Pubblicato in 18 July 2017

Come faccio a navigare Endometriosi e maternità

Prima ho ricevuto la mia diagnosi, ho pensato che l’endometriosi non era altro che vivendo un periodo di “cattivo”. E anche allora, ho pensato che appena significava crampi un po ‘peggio. Ho avuto un compagno di stanza al college che aveva endo, e mi vergogno ad ammettere che ho usato per pensare che era solo di essere drammatica, quando si lamentava di quanto male i suoi periodi otterrebbe. Ho pensato che stava cercando l’attenzione.

Io ero un idiota.

Avevo 26 anni quando ho imparato quanto sia periodi male potrebbe essere per le donne con endometriosi . Ho iniziato a vomitare ogni volta che ho avuto il mio periodo, il dolore così straziante era quasi accecante. Non riuscivo a camminare. Non poteva mangiare. Non potrebbe funzionare. E ‘stato miserabile.

Circa sei mesi dopo che i miei periodi prima ha iniziato a diventare insopportabile che, un medico ha confermato la diagnosi di endometriosi. Da lì, il dolore solo peggiorata. Nel corso dei prossimi anni, il dolore è diventato una parte della mia vita quotidiana. Mi è stato diagnosticato con la fase 4 endometriosi, il che significa che il tessuto malato non era solo nella mia regione pelvica. Si era diffusa in terminazioni nervose e più in alto la mia milza. Il tessuto cicatriziale da ogni ciclo che ho avuto è stato effettivamente causando i miei organi di fondersi insieme.

Mi piacerebbe provare dolore tiro giù per le gambe. Il dolore ogni volta che ho tentato di avere rapporti sessuali. Il dolore da mangiare e andare in bagno. A volte il dolore anche solo di respirare.

Il dolore non è venuto solo con i miei periodi più. E ‘stato con me ogni giorno, ogni momento, ad ogni passo che facevo.

Alla ricerca di modi per gestire il dolore

Alla fine, ho trovato un medico che si è specializzato nel trattamento dell’endometriosi. E dopo tre interventi chirurgici estesi con lui, sono stato in grado di trovare sollievo. Non una cura - non c’è nulla di simile quando si tratta di questa malattia - ma la capacità di gestire l’endometriosi, piuttosto che semplicemente soccombere ad esso.

Circa un anno dopo il mio ultimo intervento chirurgico, sono stato benedetto con la possibilità di adottare la mia bambina. La malattia mi aveva spogliato di qualsiasi speranza di portare un bambino, ma il secondo che ho avuto mia figlia tra le braccia, ho capito che non aveva importanza. Mi è stato sempre destinata ad essere la sua mamma.

Condividi su Pinterest

Eppure, ero una madre single con una condizione di dolore cronico. Uno che mi piacerebbe riuscito a tenere abbastanza bene sotto controllo dal momento che l’intervento chirurgico, ma una condizione che ancora aveva un modo di colpirmi di punto in bianco e mi bussare al mio ginocchio ogni tanto un po ‘.

La prima volta che è successo, mia figlia era meno di un anno di età. Un amico era venuto per il vino dopo che ho messo la mia bambina a letto, ma non abbiamo mai fatto per quanto riguarda l’apertura della bottiglia.

Il dolore aveva strappato attraverso il mio lato prima abbiamo mai arrivati ​​a quel punto. Una cisti scoppiava, causando dolore straziante - e qualcosa che non avevo affrontato in diversi anni. Per fortuna, il mio amico era lì per la notte e guardare oltre la mia ragazza in modo che potessi prendere una pillola dolore e rannicchiarsi in una vasca di scottatura-caldo.

Da allora, i miei periodi sono stati colpiti e perdere. Alcuni sono gestibile, e sono in grado di continuare ad essere una mamma con l’uso dei FANS nel corso dei primi giorni del mio ciclo. Alcuni sono molto più difficile di quello. Tutti sono in grado di fare è spendere quei giorni a letto.

Come una mamma single, che è dura. Non voglio prendere niente più forte di FANS; essere coerente e disponibile a mia figlia è una priorità. Ma ho anche odio dover limitare la sua attività per giorni e giorni, come mi sdraio a letto, avvolto in rilievi di riscaldamento e in attesa di sentire di nuovo umano.

Essere onesti con mia figlia

Non c’è una risposta perfetta, e spesso mi sono lasciato sentirsi in colpa quando il dolore mi impedisce di essere la madre che voglio essere. Così, provo davvero difficile prendersi cura di me stesso. Sono assolutamente vedere una differenza nei miei livelli di dolore quando non sto dormire a sufficienza, mangiare bene, o che esercitano abbastanza. Cerco di stare il più sano possibile in modo che i miei livelli di dolore possono rimanere a un livello gestibile.

Quando questo non funziona, però? Sono onesto con mia figlia. A 4 anni, lei sa ora che la mamma ha owies in sua pancia. Lei capisce che è il motivo non ho potuto portare un bambino e perché è nata e cresciuta nella pancia di sua altra madre. E lei è consapevole del fatto che, a volte, owies di mamma significa che dobbiamo stare a letto a guardare film.

Lei sa che quando sto davvero male, ho bisogno di prendere in consegna il suo bagno e rendere l’acqua calda in modo che lei non può unirsi a me nella vasca. Lei capisce che a volte ho solo bisogno di chiudere gli occhi per bloccare il dolore, anche se è la metà della giornata. E lei è a conoscenza del fatto che io detesto quei giorni. Che io non odio essere al 100 per cento e in grado di giocare con lei come facciamo normalmente.

Odio la sua vedermi sconfitti da questa malattia. Ma sai una cosa? La mia bambina ha un livello di empatia non si creda. E quando sto avendo giorni di dolore male, come pochi e rari in quanto generalmente tendono ad essere, lei è lì, pronto ad aiutarmi in qualsiasi modo che può.

Lei non si lamenta. Lei non piagnucolare. Lei non prende vantaggio e cercare di farla franca con cose che altrimenti non sarebbe in grado di. No, lei si siede dal lato della vasca e mi fa compagnia. Lei individua i film per noi a guardare insieme. E si comporta come se i panini al burro di arachidi e gelatina che faccio per lei da mangiare sono le prelibatezze più incredibili che abbia mai avuto.

Quando quei giorni passano, quando io non sono un sentimento più abbattuto da questa malattia, siamo sempre in movimento. Sempre all’esterno. esplorando sempre. Sempre su qualche grande avventura mamma-figlia.

I rivestimenti d’argento di endometriosi

Credo che per lei - quei giorni in cui sto male - a volte sono una gradita pausa. Lei sembra come la quiete di stare dentro e aiutare me tutto il giorno. E ‘un ruolo che avrei mai scegliere per lei? Assolutamente no. Io non conosco nessun genitore che vuole il loro bambino di vederli ripartiti.

Ma, quando ci penso, devo ammettere che ci sono i rivestimenti in argento per il dolore che di tanto in tanto sperimento per mano di questa malattia. L’empatia mia figlia mostra è una qualità Sono orgoglioso di vedere in lei. E forse c’è qualcosa da dire per il suo apprendimento che anche la sua mamma ha duro giorni cattivi a volte.

Non ho mai voluto essere una donna con il dolore cronico. Io certamente mai voluto essere una madre con dolore cronico. Ma credo davvero che siamo tutti plasmati dalle nostre esperienze. E guardando mia figlia, vedendo la mia lotta attraverso i suoi occhi - io non odio che questo fa parte di ciò che è plasmare la sua.

Sono solo grato che i miei giorni buoni ancora superano di gran lunga il male.


Leah Campbell è uno scrittore e editor di vivere a Anchorage, Alaska. Una mamma single per scelta dopo una serie fortuita di eventi ha portato all’adozione di sua figlia, Leah ha scritto molto sulla sterilità, l’adozione e genitorialità. Visita il suo blog o connettersi con lei su Twitter @sifinalaska .