’ameba in realtà non mangiare il vostro cervello. Eppure, un Naegleria infezione può causare gravi danni al cervello e gonfiore che spesso conduce alla morte. La condizione è chiamata meningoencefalite amebica primaria (PAM).

Mentre questo un’ameba si trova in tutto il mondo, i casi di infezione sono in realtà piuttosto rari. Secondo i Centers for Disease Control (CDC), solo34 casi sono stati segnalati negli Stati Uniti tra il 2008 e il 2017.

I sintomi di una Naegleria infezione possono apparire ovunque da 24 ore a 14 giorni dopo l’esposizione iniziale per l’ameba.

I primi sintomi sono simili a quelli della meningite e possono includere:

  • febbre
  • forte mal di testa
  • nausea o vomito

Una volta che i sintomi iniziali si sviluppano, l’infezione progredisce rapidamente.

I sintomi successivi includono:

  • torcicollo
  • sensibilità alla luce
  • confusione
  • perdita di equilibrio
  • allucinazioni
  • convulsioni

L’ameba entra nel vostro corpo attraverso il naso. Si viaggia poi dal naso e al cervello, dove inizia a causare un’infezione. Contrariamente alla credenza popolare, non è possibile sviluppare un Naegleria infezione da bere acqua contaminata.

L’infezione si verifica in genere quando si sta nuotando in un lago d’acqua dolce caldo o fiume. È inoltre possibile incontrare l’ameba in altre fonti d’acqua, come l’acqua del rubinetto contaminata o piscine impropriamente clorurati, anche se questo è raro.

Inoltre, Naegleria ama il caldo e prospera in acqua tiepida o calda, in modo da infezioni tendono a verificarsi durante i mesi estivi, in particolare in mezzo a ondate di calore estesi.

Il Naegleria un’ameba può essere trovato in tutto il mondo. Oltre agli Stati Uniti, le infezioni sono state segnalate in Australia, Africa, Asia, Europa e America Latina.

Negli Stati Uniti, Naegleria si trova soprattutto negli Stati del sud, dove il clima è più caldo. Tuttavia, è anche stato trovato in stati del nord, come il Minnesota e il Connecticut.

Negli ultimi anni, ci sono stati un paio di notizie di persone in via di sviluppo Naegleria infezione dopo l’utilizzo di pentole neti per irrigare i loro seni.

Questi casi non sono stati a causa della pentola neti stesso. Invece, sono stati causati da utilizzando l’acqua del rubinetto contaminata in vasi neti, che ha permesso l’ameba per entrare naso della gente.

Se si utilizza una pentola neti, questi suggerimenti possono aiutare a evitare un’infezione:

  • Acquistare acqua che viene etichettato come “sterile” o “filtrata” da utilizzare nel neti pot.
  • Utilizzare l’acqua del rubinetto che è stata bollita per almeno un minuto e lasciata raffreddare.
  • Utilizzare un filtro per l’acqua che viene etichettato come soddisfare NSF serie 53. È possibile acquistare questi online .

Se pensate di avere un Naegleria infezione, prendere un appuntamento per vedere il vostro fornitore di cure mediche subito. Assicurati di far loro sapere se si è stati in qualsiasi acqua dolce di recente.

A seconda dei sintomi, possono raccogliere un campione di liquido cerebrospinale (CSF) per il test. CSF è il liquido che circonda e protegge il cervello e il midollo spinale. E ‘raccolte attraverso un processo chiamato una puntura lombare . Questo viene fatto inserendo un ago tra due delle vertebre nella parte bassa della schiena.

Una puntura lombare può fornire informazioni sulla pressione CSF così come i livelli di cellule del sangue e proteine , che sono anormali nelle persone con PAM. L’attuale Naegleria amebe può anche essere visibili al microscopio in un campione CSF.

Si può anche bisogno di avere un risonanza magnetica o TAC eseguita sulla vostra testa.

Perché l’infezione è così raro, ci sono studi limitati e studi clinici in materia di trattamenti efficaci per Naegleria infezione. La maggior parte informazioni sul trattamento viene dal di studi all’interno di un laboratorio o attraverso casi di studio.

Un trattamento promettente è l’antimicotico farmaci amfotericina B. Può essere somministrato per via endovenosa o iniettato nella zona attorno al midollo spinale.

Un altro nuovo farmaco chiamato miltefosine sembra essere utile per il trattamento Naegleria infezioni.

Ulteriori farmaci che possono essere somministrati per il trattamento di Naegleria infezione includono:

  • fluconazolo , un farmaco antifungino
  • azitromicina , un antibiotico
  • rifampicina, un antibiotico, sebbene possa interferire con altri farmaci usati per trattare l’infezione

L’infezione da Naegleria è molto rara, ma è sempre una buona idea di prendere alcune precauzioni quando si è passare il tempo in acqua.

Ecco uno sguardo ad alcuni suggerimenti per ridurre il rischio:

  • Evitare di nuotare o saltare in laghi d’acqua dolce, fiumi o corsi d’acqua, soprattutto durante la stagione calda.
  • Se si ha intenzione di fare il bagno in acqua dolce, cercare di mantenere la testa fuori dall’acqua. Considerare l’utilizzo di clip naso o turandosi il naso chiuso con le dita.
  • Cercate di non disturbare o calcio nel sedimento quando si nuota o giocare in acqua dolce.
  • Assicurati di fare il bagno solo in piscine che sono stati adeguatamente disinfettati.

L’infezione con l’ameba Naegleria fowleri può causare una condizione grave e spesso fatale chiamata primaria meningoencefalite amebica. L’infezione si verifica quando l’ameba entra nel vostro naso e viaggia al cervello.

Naegleria infezione è estremamente raro. Tuttavia, se si nuotare regolarmente in acqua dolce durante la stagione calda, si consiglia di prendere in considerazione alcune misure per ridurre il rischio.

Tag: infettivo, Salute,