Pubblicato in 29 September 2014

Fattori di rischio di cancro del collo dell'utero

Il cancro cervicale si verifica quando una crescita anormale delle cellule (displasia) si trova sulla cervice, che si trova tra la vagina e l’utero. E spesso si sviluppa nell’arco di diversi anni. Poiché ci sono pochi sintomi, molte donne non hanno nemmeno sanno di averlo.

Di solito il cancro cervicale è rilevato in un Pap test durante una visita ginecologica. Se è trovato in tempo, può essere trattata prima che causi grossi problemi.

Il National Cancer Institute stima che ci saranno oltre 13.000 nuovi casi di cancro cervicale nel 2019. L’infezione da papillomavirus umano (HPV) è uno dei più importanti fattori di rischio per lo sviluppo di cancro del collo dell’utero.

Tuttavia, ci sono anche altri fattori che possono mettere a rischio pure.

HPV è un infezioni a trasmissione sessuale (STI) . Può essere trasmesso attraverso il contatto pelle a pelle o durante il sesso orale, vaginale o anale.

HPV è una delle malattie sessualmente trasmissibili più comuni negli Stati Uniti. IlCentri per il Controllo e la Prevenzione delle Malattie stima che almeno la metà della popolazione acquisterà una forma di HPV ad un certo punto della loro vita.

Ci sono molti ceppi di HPV . Alcuni ceppi sono HPV basso rischio e verruche causano sopra o intorno ai genitali, ano e bocca. Altri ceppi sono considerati ad alto rischio e possono causare il cancro.

In particolare, i tipi di HPV 16 e 18 sono più associati con il cancro cervicale. Questi ceppi invadono i tessuti del collo dell’utero e più volte causano alterazioni temporali nelle cellule della cervice e le lesioni che si sviluppano in cancro.

Non tutti coloro che hanno l’HPV si sviluppa il cancro. In realtà, spesso l’infezione da HPV va via da solo.

Il modo migliore per ridurre la probabilità di contrarre l’HPV è quello di praticare sesso con il preservativo o altri metodi di barriera. Inoltre, ottenere Pap test regolari per vedere se l’HPV ha causato cambiamenti nelle cellule cervicali.

Altre malattie sessualmente trasmissibili possono anche mettere a rischio per il cancro del collo dell’utero. Il virus dell’immunodeficienza umana (HIV) indebolisce il sistema immunitario. Questo rende più difficile per il corpo per combattere il cancro o infezioni come HPV.

Secondo l’ American Cancer Society , le donne che attualmente hanno o hanno avuto clamidia sono più probabilità di sviluppare il cancro cervicale. Clamidia è uno STI che è causata da un’infezione batterica. E spesso non ha sintomi.

Alcuni fattori di rischio per il cancro del collo dell’utero sono legati alle abitudini di vita. Se fumate, si è due volte più probabilità di sviluppare il cancro della cervice uterina. Il fumo riduce la capacità del sistema immunitario di combattere le infezioni come l’HPV.

Inoltre, il fumo introduce sostanze chimiche che possono causare il cancro nel vostro corpo. Queste sostanze chimiche sono chiamate sostanze cancerogene. Sostanze cancerogene possono causare danni al DNA nelle cellule della cervice. Possono giocare un ruolo nella formazione del cancro.

La vostra dieta può anche influenzare la probabilità di ammalarsi di cancro del collo dell’utero. Le donne con obesità sono maggiori probabilità di sviluppare alcuni tipi di cancro del collo dell’utero. Le donne la cui dieta è povera di frutta e verdura sono anche a più alto rischio di sviluppare il cancro del collo dell’utero.

Le donne che assumono contraccettivi orali che contengono versioni sintetiche degli ormoni estrogeni e progesterone percinque o più anni sono a più alto rischio per il cancro del collo dell’utero rispetto alle donne che non hanno mai presi contraccettivi orali.

Tuttavia, il rischio di cancro della cervice uterina diminuisce dopo la sospensione di contraccettivi orali. Secondo l’American Cancer Society, il rischio ritorna alla normalità dopo circa 10 anni .

Le donne che hanno avuto un dispositivo intrauterino (IUD) sono in realtà a minor rischio per il cancro cervicale rispetto alle donne che non hanno mai avuto uno IUD. Questo è ancora vero anche se il dispositivo è stato utilizzato per meno di un anno.

Ci sono molti altri fattori di rischio per il cancro del collo dell’utero. Le donne che hanno avuto più di tre gravidanze a termine o che erano di età inferiore ai 17 anni al momento della loro prima gravidanza a termine sono a più alto rischio per il cancro del collo dell’utero.

Avere una storia familiare di cancro del collo dell’utero è anche un fattore di rischio. Ciò è particolarmente vero se tale parente diretto come tua madre o la sorella ha avuto il cancro del collo dell’utero.

Essere a rischio per ottenere qualsiasi tipo di cancro può essere mentalmente ed emotivamente impegnativo. La buona notizia è che il cancro del collo dell’utero può essere prevenibili. Si sviluppa lentamente e ci sono un sacco di cose che potete fare per ridurre le probabilità di sviluppare il cancro.

Un vaccino è disponibile per la protezione contro alcuni dei ceppi di HPV più probabilità di causare il cancro cervicale. E ‘attualmenteconsigliato per ragazzi e ragazze di età da 11 a 12. E ‘anche raccomandato per le donne fino a 45 anni e gli uomini fino a 21 anni che non sono stati precedentemente vaccinati.

Se siete in questa fascia di età e non sono stati vaccinati, si dovrebbe parlare con il medico di vaccinazione.

Oltre alla vaccinazione, praticare sesso con il preservativo o altri metodi di barriera e smettere di fumare se si fuma sono passi fondamentali che si possono adottare per prevenire il cancro del collo dell’utero.

Fare in modo che si ottiene regolari screening per il tumore del collo dell’utero è anche una parte importante di ridurre il rischio di cancro della cervice uterina. Come spesso si deve essere sottoposti a screening? I tempi e tipo di screening dipende dalla vostra età.

Gli Stati Uniti Preventive Task Force ha recentemente rilasciato aggiornato raccomandazioniper screening del cancro cervicale. Loro includono:

  • Le donne di età inferiore ai 21 anni: lo screening del cancro del collo dell’utero non è raccomandato.
  • Donne di età da 21 a 29 : lo screening del cancro del collo dell’utero attraverso la sola Pap test ogni tre anni.
  • Donne di età da 30 a 65: tre opzioni per lo screening del cancro del collo dell’utero, tra cui:
    • Pap test da solo ogni tre anni
    • test HPV ad alto rischio (hrHPV) da solo ogni cinque anni
    • sia Pap test e hrHPV ogni cinque anni
  • Le donne di età 65 e più anziani: lo screening del cancro del collo dell’utero non è raccomandato, a condizione che un adeguato screening preliminare è stata eseguita.

Ci sono diversi fattori di rischio diversi per sviluppare il cancro cervicale. Il più importante dei quali è l’infezione da HPV. Tuttavia, altre abitudini di malattie sessualmente trasmissibili e stile di vita possono anche aumentare il rischio.

Ci sono molte cose diverse che si possono fare per contribuire a ridurre il rischio di ammalarsi di cancro del collo dell’utero. Questi possono includere:

  • vaccinarsi
  • ricevendo regolari screening per il tumore del collo dell’utero
  • praticare sesso con il preservativo o altri metodi di barriera

Se stai diagnosticato un cancro del collo dell’utero, parlare con il medico per discutere le opzioni. In questo modo, sarete in grado di sviluppare un piano di trattamento che è meglio per voi.