Pubblicato in 7 July 2017

Per chi considera fegato donazione, basta andare per esso

donazione di fegato

Cari amici,

Mi è stato diagnosticato la cirrosi (cicatrizzazione del fegato) nel settembre 2010. Mi aveva 68 anni. Dopo un paio di trattamenti senza successo per aiutare con varici esofagee e ammoniaca nel cervello, sono stato messo in lista per un trapianto di fegato. Non c’erano altre opzioni.

Stavo perdendo peso. Ho continuato a peggiorare, ma il mio MELD (modello per la malattia epatica allo stadio terminale) punteggio era così basso che ero quasi ultimo della lista. In quel momento la possibilità di un donatore vivente si avvicinò.

Il medico mi ha parlato di un membro della famiglia di donare, ma ho evitato che perché non ho fratelli e sapevo che avrebbe dovuto essere uno dei miei due figli. Non volevo farlo, così ho ottenuto molto malato.

Ma mio figlio Joe, che era 48, al momento, ha deciso di ottenere controllato per lo stesso. Ha detto che non poteva vivere con se stesso, se non lo ha fatto. Egli non sarebbe in grado di guardarsi allo specchio. Dopo un mese di test, abbiamo appreso che era una partita perfetta. Lui era entusiasta di essere in grado di salvare la mia vita, e ha ottenuto un sacco di sostegno dalla sua famiglia e le persone al suo lavoro.

L’intervento è stato programmato due mesi dopo aver ottenuto l’OK, anche se sembrava un tempo molto più lungo. Per preparare per la chirurgia, il mio medico mi ha detto di mangiare un sacco di proteine; ha detto che mi serviva per quanto ho potuto ottenere. Ero in buona forma, così ho mantenuto il passo con l’esercizio e ho cercato di essere il più sano possibile.

Ogni volta che ero giù, ho ricevuto il sostegno del parroco alla mia chiesa. Avrebbe basta chiamare di punto in bianco per vedere se stavo bene.

Gli ho detto che odiavo di mettere mio figlio attraverso questo, e lui diceva: “Basta ricordare, è il figlio di Dio anche.”

Questo mi ha messo dritto. Dio avrebbe fatto OK. Proprio lì e poi, che mi ha dato il sostegno di cui avevo bisogno.

Quando mio figlio è andato in sala operatoria, è stato molto sconvolgente per me. Stava andando a superare questo ed essere OK? Volevo vivere, naturalmente, ma la mia preoccupazione principale era per lui. Non è stato fino a quando ho capito che era OK che ero in grado di concentrarsi su di me sempre meglio. Ho dovuto stare meglio anche per lui. Ero deciso che lo ha fatto per un motivo.

E ‘stata dura, ma è stata una bella esperienza. Abbiamo momenti che una madre e figlio non avrebbe potuto in comune se non hanno fatto quello che abbiamo fatto condiviso.

Una volta che è stato attraverso con l’ambulatorio e siamo stati sullo stesso piano insieme, lui sarebbe venuto nella mia stanza di notte e dire: “Ma, stai dormendo?”

Le infermiere ci avrebbero portare qualcosa da mangiare. E ‘stata solo una grande esperienza. L’ospedale è stato molto buono per noi.

Non mi aspettavo di essere in tanto dolore. Dove tagliare nella pancia, il dolore era tremendo. Per lui, era la stessa cosa. Come un muscolo teso, ma 100 volte peggio. E ‘stato molto difficile, ma è stato di breve durata. Ero tornato a casa in tre mesi, e mio figlio è tornato a lavorare in sole tre settimane.

Io e mio figlio sono ora nella migliore forma della nostra vita. Ha perso 20 libbre per l’intervento chirurgico, ma ora ha perso almeno 40. Lui sta facendo molto bene. Non riesco nemmeno a spiegare come mi sento in buona salute. Non mi sento come se fossi 70 … Mi sento come se fossi 40! Ho così tanta energia. Vado a fare una passeggiata ogni mattina … ho potuto camminare tutto il giorno. Anche il mio diabete è andato in remissione; Ero su insulina prima della chirurgia.

Per coloro che stanno valutando un trapianto di fegato - basta andare per esso. Si sta andando ad essere bene. Il tempo sta per andare avanti comunque, quindi si potrebbe anche sentire meglio e migliorare la vostra salute.

Per chi considera essere un donatore, penso che ci sia niente di meglio che essere in grado di salvare la vita di qualcuno e renderli di nuovo bene. Ecco la tua occasione per farlo.

Per mio figlio Joe, hai fatto la cosa più sorprendente di un figlio potrebbe fare. ti ho portato per nove mesi, e vorrei portare il resto della mia vita.

Ho sperimentato un miracolo di vita reale, ed è per questo ho bisogno di condividere la mia storia. Non è sufficiente dire grazie per la mia vita, e devo aiutare gli altri fanno di questa decisione difficile da condividere la mia storia.

Cordiali saluti,

Patricia Hurley


Patricia Hurley

Patricia Hurley è nato e cresciuto a Charleroi, Pennsylvania. Suo padre era un operaio delle acciaierie e sua madre una casalinga. Patricia era sposato nel 1966 e cresciuto i suoi due figli, Joe e Pat, con il marito nella loro città natale. Ha ricevuto il brevetto di estetista dalla Pittsburgh Beauty Academy e aperto il suo salone di bellezza in Speers, Pennsylvania. Patricia e suo marito sono ora in pensione e trascorrere i mesi invernali a Jensen Beach, Florida.