Pubblicato in 28 March 2018

IPF: Domande da porre sul trattamento

La fibrosi polmonare idiopatica (IPF) è un tipo di fibrosi polmonare che ha cause sconosciute. Anche se è la progressione complessiva è lento, può causare improvviso peggioramento dei sintomi quando esacerbato.

Alla luce di questi due fatti, si potrebbe chiedere se il trattamento è possibile se il medico non sa cosa ha causato il vostro IPF per cominciare. Si può anche chiedere se il trattamento è ancora la pena.

Mantenere le seguenti domande di trattamento in mente di discutere al vostro prossimo appuntamento con il medico.

1. Come faccio a sapere se il mio IPF sta peggiorando?

Il segno più comune di IPF è mancanza di respiro, chiamato anche la dispnea. Mancanza di respiro può venire apparentemente dal nulla e viene spesso scambiato per un’altra condizione del polmone. Si può verificare durante i periodi di attività, e nel corso del tempo, durante i periodi di riposo. Una tosse secca può accompagnare mancanza di respiro.

Il tuo IPF può anche causare altri sintomi, come la perdita di peso, dolori muscolari, e la fatica. Si può anche notare che le dita e dei piedi iniziano a turno alle punte, un sintomo conosciuto come discoteca.

I sintomi della IPF variano da persona a persona. Se si nota difficoltà che continuano a peggiorare, con la comparsa dei sintomi aggiuntivi respirazione, questo potrebbe essere un segno che la sua condizione sta peggiorando. Discutere le opzioni di trattamento con il medico.

2. Quali farmaci curare IPF?

Purtroppo, non ci sono farmaci disponibili per curare IPF. Invece, i farmaci sono utilizzati per rallentare la progressione dei sintomi IPF. A sua volta, si può inoltre verificare una migliore qualità della vita.

Ci sono due farmaci che sono stati approvati dalla Food and Drug Administration (FDA) per il trattamento della IPF: nintedanib (UFAM) e pirfenidone (Esbriet). Conosciuto come agenti antifibrotiche, questi farmaci diminuire il tasso di cicatrici nei polmoni. Questo può contribuire a rallentare la progressione della IPF e migliorare i sintomi troppo.

Inoltre, il medico può prescrivere uno o più dei seguenti farmaci:

  • farmaci reflusso acido, soprattutto se si soffre di una malattia da reflusso gastroesofageo (GERD)
  • antibiotici per prevenire infezioni
  • farmaci anti-infiammatori, come il prednisone
  • antitosse, come benzonatate, idrocodone, e talidomide

3. Può ossigenoterapia aiutarmi a respirare meglio?

L’ossigenoterapia è una valida opzione per la maggior parte delle persone con IPF. Si può aiutare a respirare meglio, mentre si cammina, negozio, o impegnarsi in altre attività. Come progredisce IPF, potrebbe essere necessario la terapia di ossigeno durante il sonno per aiutare a respirare meglio.

L’ossigenoterapia non può fermare la progressione della IPF, ma può:

  • rendere più facile l’esercizio
  • aiutare a addormentarsi e rimanere addormentato
  • regolare la pressione sanguigna

4. Ci sono dei programmi di riabilitazione disponibili?

Sì. Per IPF, si può fare riferimento ad un programma di riabilitazione polmonare . Si può pensare a questo come terapia occupazionale o terapia fisica, tranne il focus è sui polmoni.

Con la riabilitazione polmonare, il terapeuta vi aiuterà con:

  • tecniche di respirazione
  • supporto emotivo
  • esercizio fisico e la resistenza
  • nutrizione

5. Avrò bisogno di un trapianto di polmone?

Se si dispone di una grande quantità di cicatrici del polmone, si può beneficiare di un trapianto di polmone. In caso di successo, l’intervento chirurgico può anche aiutare a vivere più a lungo. Secondo la Fondazione Fibrosi polmonare , fibrosi polmonare rappresenta circa la metà di tutti i trapianti di polmone negli Stati Uniti.

Eppure, c’è una grande quantità di rischio associato a un trapianto di polmone, quindi non è per tutti. La preoccupazione più grande è il rifiuto del nuovo polmone. Le infezioni sono inoltre possibili.

Parlate con il vostro medico se siete interessati a saperne di più su trapianti di polmone e se uno è giusto per te.

6. Ci sono trattamenti alternativi disponibili?

Trattamenti alternativi non sono stati ampiamente supportato per la gestione IPF. Eppure, rimedi casalinghi e cambiamenti nello stile di vita possono aiutare la vostra condizione generale.

Parlate con il vostro medico:

  • esercizio
  • supporto nutrizionale
  • smettere di fumare
  • l’assunzione di vitamine, se necessario
  • vaccinazioni

Il medico può anche raccomandare rimedi over-the-counter (OTC) e farmaci per trattare i sintomi. Gli esempi includono gocce per la tosse, sedativi della tosse, e antidolorifici. Sempre consultare il medico prima di prendere qualsiasi farmaci OTC per evitare gli effetti collaterali e le potenziali interazioni farmacologiche.

7. Quali sono i pro ei contro di trattamento di IPF?

Dal momento che non c’è alcuna cura per IPF, il medico probabilmente concentrarsi sulla gestione e il trattamento per prolungare la vita. Ciò contribuirà anche a migliorare la qualità della vita e prevenire le complicanze, come infezioni.

Mentre IPF può essere schiacciante, è importante non mollare. Trattare IPF può rendere le vostre attività quotidiane più piacevole. Il medico può anche raccomandare che si partecipa a studi clinici, che può esporre a nuovi trattamenti.

I contro al trattamento IPF sono possibili effetti collaterali dei farmaci e le potenzialità di rifiuto da un trapianto di polmone.

Quando si considerano i pro ei contro del trattamento, si può vedere che i benefici superano di gran lunga i rischi. Tu e il tuo medico può decidere cosa è meglio per la propria situazione.