Pubblicato in 31 October 2017

Come essere umano: parlare con la gente con la dipendenza

Quando si tratta di dipendenza, usando un linguaggio people-prime non sempre attraversa la mente di tutti. In realtà, non era in realtà il mio attraversato fino a poco tempo. Diversi anni fa, molti amici hanno sperimentato dipendenza e disturbi da uso di sostanze. Gli altri del nostro gruppo di amici estesa overdose e morte.

Prima di lavorare a Healthline, ho lavorato come assistente di cura personale per una donna con disabilità in tutto il college. Lei mi ha insegnato tanto e mi ha portato fuori dalla mia ignoranza, normodotati - mi ha insegnato quanto le parole, non importa quanto apparentemente piccolo, possono influenzare qualcuno.

Ma in qualche modo, anche quando i miei amici stavano attraversando la dipendenza, l’empatia non è venuto così facilmente. Guardando indietro, mi avevano esigente, egocentrico, e, a volte dire. Questo è ciò che una tipica conversazione sembrava:

“Stai girando in su? Quanto si fa a fare? Perché non tornare alle mie chiamate? Voglio aiutarti!”

“Non posso credere che stanno utilizzando di nuovo. Questo è tutto. Ho finito.”

“Perché che devo essere un tale drogato?”

A quel tempo, ho avuto un momento difficile separare le mie emozioni dalla situazione. Ho avuto paura e sferzante. Per fortuna, molte cose sono cambiate da allora. I miei amici si fermarono sostanze abuso ed ha ottenuto il sostegno di cui hanno bisogno. Nessuna parola può trasmettere quanto sono orgoglioso di loro.

Ma non avevo mai pensato la mia lingua - e degli altri - la dipendenza circostanti fino ad ora. (E forse uscire il 20 anni aiuta, anche. La vecchiaia porta saggezza, giusto?) Mi rabbrividire le mie azioni, rendendosi conto che ero stato scambiando il mio disagio per voler aiutare.

Molte persone incorniciano conversazioni buone intenzioni sbagliato, troppo. Per esempio, quando diciamo: “Perché stai facendo questo?” Intendiamo veramente “Perché state facendo questo a me ?”

Questo tono accusatorio stigmatizza il loro uso - demonizzare a causa di stereotipi, sminuire le modifiche effettive del cervello che rendono difficile per loro di smettere. La pressione schiacciante che abbiamo poi posto su di loro per ottenere una migliore per noi in realtà debilita il processo di recupero.

Forse avete una persona cara che ha avuto o sta attualmente vivendo un disturbo da uso di sostanze o alcool. Credetemi, so quanto sia difficile: le notti insonni, la confusione, la paura. Va bene a sentire queste cose - ma non è OK per agire su di essi senza fare un passo indietro e pensare le tue parole. Questi spostamenti linguistici possono sembrare scomodo all’inizio, ma il loro effetto è enorme.

E ‘importante non confondere questi due termini in modo che possiamo comprendere appieno e parlare in modo chiaro alle persone con dipendenze.

Termine Definizione Sintomi
Dipendenza Il corpo si abitua a un farmaco e di solito sperimenta il ritiro quando il farmaco viene interrotto. I sintomi da astinenza possono essere emotivo, fisico, o entrambi, come irritabilità e nausea. Per le persone si ritirano dal pesante uso di alcol, i sintomi di astinenza possono anche essere pericolose per la vita .
Dipendenza L’uso compulsivo di un farmaco nonostante le conseguenze negative. Molte persone con dipendenza sono anche dipendente dalla droga. Conseguenze negative possono includere perdita di relazioni e di posti di lavoro, essere arrestato, e facendo azioni dannose per ottenere il farmaco.

Molte persone possono essere dipendente da un farmaco e non rendersene conto. E non è solo droghe di strada che possono causare dipendenza e la dipendenza . La gente prescritti farmaci per il dolore può diventare dipendente dai farmaci, anche quando stanno prendendo con precisione come detto dal loro medico. Ed è del tutto possibile che questo alla fine portano alla dipendenza.

In primo luogo, cerchiamo di stabilire che la dipendenza è un problema medico

La dipendenza è un problema medico, dice il Dr. S. Alex Stalcup, direttore medico del New Leaf Treatment Center a Lafayette, in California.

“Tutti i nostri pazienti ottenere un kit di sovradosaggio il loro primo giorno. La gente pensava che fosse inquietante in un primo momento, ma diamo Epi-Penne per le persone con allergie e dispositivi per le persone che sono ipoglicemico. Questo dispositivo medico è per una malattia medica,”dice. “E ‘anche un altro modo di esplicitamente affermando questo è una malattia.”

Dal momento che New Leaf ha iniziato a fornire i kit per overdose, i decessi sono stati anche scongiurato, dice il Dott Stalcup. Egli spiega che le persone che svolgono questi kit sono in realtà solo a che fare con i principali fattori di rischio fino a quando non migliorare.

Taluni marchi pagano con connotazione negativa. Essi riducono la persona a un guscio del loro ex auto. Junkie, tweaker, tossicodipendente, crackhead - con queste parole cancellano l’umano con una storia e speranze, lasciando dietro di sé una caricatura del farmaco e tutti i pregiudizi che vengono con esso.

Queste parole non fanno nulla per sostenere le persone che hanno bisogno di aiuto allontanarsi dalla dipendenza. In molti casi, impedisce loro solo di ottenerlo. Perché vogliono fare la loro situazione noto, quando la società li giudica così duramente? La scienza esegue il backup di questi pregiudizi in uno studio del 2010 che ha descritto un paziente immaginario come “sostanza abusatore” o “qualcuno con un disturbo da uso di sostanze” per i professionisti medici.

I ricercatori hanno scoperto che anche i professionisti medici sono stati più propensi a tenere l’individuo da biasimare per la loro condizione. Ci hanno anche consigliato “misure punitive” quando sono stati etichettati come “aggressore”. Ma il paziente immaginario con un “disturbo da uso di sostanze”? Essi non hanno ricevuto come dura di un giudizio e probabilmente sentirsi meno “punito” per le loro azioni.

Non usare mai le etichette

  • drogati o tossicodipendenti
  • tweakers e crackheads
  • ubriachi o alcolisti
  • “abusatori”

Ma che dire quando la gente si riferiscono a se stessi come un drogato? O come un alcolizzato, come quando presentarsi alle riunioni AA?

Proprio come quando si parla di persone con disabilità o condizioni di salute , non è la nostra chiamata a fare.

“Sono stato chiamato un drogato di un migliaio di volte. Posso fare riferimento a me stesso come un drogato, ma nessun altro è consentito. Mi è permesso “, dice Tori, uno scrittore ed ex eroinomane.

“La gente gettano in giro … ti fa suonare come s ***”, continua Tori. “E ‘circa il proprio auto-valore”, dice. “Ci sono parole che fanno male là fuori la gente -. Grasso, brutto, drogato”

Amy, un responsabile delle operazioni e l’ex eroinomane, ha dovuto bilanciare le differenze culturali tra onerose sua auto prima generazione e dei suoi genitori. E ‘stato difficile, e lo è ancora oggi, per i suoi genitori a capire.

“In cinese, non ci sono parole per ‘la droga.’ E ‘solo la parola veleno. Quindi, significa letteralmente che stai avvelenamento da soli. Quando si dispone che il linguaggio aspro, non sembra fare qualcosa di più grave,”dice.

“Connotazioni materia”, continua Amy. “Stai facendo sentire in un certo modo.”

“Lingua definisce un soggetto,” dice il Dott Stalcup. “C’è un enorme stigma collegato ad esso. Non è come quando si pensa di altre condizioni, come il cancro o il diabete,”dice. “Chiudi gli occhi e chiamare te un tossicodipendente. Otterrete una raffica di immagini visive negativi non si può ignorare,”dice.

“Mi sento fortemente su questo … Una persona è una persona è una persona,” dice il Dott Stalcup.

Non dire questo: “E ‘un drogato.”

Di ‘questo, invece: “Ha un disturbo da uso di sostanze.”

Arthur , un ex utente di eroina, anche condiviso i suoi pensieri sulla lingua dipendenza circostante. “Ho più rispetto per drogati”, dice, spiegando che è una strada difficile da percorrere e capire se non si è passati attraverso voi stessi.

Si allude anche al razzismo nel linguaggio dipendenza, troppo - che le persone di colore sono dipinte come dipendente da droghe di strada “sporchi”, contro i bianchi dipendenti da prescrizione di farmaci “puliti”. “La gente dice, ‘Io non sono dipendente, io sono dipendente causa un medico ha prescritto che,‘”, aggiunge Arthur.

Forse non è una coincidenza che ci sia sempre più consapevolezza e l’empatia ora , come le popolazioni sempre più bianchi stanno sviluppando dipendenza e dipendenze.

Empatia deve essere data a tutti - non importa razza, la sessualità, il reddito, o credo.

Dovremmo anche lo scopo di rimuovere i termini “pulito” e “sporco” del tutto. Questi termini hold sminuire concetti moralistici che le persone con dipendenze una volta non erano abbastanza buoni - “accettabile”, ma ora che sono in recupero e “pulita”, sono persone con dipendenze non sono “sporco”, se sono ancora usando o se un test di droga torna positiva per l’uso. La gente non dovrebbe avere a descriversi come “pulito” per essere considerato umano.

Non dire questo: “Sei pulito?”

Di ‘questo, invece: “Come stai?”

Proprio come con l’uso del termine “drogato”, alcune persone con disturbi da uso possono utilizzare il termine “pulito” per descrivere la loro sobrietà e di recupero. Anche in questo caso, non sta a noi di etichettarli e la loro esperienza.

“La realtà è e rimarrà che la gente vuole spazzare questo sotto il tappeto”, dice Joe, un architetto di giardini ed ex eroinomane. “Non è come sta andando a cambiare durante la notte, in una settimana, o in un mese”, dice.

Ma Joe spiega anche quanto velocemente le persone possono cambiare, come la sua famiglia ha fatto una volta iniziato il trattamento.

Può sembrare che dopo che una persona ha superato il loro disturbo da uso di sostanze, tutto andrà bene per il futuro. Dopo tutto, sono sano oggi. Che altro si può volere per una persona cara? Ma il lavoro non si ferma per l’ex utente.

Come si dice in alcuni ambienti, recupero richiede una vita. Cari devono rendersi conto questo è il caso per molte persone. Cari bisogno di sapere essi stessi hanno bisogno di continuare a lavorare per mantenere una comprensione più empatico, anche.

“Le conseguenze di essere un tossicodipendente a volte è la parte più difficile”, spiega Tori. “Per essere onesti, i miei genitori ancora non capisco … [Il loro linguaggio] era, la lingua solo molto tecnica medica, o che avevo una ‘malattia’, ma a me, è stato faticoso,” dice.

Dr. Stalcup concorda sul fatto che l’uso famiglie linguistiche è assolutamente fondamentale. Mentre è meraviglioso per mostrare un interesse per il vostro amato il recupero, egli sottolinea che come lo fai conta. Chiedendo loro progressi non è la stessa come se la persona amata ha il diabete, per esempio.

Con la dipendenza, è importante rispettare la persona e la loro privacy. Un modo Dr. Stalcup controlla con i suoi pazienti chiede loro: “Come sta la tua noia? Come è il tuo livello di interesse?”Egli spiega che la noia è un fattore importante nel recupero. Il check-in con domande specifiche catering per gli interessi del vostro amico vi mostrerà capire rendendo la persona a sentirsi più a suo agio e curato.

Non dire questo: “Hai delle voglie ultimamente?”

Di ‘questo, invece: “Che cosa hai fatto fino a, qualcosa di nuovo? Vuoi andare su un’escursione in questo fine settimana?”

Quando ho iniziato a lavorare presso Healthline, un altro amico ha iniziato il suo cammino di recupero. E ‘ancora in trattamento, e non vedo l’ora di vederla nel nuovo anno. Dopo aver parlato con lei e partecipare ad una riunione del gruppo al suo centro di trattamento, ora so che ho avuto a che fare con le dipendenze in un modo totalmente sbagliato per anni.

Ora so quello che ho, e le altre persone, posso fare di meglio per i loro cari.

Sostenere il rispetto, la compassione, e la pazienza. Tra le persone con cui ho parlato circa le loro dipendenze, il singolo più grande take-away è stata la potenza di questa sensibilità. Mi piacerebbe fare la tesi secondo cui questo linguaggio compassionevole è altrettanto importante quanto il trattamento medico stesso.

“Trattarli come si vorrebbe essere trattati. La modifica della lingua apre le porte a diversi modi di comportarsi “, dice il Dott Stalcup. “Se siamo in grado di cambiare la lingua, è una delle cose fondamentali per guidare verso l’accettazione.”

Non importa chi si sta parlando - se le persone con condizioni di salute , le persone con disabilità , le persone transgender o persone non binari - le persone con dipendenze merita la stessa decenza e rispetto.

Il linguaggio è ciò che permette questa compassione di prosperare. Lavoriamo a rompere queste catene oppressive e vedere ciò che un mondo di compassione ha in serbo - per tutti noi. In questo modo non solo aiuterà a far fronte, ma aiutare i nostri cari effettivamente ottenere l’aiuto di cui hanno bisogno.

I comportamenti di una persona con un disturbo da uso di sostanze attive possono rendere non vuole essere compassionevole. Ma senza la compassione e l’empatia, tutti siamo lasciati con la volontà di essere un mondo di dolore.

Il nome è stato cambiato su richiesta dell’intervistato di conservare l’anonimato.

Un ringraziamento speciale ai miei amici per avermi dato l’orientamento e il loro tempo per rispondere ad alcune domande difficili. Vi amo tutti. E molto grande grazie a Dr. Stalcup per la sua serietà e dedizione. - Sara Giusti, redattore a Healthline.


Benvenuti a “Come essere umano”, una serie sull’empatia e su come mettere le persone prima. Le differenze non dovrebbero essere le stampelle, non importa ciò che la società di dialogo ha disegnato per noi. Venite a conoscere la forza delle parole e celebrare le esperienze delle persone, indipendentemente dalla loro età, etnia, sesso o stato di essere. Diamo elevare i nostri simili attraverso il rispetto.