Pubblicato in 14 March 2019

Sto oversharing Il mio cancro al seno Journey?

Come si vede le forme del mondo che scegliamo di essere - e la condivisione di esperienze interessanti in grado di inquadrare il modo in cui trattiamo l’un l’altro, per il meglio. Si tratta di una prospettiva potente.

D: Da quando la mia diagnosi di cancro al seno, sono stato distacco abbastanza apertamente su Facebook circa la mia esperienza. Non c’è davvero un sacco che non mi sento comodo dividere, ma io uso gli avvisi di contenuto se c’è dettagli grafici mediche, roba TMI, o qualsiasi altra cosa che potrebbe rendere le persone si sentono a disagio o attivazioni. Utilizzando i social media in questo modo mi aiuta a sentire meno sola durante il mio trattamento e mi permette di evitare di dover raggiungere le persone uno per uno se ho bisogno o voglio che sappiano certe cose.

Recentemente, però, alcuni dei miei familiari e amici intimi sono stati gentilmente mi interrogano su questo e dire le cose come, “Sei sicuro di volere veramente tutto questo là fuori?” Non sono sicuro di cosa si intende per “là fuori ”dal momento che il mio Facebook è amici-only. Capisco che non si è mai garantito la privacy su Internet, ma non è che sto facendo saltare fuori a 500.000 casuali followers su Twitter. Hanno ragione? Dovrei essere più privato circa il mio trattamento?

R: Buon per voi per fare quello che ti aiuta a far fronte con il trattamento e accedere al vostro sistema di supporto. Molte persone trovano veramente utile per essere aperti sui social media durante il trattamento del cancro e anche dopo la remissione, per i motivi che lei ha citato e molti altri. Altri preferiscono mantenere le cose in linea il più possibile, che è anche una scelta valida.

Mentre la gente può essere di destra che ci potrebbero essere alcune conseguenze negative per la vostra decisione, come pure - più su che in un po ‘- è un po’ ingiusto di loro a ritenere che non si è già pensato.

Ero super aperto su Facebook e sul mio blog durante il mio trattamento. Mi ha aiutato molto. Mi ha permesso di ottenere ancora di più sostegno, sia emotivo e pratico, di quanto io avrei fatto diversamente. Come voi, sono stato in grado di dire le cose una volta e poi fare riferimento la gente ai relativi posti piuttosto che ripetere cose che sarebbe stato faticoso o addirittura doloroso per ripetere.

E perché ho messo tutti i miei post correlati al cancro in uno speciale album di Facebook dal titolo “Cazzo Donald” ( “Donald” è il nome che ho dato la mia tetta cancerosa), sono stato in grado di avere una copia scritta di quello stesso anno della mia vita che ho conoscere la volontà di essere estremamente utile in seguito. (Per tutto ciò che tutti mi ha detto di tenere un diario, chi diavolo ha tempo per questo tra tutti quegli appuntamenti, la stanchezza, e tenere il passo con il più della tua vita normale, come si può?)

I miei amici spesso mi hanno detto che hanno beneficiato dalla mia apertura, anche. Molti hanno detto che hanno imparato molto di più sul cancro al seno di quanto mai pensato che avrebbero bisogno o vogliono sapere - la conoscenza che molti di loro sentiva sarebbe probabilmente utile in seguito. Alcuni dicono che i miei post li ha aiutati a entrare in empatia meglio non solo con me, ma con tutti sapevano che aveva una malattia cronica o gravi.

Essi hanno inoltre rilevato che sapere cosa stava succedendo con me e come potrebbero sostenere me è stato un sollievo, non un peso

Detto questo, alcune persone scelgono di tacere o addirittura in silenzio circa il loro trattamento del cancro in linea. E questo è loro prerogativa! Ciò che è giusto per una persona non è necessariamente giusto per un altro.

Io certamente sperimentato alcuni svantaggi di condividere un sacco: commenti condiscendenti o nocive (la mia frase preferita per un po ‘è stato “Io non sto chiedendo per un consiglio, ho piena fiducia nella mia squadra medica”), le persone la presunzione di conoscere e capire le cose che non poteva sapere o capire, l’ansia da parte mia che mi stessi allontanando o persone schiacciante soprattutto nuovi contatti, e, naturalmente, la possibilità vaga, ma-come-ancora-non realizzato che questo tornerà a mordere me più tardi.

Alcune persone preferiscono non avere a che fare con la gente preoccuparsi di loro, rendendo tali osservazioni inutili, o bombardare con messaggi. Potrebbero lavorare in settori in cui le loro prospettive di lavoro potrebbero subire se essi rivelano informazioni mediche personali online. (Se si rifiutano di assumere qualcuno perché hanno avuto il cancro, si stanno facendo un errore, il mio amico, perché siamo feroce.)

Potrebbero anche solo di lavoro in modo diverso da te e me, e preferiscono trovare il loro sostegno altrove.

Non ci può essere un aspetto negativo di questo, anche, naturalmente. Avendo a mantenere l’immagine di te senza cancro alla maggior parte delle persone che interagiscono con nel corso dei mesi o anni che stai passando trattamento può prendere il suo pedaggio.

La gente potrebbe anche scoprire attraverso gli altri, e poi avere a che fare con il disagio conseguente. Può anche essere isolare e deprimente per accedere e vedere la vostra immagine del profilo - ex capelli e tutti - e sapere che ciò che molte persone stanno vedendo non è quello che sta succedendo, a tutti.

Ma questa è la chiave: È la vostra scelta.

Se avete pensato attraverso i pro ei contro e si sta facendo ciò che ritiene giusto per voi, questo è il meglio che si può fare - è il miglior qualsiasi di noi può fare

Forse i tuoi amici e familiari interessati credo che ci scelgono in modo diverso se fossero nei tuoi panni - non che essi hanno alcun modo di sapere. O forse non sono così preoccupato per te avere la vostra esperienza “là fuori” a tutti, e che stanno solo cercando di trovare un modo socialmente appropriato per dirvi che la vostra condivisione è troppo per loro.

Ma prendersi cura dei loro sentimenti non è vostra responsabilità in questo momento. La vostra responsabilità è quello di prendere la migliore cura è possibile a te.

Certo, forse i tuoi messaggi causeranno una persona ignorante per giudicare voi, smettere di essere tuo amico, o si nega un lavoro. Queste sono preoccupazioni valide, e si arriva a decidere come navigare loro.

Ma forse faranno porterà più l’amore e il supporto che si possa immaginare, salvare la vita di qualcuno che decide di fare finalmente un seno auto-esame, e anche voi avere l’opportunità di pubblicare il proprio rubrica di consigli quando tutto questo sarà finito. (Ehi, è successo ad almeno una persona io sappia …)

Non si sa mai.

Vostro nel tenacia,

Miri


Miri Mogilevsky è uno scrittore, insegnante, e la pratica terapeuta a Columbus, Ohio. Essi detengono una laurea in psicologia presso la Northwestern University e un Master in Social Work presso la Columbia University. Essi sono stati diagnosticati con cancro al seno fase 2a nel mese di ottobre 2017 e il trattamento completato nella primavera del 2018. Miri possiede circa 25 parrucche diverse dai loro giorni chemio e ne gode la distribuzione strategicamente. Oltre al cancro, ma anche scrivono di salute mentale, l’identità queer, il sesso sicuro e il consenso, e giardinaggio.