/ Salute  / Demenza 

Che cosa significa essere un caregiver

Kay Bransford bio

Una nuova normalità

La maggior parte delle persone non ha intenzione di bisogno di qualcuno più tardi nella vita per gestire le loro esigenze mediche e finanziarie. Ma la realtà è che il 70 per cento delle persone di età 65 anni e più hanno bisogno di una qualche forma di lungo termine cura.

Nel 2012, quattro anni dopo i miei fratelli e ho iniziato a preoccuparsi circa la capacità dei nostri genitori per mantenere la loro salute e sicurezza, mi hanno permesso di intervenire e avvocato per loro. Spostamento in una casa assisted living è stato un punto di svolta per loro, e ha permesso loro di riconoscere che le loro esigenze erano cambiate.

I miei genitori e non ho mai apertamente discusso questo cambiamento di ruoli. Ho appena fatto un passo dentro e aiutato, essendo sempre consapevoli che erano i miei genitori e io ero il loro bambino. Invece di spingere fuori della loro attività, mi hanno accolto in conversazioni su come sarebbero stati passano il loro tempo e denaro. Ho avuto l’onore che i miei genitori mi ha affidato aiutandoli a gestire le loro vite.

Ho anche sentito la malinconia di questo cambiamento. La realtà era che i miei genitori erano veramente in grado di gestire i propri compiti e contava su di me per fare delle scelte per loro. Anche se avessi saputo da qualche tempo, avendo i miei genitori riconoscono questo è stato un momento cruciale.

Ottenere i vostri anatre legali di fila

Molto prima che hanno ricevuto le loro diagnosi di demenza, mia sorella, che è un avvocato, ha consigliato i nostri genitori per aggiornare la loro volontà individuali. A quel tempo, erano entrambi nei loro anni ‘70.

A causa della loro età, anche lei li ha incoraggiati ad assegnare poteri finanziari e medico di incarico. Ciò garantirebbe che se fossero mai incapaci, qualcuno potrebbe agire per loro conto.

Così, nel 2002, i miei genitori hanno fatto ciò che la saggezza convenzionale consigliato: Hanno creato un piano di lottizzazione che comprendeva:

  • un potere durevole di avvocato (POA)
  • un POA sanitario
  • un trust
  • testamenti

Quando i miei genitori aggiornati i loro piani immobiliari, hanno chiamato mia sorella il loro agente primario. Oltre ad essere un avvocato, lei è anche la più antica di noi quattro bambini, quindi questo sembrava una buona scelta al momento.

Non avevano considerato il fatto che ha vissuto in tutto il paese. Se qualcosa dovesse accadere, non sarebbe in grado di partecipare a visite mediche o raccogliere le bollette quando sono venuti in.

Termini legali

  1. potere durevole di avvocato (POA): Qualcuno che ha l’autorità legale di agire per conto vostro finanziariamente.
  2. POA medica: Qualcuno che ha l’autorità legale per prendere decisioni circa la vostra assistenza sanitaria.
  3. agente primario (chiamato anche l’avvocato-in-fatto): Una persona che è designato ad agire per conto di un’altra persona. Essi possono prendere alcuna decisione o di firmare qualsiasi documento su un altro conto di.
  4. Capacità decisionale: la capacità di una persona a prendere le proprie decisioni. Questo valutata dal medico.

Fast forward al 2013. I miei genitori erano al loro fisico annuale quando il loro medico raccomandato che aggiorniamo i loro poteri durevoli e mediche. Le attuali POA elencati mia sorella come l’agente principale, e io ero l’agente secondario. Il medico ha suggerito che da quando ero bambino locale, dovrei essere l’agente primario. Il medico ha anche detto che dobbiamo essere preparati per un massimo di 10 anni di cura per uno o entrambi i miei genitori.

Prima che i nostri genitori hanno firmato i poteri aggiornate di avvocato che mi avrebbe elencare come loro agente primario, abbiamo avuto il loro medico convalidare per iscritto che entrambi avevano la capacità decisionale.

Ci hanno detto che se non avessimo avuto la loro capacità decisionale documentato, il loro avvocato immobiliare potrebbe rifiutarsi di aggiornare il potere di documenti legali. Ci hanno anche detto che, a causa di diagnosi di demenza dei nostri genitori, il nuovo potere di documenti legali potrebbe essere contestata sotto la premessa di frode assistenza agli anziani.

Abbiamo voluto garantire che abbiamo fatto tutto il libro in modo che siamo riusciti a ottenere gli strumenti in atto per aiutare i nostri genitori.

I fratelli possono essere una benedizione o una maledizione

fratellifratelli di citazione

Uno dei problemi più difficili per le famiglie si verifica quando i figli maggiorenni non sono d’accordo su ciò che è meglio per la mamma o il papà. Perché i miei genitori erano così resistente ad accettare qualsiasi aiuto dai loro figli adulti, io ei miei fratelli è costretto a lavorare insieme per ottenere i nostri genitori l’aiuto di cui avevano bisogno.

Abbiamo affrontato una serie di questioni, come il modo di gestire portafoglio finanziario dei nostri genitori. rischio padre era contrario o aggressivo nella gestione dei loro investimenti? Era un farmaco per fare la mamma meno ansioso pena un aumento del rischio di un altro ictus? Dovremmo spostare mamma fuori dalla sua comunità di residenza assistita corrente in una nuova comunità progettato per le persone con bisogni di cura della memoria?

Abbiamo sicuramente fatto non tutti sono d’accordo. Abbiamo organizzato conference mensile chiama a prendere queste decisioni, e quando grandi temi incombevano avremmo chiamate settimanale.

Quando abbiamo iniziato ad avere disaccordi, abbiamo messo regole di ingaggio in atto per aiutare a risolvere le controversie:

  1. I coniugi sono invitati a partecipare, ma solo discendenti diretti possono votare.
  2. Va bene non essere d’accordo, ma non è bene essere sgradevole.
  3. Maggioranza governa su ogni votazione, a meno che non impatti nessuno di noi finanziariamente. Se l’esito della votazione impatti finanziariamente, il voto deve essere unanime.

Ci sono quattro di noi, così abbiamo potuto hanno finito con un pareggio quando si trattava di voto, ma non abbiamo mai fatto. Anche se ero l’agente primario, ho contato i miei fratelli per aiutarmi a fare le decisioni per i nostri genitori e come vorrei utilizzare i loro beni. Non abbiamo mai voluto correre qualcosa; invece, abbiamo preso il tempo di ascoltare l’altro e di ricerca le nostre opzioni. Volevamo essere sicuri che abbiamo veramente capito cosa stavamo facendo scelte circa. A causa di questo, i nostri voti decisivi erano spesso unanime.

Il nostro principio guida è stato il fatto che stavamo perdendo i nostri genitori, e nel tentativo di onorarli, abbiamo deciso di fare del nostro meglio per non perdere l’un l’altro nel processo.

Gestire una vita in tandem

Per me, la sfida più grande era capire come aiutare i miei genitori senza privandoli di un senso di scopo.

A causa di questo, semplici commissioni hanno preso un nuovo significato. Ad esempio, è stato facile raccogliere la biancheria intima nuova per la mia mamma mentre stavo facendo il mio shopping. Ma quando li ho dato a lei, avrebbe inevitabilmente trovare qualcosa di sbagliato con l’acquisto.

gestione della vita in preventivo tandemgestione della vita in tandem

Non importava che già possedeva l’esatto stesso tipo - che voleva andare al negozio e scegliere la propria. Mi sono reso conto che si trattava di più sul suo sentimento in controllo della mia incapacità di acquistare il giusto tipo di mutandine di cotone.

Anche se sarebbe più facile da fare solo le cose per la mia mamma e papà, ho dovuto riconoscere i miei genitori non erano i bambini che avevano bisogno di genitorialità. Hanno solo bisogno di un aiuto supplementare navigare le loro vite.

Ad esempio, anche se la mia mamma non è più gestito le finanze, che voleva mantenere il suo libretto degli assegni nel suo portafoglio. Questo l’ha aiutata a sentire come se lei portava ancora una parte di responsabilità finanziaria.

Mentre la sua demenza progredito, ha iniziato a riporre male il portafoglio. Abbiamo voluto che fosse in grado di mantenere il suo libretto degli assegni, per cui abbiamo aperto un nuovo conto corrente contenente una piccola quantità di denaro. Ci siamo scambiati fuori il libretto degli assegni in modo che il conto che ha ricevuto la pensione di papà ei loro pagamenti di sicurezza sociale non era a rischio.

Assumendo nuove responsabilità

Dopo che i miei genitori si sono trasferiti nella loro comunità di vita assistita, e le nuove deleghe sono state messe in atto, sono stato responsabile per le finanze dei miei genitori.

Ciò ha incluso il loro pagamento delle bollette, la cura e le fatture mediche, e le spese di proprietà.
Uno dei miei fratelli ha aiutato monitorare e gestire il loro conto pensionistico primario, ma ho preso cura di tutto il resto.

Ho anche agito come il loro avvocato di assistenza sanitaria e ha frequentato tutte le loro visite mediche. In poco tempo, ogni appuntamento ha iniziato a sentirsi come un rapido giro-il-fuoco in un game show.

Quando siamo arrivati ​​presso l’ufficio del medico, avrei trovato i miei genitori un posto a sedere e di offrire il check-in e compilare tutti i moduli. La realtà era che i miei genitori erano in grado di rispondere a molte delle domande sul lavoro di ufficio. Invece di limitarsi a farlo per loro, ho chiesto se mi piacerebbe fare tutto della scrittura. Hanno sempre detto di sì.

Le visite di solito è iniziato con una carrellata verbale di tutto quello che avevo documentato sul modulo di aspirazione. Anche se questo suona come una semplice parte della routine, causerebbe informazioni critiche a cadere attraverso le fessure.

Per esempio, quando hanno chiesto a mio padre che i farmaci che stava prendendo, avrebbe detto “nessuno”, anche se questo non era il caso. Altre volte si è dimenticato che aveva una spina nel suo fianco destro. Dopo la mia mamma non è riuscito a riportare il suo ictus recente, ho iniziato a interporre con le risposte corrette.

Avere me parlare per loro realizzato entrambi i miei genitori a disagio, così ho dovuto cambiare il modo abbiamo affrontato ogni appuntamento. Ho iniziato a portare una nota di pre-scritto a mano con le forme di aspirazione. La nota ha detto: “Il mio genitore è stato diagnosticato con demenza e non è in grado di fornire un rapporto verbale su loro farmaci o la storia medica, si prega di fare riferimento alle forme di assunzione.”

Questo cambiamento ha contribuito a rendere ogni appuntamento un po ‘più facile e ha assicurato che il medico ha avuto le informazioni più aggiornate sulle condizioni dei miei genitori.

Coltivare il tempo che avete

A seconda della settimana, avrei passato ore e ore in seguito con i medici, pagare le bollette, e coordinare i pasti e le attività. Con il tempo ho finito di ciò che è stato richiesto di me come un caregiver, sarei esausto e pronto a colpire il fieno.

Ma io non volevo perdere gli aspetti spensierati della mia relazione con i miei genitori - i sorrisi, le risate, la gioia. Ho lavorato duro per preservare le occasioni speciali e continuare con tradizioni familiari.

mamma e papàmamma e papà

Quando mia madre si voltò 82, mia figlia e ho confezionato fino 82 piccole scatole regalo di varie dimensioni. Abbiamo riempito ognuno con la caramella. Ogni scatola conteneva un pezzo di cioccolato preferito Russell Stover di mia madre o di un paio di arachidi M & Ms.

Abbiamo messo le scatole in un grande cesto, organizzato alcuni palloni, e ha preso i miei genitori fuori a pranzo per festeggiare. Anche dopo che il cioccolato non c’era più, la mia mamma non mi permetteva di tirare i contenitori di regalo variopinti avevamo confezionati per il suo compleanno.

Anche se la mia mamma e papà sia la perdita di memoria con esperienza, non volevo loro di perdere su compleanni o anniversari. Volevo che siano in grado di portare avanti e godere di queste celebrazioni in questo momento.

Far fronte con il tuo ruolo in evoluzione

Perché ero quello prendersi cura dei miei genitori, mi è stato anche accusato di tenere tutti fino a velocità di quello che stava succedendo e come sono state facendo. Così ho iniziato un blog.

E ‘stato faticoso per raccontare le stesse storie più e più volte. A volte, le cose erano così male che solo dicendo ad alta voce accesa l’acquedotto … e io non sono un banditore. Ho scoperto che scrivere queste storie mi ha aiutato a processo e di riflettere sulle questioni che stavo affrontando.

Il bonus inaspettato è stato che gli altri potessero commentare i miei post e offrire suggerimenti. Il mio blog è diventato uno sbocco enorme per me non solo di condividere quello che stava succedendo, ma per elaborare e migliorare le mie capacità assistenziale.

allevare bambini quoteallevare bambini

Agendo come badante dei miei genitori era una responsabilità enorme, ed è facilmente prese 20 ore o più alla settimana. Tra alzando due figli e sostenere le esigenze dei miei genitori, il mio lavoro a tempo pieno è diventato schiacciante. Mio marito capito quando ho avuto bisogno di passare dal mio lavoro dirigente di una Fortune 200 società. Anche se questo ha causato difficoltà finanziarie per la mia famiglia, abbiamo capito che era la cosa giusta da fare.

Il mio viaggio caregiving inviato la mia vita lungo un nuovo percorso, e ho finito per lanciare un business per aiutare altri operatori sanitari. Avevo bisogno di trovare un significato e uno scopo al di là di essere solo un caregiver. Volevo anche essere in grado di contribuire finanziariamente alla mia famiglia.

Non lasciate che il senno di poi la peste i tuoi pensieri

Quando riflettere indietro su un appuntamento, decisione, o evento, è importante ricordare che hai fatto la migliore decisione che potrebbe utilizzare le informazioni che avevi.

Ho curato entrambi i miei genitori fino alla fine della loro vita, e ho dovuto fare delle scelte difficili di fine vita per loro.

Uno che continua ad affliggere me è la scelta di spostare mamma dalla sua comunità assisted living originale ad una comunità dedicata esclusivamente alla cura per le persone che hanno problemi di memoria. Mi chiedo se avrei dovuto trasferita in casa mia.

Per anni, mia mamma ha detto che non ha mai voluto vivere con i suoi figli. Abbiamo avuto un amico di famiglia che ha scherzato di mettere un letto d’ospedale nel soggiorno del suo bambino quando ha ottenuto più anziani, ma mia mamma era fermamente convinto che lei non avrebbe mai voluto i suoi figli di avere a prendersi cura di lei.

mammamamma

Quando la comunità assisted living che viveva in non era più la soluzione migliore per lei, i miei fratelli e ho cercato per una nuova comunità. Al momento, ci aspettavamo la mamma a vivere per molti anni ancora.

Guardando indietro, mi chiedo che cosa avrei fatto se avessi saputo che la mamma avrebbe solo un altro anno di vita. Avrei riconsiderare il suo desiderio di vivere in una comunità e il suo andare a vivere con me? Per molte ragioni, so che la comunità è stata la scelta migliore per tutte le persone coinvolte, ma non posso fare a meno di chiedersi circa il peso e le conseguenze delle scelte che ho fatto.

E ‘facile a chiedersi “E se?”, Ma devo ricordare a me stesso che non serve uno scopo. So che ho fatto le migliori decisioni possibili utilizzando le informazioni che ho avuto in quel momento. E non importa quanto io immagino secondo quelle scelte - ancora non porterà i miei genitori verso di me. Ciò che conta ora è che io sono in pace con le decisioni che ho preso.

Recuperare il ritardo su prima parte: La lotta per diventare dei miei genitori badante »