Pubblicato in 24 October 2018

Il 4 modi depressione può fisicamente influenzare il vostro cervello

Si stima che 16,2 milioni di adulti negli Stati Uniti hanno avuto almeno un episodio depressivo maggiore nel 2016.

Mentre la depressione può colpire una persona psicologicamente, ma ha anche il potenziale per influenzare strutture fisiche nel cervello. Questi cambiamenti fisici vanno da infiammazione e restrizione ossigeno, a contrazione effettiva.

In breve, la depressione può avere un impatto il centro di controllo centrale del sistema nervoso.

Per chi fosse interessato a saperne di più su come la depressione può colpire il cervello fisico, e modi per evitare questi cambiamenti potenzialmente, abbiamo posto tutto per voi.

restringimento del cervello

depressione del cervelloCondividi su Pinterest

L’ ultima ricerca mostra che la dimensione delle specifiche regioni cerebrali può diminuire nelle persone che soffrono di depressione.

I ricercatori continuano a discutere quali regioni del cervello possono ridursi a causa di depressione e di quanto. Ma oggi gli studi hanno dimostrato che le seguenti parti del cervello possono essere colpiti:

  • ippocampo
  • talamo
  • amigdala
  • frontale
  • corteccia prefrontale

L’importo queste aree si restringono è legata alla gravità e la lunghezza episodio depressivo dura.

Nell’ippocampo, per esempio, cambiamenti notevoli possono verificarsi ovunque da 8 mesi a un anno nel corso di un singolo attacco di depressione o multiple, episodi più brevi.

Detto questo, quando una sezione del cervello si restringe, in modo da fare le funzioni associate a quella particolare sezione.

Per esempio, la corteccia prefrontale e l’amigdala lavorano insieme per controllare le risposte emotive e il riconoscimento dei segnali emotivi in altre persone. Ciò può potenzialmente contribuire a una riduzione della empatia in individui che hanno la depressione post-partum (PPD) .

cervello infiammazione

Condividi su Pinterest

Ci sono anche nuovi collegamenti che sono fatti tra infiammazione e depressione. E ‘ancora chiaro, tuttavia, se l’infiammazione provoca depressione o viceversa.

Ma l’infiammazione del cervello durante la depressione è legata alla quantità di tempo che una persona è stato premuto. Unostudi recenti hanno dimostrato che le persone depresse per più di 10 anni hanno mostrato il 30 per cento più infiammazione rispetto alle persone depresse per meno tempo.

Come risultato, significativo l’infiammazione del cervello è più probabile che sia rilevante nel disturbo depressivo persistente.

A causa l’infiammazione del cervello può causare le cellule del cervello a morire, questo può portare a una serie di complicazioni, tra cui:

  • restringimento (discusso sopra)
  • diminuita funzione dei neurotrasmettitori
  • ridotta capacità del cervello di cambiare con l’invecchiamento della persona (neuroplasticità)

Insieme, questi possono portare a disfunzioni in:

  • lo sviluppo del cervello
  • apprendimento
  • memoria
  • umore

limitazione di ossigeno

La depressione è stata collegata ad una riduzione di ossigeno nel corpo. Questi cambiamenti possono essere dovute a cambiamenti nella respirazione causati dalla depressione - ma che viene prima e provoca l’altro rimane sconosciuta.

Un fattore cellulare prodotta in risposta al cervello non ottenere abbastanza ossigeno (ipossia) è elevata nelle cellule immunitarie specifiche trovati in persone con disturbo depressivo maggiore e disturbo bipolare.

Nel complesso, il cervello è molto sensibile a riduzioni di ossigeno, che può portare a:

  • infiammazione
  • lesioni delle cellule cerebrali
  • morte delle cellule cerebrali

Come abbiamo imparato, l’infiammazione e la morte cellulare può portare a una serie di sintomi associati con lo sviluppo, l’apprendimento, la memoria e l’umore. Anche l’ipossia a breve termine può portare a confusione, molto simile a ciò che è osservato con gli escursionisti d’alta quota.

Ma i trattamenti da camera con ossigeno iperbarico, che aumentano la circolazione di ossigeno, hanno dimostrato di alleviare i sintomi della depressione negli esseri umani.

I cambiamenti strutturali e connettivi

Condividi su Pinterest

Gli effetti della depressione sul cervello possono anche tradursi in cambiamenti strutturali e connettivi.

Questi includono:

  • Funzionalità ridotte dell’ippocampo. Ciò può portare a disturbi della memoria.
  • Ridotta funzionalità della corteccia prefrontale. Ciò può portare a prevenire la persona di ottenere le cose fatte (funzione esecutiva) e influenzano la loro attenzione.
  • Ridotta funzionalità dell’amigdala. Questo può influenzare direttamente l’umore e regolazione emotiva.

Modifiche in genere prendono un minimo di otto mesi sviluppare.

Il potenziale per la disfunzione persistere in memoria, funzioni esecutive, l’attenzione, l’umore, e la regolazione emotiva esiste dopo attacchi di depressione più lunga durata.

La prevenzione del suicidio

  • Se pensate che qualcuno è a rischio immediato di autolesionismo o di ferire un’altra persona:
  • • chiamare il 911 o il tuo numero di emergenza locale.
  • • Resta con la persona fino all’arrivo dei soccorsi.
  • • Rimuovere eventuali pistole, coltelli, i farmaci, o altre cose che possono causare danni.
  • • Ascolta, ma non giudicare, discutere, minacciano, o urlo.
  • Se voi o qualcuno che conosci sta prendendo in considerazione il suicidio, ricevere aiuto da una crisi o di suicidio prevenzione hotline. Prova la National Suicide Prevention Lifeline al 800-273-8255.

Come posso aiutare a prevenire questi cambiamenti?

Mentre ci sono un certo numero di modi per trattare i sintomi della depressione, questi passaggi hanno il potenziale per prevenire o ridurre al minimo le modifiche di cui sopra anche.

Alcuni esempi includono:

Chiedere aiuto

E ‘molto importante essere disposti a chiedere aiuto. Purtroppo, lo stigma intorno malattie mentali è uno dei principali ostacoli per le persone Richiesta di aiuto, soprattutto tra gli uomini.

Quando abbiamo capito che la depressione è una malattia fisica - come abbiamo mostrato in precedenza - può aiutare la società allontanamento da questi stigmi.

Se si dispone di depressione, si ricordi che non è colpa tua e non siete soli.

Cognitive e del gruppo di terapia , in particolare quelli che incorporano tecniche di consapevolezza anti-stress, può essere una grande risorsa per trovare sostegno e superare queste stimmi. Hanno anche stato dimostrato per contribuire a trattare i sintomi della depressione.

l’assunzione di antidepressivi

Se si sta attualmente vivendo un episodio depressivo, gli antidepressivi possono aiutare a prevenire i cambiamenti fisici che possono verificarsi. Essi possono essere aiuti efficaci nella gestione di questi effetti fisici, così come i sintomi della depressione.

Una combinazione di psicoterapia e antidepressivi può essere incredibilmente efficace in entrambe lotta contro i cambiamenti fisici e aiutare a far fronte con i sintomi.

Ridurre lo stress

Se non si è attualmente depresso, il modo migliore per prevenire questi cambiamenti del cervello è quello di prevenire l’insorgenza di un episodio depressivo.

Ci sono considerevoli prove che collega stress psicologico per l’avvio di episodi depressivi in molte forme di depressione.

Basta chiedere a qualcuno di diminuire la quantità di stress nella loro vita può sembrare impossibile o scoraggiante - ma in realtà vi sono alcuni cambiamenti semplici e brevi che si possono fare per contribuire a ridurre lo stress.

Check out alcuni grandi esempi qui .

Se sei depresso, sappiate che non siete soli e che ci sono una serie di risorse utili là fuori. Check-out:


Sarah Wilson ha il suo dottorato in neurobiologia presso l’University of California, Berkeley. Il suo lavoro si concentra sul tocco, prurito e dolore. Ha anche autore di numerose pubblicazioni di ricerca primaria in questo campo. Il suo interesse è ora focalizzata sulla modalità di guarigione per il trauma e l’odio di sé, che vanno dal corpo / lavoro somatiche a letture intuitive per ritiri di gruppo. Nella sua pratica privata che lavora con individui e gruppi per la progettazione di piani di guarigione per queste esperienze umane diffuse.