Pubblicato in 25 February 2019

Cancro al seno, IVF & Aborto Spontaneo: Questo è come imparai a vai avanti

Salute e benessere tocco ognuno di noi in modo diverso. Questa è la storia di una persona.

Avevo 27 anni quando sono andato fuori controllo delle nascite, nella speranza di mettere su famiglia. Ma un paio di mesi per cercare di concepire, il mio compagno e io sono stati colpiti con la notizia della mia diagnosi di cancro al seno. Il nostro mondo in frantumi.

Mi ero visto come una madre per il tempo che ho potuto ricordare, ed è stato straziante per mettere questi sogni in attesa. Come si è scoperto, non ho avuto scelta.

La sopravvivenza è diventata la mia priorità assoluta. Eppure, anche mentre ho combattuto per la mia vita, il mio futuro come madre era al centro di entrambi il mio dolore e la speranza per il futuro.

Era difficile immaginare un futuro oltre chemio

cancro al seno superstiteCondividi su Pinterest

Prima di cominciare la chemioterapia nel mese di agosto 2015, mi è stato offerto opzioni di preservazione della fertilità. A causa del tipo di cancro che ho avuto, ho saputo che sarei sul farmaco ormone-blocco per 5 a 10 anni dopo il trattamento attivo.

Perché noi non sappiamo come la chemioterapia avrebbe influito sul mio funzione ovarica, e 5 a 10 anni è un tempo lungo, abbiamo deciso di congelare i miei ovuli mentre erano ancora giovani. Ho anche deciso di iniziare a prendere Lupron durante la chemioterapia, nella speranza di preservare la mia funzione ovarica.

Quando ho fatto finalmente iniziare il mio trattamento chemio, era difficile immaginare un futuro passato quella fase. Ho sentito il mio sogno di maternità era stato strappato via da me.

E ‘stato solo con la riflessione, la terapia, e il tempo che sono stato in grado di sviluppare nuovi obiettivi, esplorare le mie passioni, e di trovare un senso di appagamento di fuori del regno della maternità.

Non ho mai voluto credere che sarei parte del 1 a 4

Condividi su Pinterest

Due anni e mezzo dopo che ho finito la chemio e ha iniziato la terapia ormonale, che mi ha lasciato in menopausa medica, eravamo pronti a affrontare l’argomento di gravidanza con il mio oncologo. Con nostra grande sorpresa, lei era di appoggio dei nostri desideri e ha approvato una pausa di due anni dalla mia terapia ormonale.

Nessuna pressione, basta assicurarsi di rimanere incinta e avere un bambino in 2 anni o …

O che cosa, il mio cancro può tornare? Mentre la gravidanza stessa non mi avrebbe messo a rischio, prendendo una pausa dal farmaco avrebbe fatto.

Non c’erano garanzie quando abbiamo preso una pausa dalla medicina che avrei avuto un ciclo normale. Così, quando il mio periodo è tornato tre mesi dopo che ho smesso di prendere il farmaco, siamo stati felicissimi.

E nel giugno 2018 eravamo euforici per scoprire che eravamo in stato di gravidanza - il tutto senza l’intervento scientifico. Ero sopraffatto dall’emozione di conoscere il mio corpo ha mantenuto la sua capacità di formare e trasportare un bambino dopo tutto quello che avevo passato.

Ma prima che potessimo anche prendere il tempo di festeggiare e godersi la beatitudine di gravidanza, ci siamo sfidati ancora una volta. A soli 48 ore dopo il nostro la gravidanza confermata, ero in ospedale con una rottura di gravidanza ectopica .

Aborto spontaneo .

E ‘un termine che ho sempre temuto. Anche se so ora che 1 donna su 4 mia età sperimenterà un aborto spontaneo, non ho mai voluto credere che mi sarebbe stato. Non è stato fino a quando ho personalmente sperimentato che mi sono reso conto di come molte donne intorno a me hanno subito la perdita di gravidanza. Era quelle donne e molte notti di lacrime, di riflessione, e la terapia che mi ha aiutato portare avanti e ricostruire la speranza.

Ho riacquistato un nuovo senso di speranza, solo per scoprire di più il dolore

Condividi su Pinterest

Avanti veloce a cadere 2018. I nostri tentativi di concepire naturalmente ancora una volta non funzionavano, e l’orologio cancro è stato stringe. IVF sembrava essere la via da seguire. Il trasferimento di embrioni congelati (FET) del ciclo ha portato su una nuova serie di paure e l’ansia, ma abbiamo fatto del nostro meglio per godere di ogni momento e mantenere la speranza.

E ‘incredibile come la mente ha un modo di bloccare l’ex dolore e permettendo a qualcuno di sperimentare un rinnovato senso di speranza. Mi piacerebbe andare al punto di chiamarlo ingenuità. Naturalmente c’era residua panico e la paura, ma il momento in cui abbiamo ricevuto la notizia che eravamo in stato di gravidanza, abbiamo abbracciato pienamente la gioia di creare una vita.

E poi, a soli sette settimane dopo essere stato detto che il FET ha avuto successo, ci hanno consegnato la notizia dal mio medico.

“Non c’è battito cardiaco.”

Abbiamo trascorso sette settimane dolci godendosi la gioia della nostra crescita dell’embrione, la preparazione per il futuro, la condivisione di questo dono con chi c’è vicino, e lo sviluppo di un’immagine di noi stessi come genitori - quello che avevamo atteso così a lungo per abbracciare.

Invece, ora mi trovo a camminare lo stesso percorso ho camminato l’anno scorso: quello di perdere un figlio.

Questa perdita non ha fatto le cose più facili, ma mi ha dato la fiducia necessaria per andare avanti

Condividi su Pinterest

Mentre nella nostra mente il FET doveva lavorare e ci dovevano essere i genitori questa volta, la verità è, che non è come funziona. La realtà è che il nostro percorso è fuori dal nostro controllo, non importa quanto sia doloroso questo concetto potrebbe essere.

Così, come abbiamo fatto andare avanti? Cancro, fecondazione in vitro, e la nostra aborto spontaneo ci ha rotto emotivamente e fisicamente, ma alla radice della nostra tristezza e la stanchezza è un profondo desiderio di condividere il nostro amore con un figlio e formare una famiglia della nostra.

Mentre è questo desiderio che ci continua a muoversi in avanti, è anche la mia familiarità con la perdita e la perseveranza. Anche se questo non ha fatto più facile, lo ha fatto mi danno speranza che un giorno avrei guarire. Mi ha dato la fiducia di cui avevo bisogno di alzarsi ogni mattina e andare avanti.

Come andare avanti quando ci si sente come non c’è movimento in avanti

Ci sono stati molti passi negli ultimi due mesi che mi ha aiutato a guarire dal mio aborto spontaneo. Purtroppo, non c’è nessuna pillola magica si può prendere, e il senso di perdita può mai andare via. Ma con il tempo, ci vorrà meno spazio nel vostro cuore e nella mente. Ecco cosa ha funzionato per me:

1. Parlare di vostra perdita

Quando finalmente condiviso la nostra aborto spontaneo, mi sentivo un peso enorme sollevato. Non ha preso via la tristezza, ma lo ha reso reale. Una volta era vero, mi sono sentito più aperto a parlarne e afflitti.

Ero incinta, è successo, e ora non c’è più. Avevo bisogno di parlare attraverso questa esperienza, al fine di andare avanti.

2. Circondati di persone che capiscono

Parlando con, e di essere in giro, altre donne che hanno subito la perdita di gravidanza può aiutare a sentirsi meno soli. Nessuno è storia andrà a sostituire il proprio, ma può aiutare a sentirsi sostenuti e confortati.

3. Entrare in contatto con amici e parenti che si riuniranno con te quando non sei OK

Ci saranno momenti in cui si è intorpidito e solo desidera guardare la TV. E ci saranno altre volte si vorrà a singhiozzare o gridare. Circondati di persone care che capiscono e sarà solo lì, non importa come ti senti.

4. Cercare un terapeuta

Cercare un terapeuta che si specializza nella perdita e infertilità. Molte cliniche per la fertilità può raccomandare qualcuno. La donna mio marito ed io abbiamo visto ci ha aiutato a navigare il nostro dolore insieme.

5. Cura di sé

Questo avrà un aspetto diverso per ogni persona. Per me, ha significato un sacco di tempo a scrivere di mio dolore, riflettendo sulla mia perdita, e in meditazione.

6. Cry

Potrebbe non essere OK per un po ‘. Si può sembrare bene e poi improvvisamente una donna di acquistare i pannolini in fila alla cassa di Target sarà innescare una travolgente ondata di emozione in voi. Va bene. Piangere è terapeutico e naturale.

7. L’azione Commemorative

Ottenere un tatuaggio, piantare un albero, un evento speciale: Pensate a come è possibile trasformare la vostra perdita in una parte potente della tua vita, qualcosa che porterà la speranza e la forza come ci si sposta in avanti.

8. Continuare la vostra routine

Quando sei nel bel mezzo del tuo dolore, può essere difficile da vedere oltre il domani. L’unica cosa che devi fare ogni giorno è alzarsi, mangiare, e dormire. A volte che sarà tutto si riesce a raccogliere, e questo è OK.

Continuando la vostra routine giorno per giorno, la tristezza lentamente allentare la presa sulla vostra vita. Sarete in grado di farlo attraverso un’ora senza pensare a vostra perdita.

La linea di fondo

Mentre è a volte difficile per me vedere quello che ci aspetta, so bene che domani vivrò un altro giorno. Devo credere che un giorno saremo genitori, non importa il percorso per arrivarci.

Forse ho perso i miei bambini, ma è i ricordi di portare loro come sono cresciuti nel mio grembo che ho scelto di aggrapparsi al posto del dolore. Il mio corpo è incredibile e, anche se solo per un breve periodo di tempo, portato la vita. Questa gioia ei ricordi delle mie gravidanze porteranno mi fa ben sperare, non importa quale sia il nostro futuro porta con sé.


Anna è una thriver stile appassionato, stile di vita blogger, e il cancro al seno. Lei condivide la sua storia e un messaggio di auto-amore e di benessere attraverso il suo blog e social media , le donne ispiratori di tutto il mondo di prosperare di fronte alle avversità con forza, fiducia in se stessi, e lo stile.