Pubblicato in 28 September 2018

Infertilità: The Loneliest Club che abbia mai appartenuto a

Condividi su Pinterest
Illustrazione di Ruth Basagoitia

L’altro lato del dolore è una serie circa il potere di cambiare la vita di perdita. Questi potenti storie in prima persona esplorano le molte ragioni e modi che sperimentiamo dolore e navigare una nuova normalità.

Il rapporto di amore-e-per lo più odio che ho con il mio sistema riproduttivo risale ad una specifica Domenica pomeriggio, quando ero in terza media.

Io sostengo che ancora ottenere il mio periodo era il mio giorno peggiore. Non volevo festeggiare. Piuttosto, mi sono nascosto nella mia camera da letto tutto il giorno sperando che solo andare via.

I miei sentimenti capovolte durante i miei anni del college. Ottenere il mio periodo era come ottenere esattamente quello che ci voleva per Natale.

Sì! Accidenti! Infine, ho pensato che non saresti mai arrivato qui! Quel piccolo WC posti danza felice significava che qualsiasi cosa divertente avevo avuto quel mese potrebbe continuare ad essere divertente un po ‘di più.

E qualche anno dopo, quando mi sono sposata, mi piacerebbe desiderano via il mio periodo come stavo concentrando sulla spostamento di un oggetto con la mia mente. Quando il dolore sordo di crampi sarebbe stabilirsi in mio bacino, mi piacerebbe sapere che, ancora una volta, non siamo stati in stato di gravidanza.

Ho giocato a questo gioco con me stesso per 31 mesi di fila prima che finalmente andato dal medico.

Qualsiasi donna che sia mai stato innescato per rimanere incinta e iniziare una famiglia sa che si guarda il tuo ciclo più vicino di quanto la notifica di trasporto su un caso di vino.

Per quasi tre anni, mi piacerebbe monitorare il mio ovulazione , coordino giorni sessuali specifici, e poi trattenere il respiro sperando che il mio periodo non si presentava.

Mese dopo mese, solo un piccolo puntino rosso significa che non c’era senso cercare per due linee rosa.

Mentre i mesi sommati e trasformati in anni di tentativi, mi sono sentito sempre più sconfitto. Sono cresciuto risentita di quelli intorno a me che sono stati senza sforzo rimanere incinta. Ho chiesto tutto quello che avevo mai fatto che potrebbe aver influenzato la mia fertilità o portato cattivo karma la mia strada.

Ho anche sviluppato un opprimente senso di diritto. Mio marito ed io siamo sposati con i gradi del college e un mutuo - brave persone che hanno dato alla nostra comunità. Perché non meritavamo un bambino quando alcuni dei nostri familiari adolescenti stavano diventando uno?

Alcuni giorni erano pieni di profonda, tristezza doloranti, e gli altri giorni piene di rabbia intrattabile.

Il tempo che intercorre tra l’eccellente sesso bambino-making e il segno rivelatore che non ha funzionato sentiva emozionante. Ho sempre fiducia che questa sessione ha fatto, questo era quello.

Vorrei prematuramente contare fuori 40 settimane per vedere quando il nostro bambino sarebbe arrivato. Questa volta significava un bambino di Natale, o che il tempo potrebbe coincidere con un nonno dando un nuovo bambino per il loro compleanno, o quello che un piacere un bambino primavera sarebbe.

Ma mi piacerebbe finalmente ritrovo a fissare un altro tentativo fallito, cancellando note a matita-in sul calendario, e in attesa di nuovo.

Di fronte il mio dolore da solo a causa del tabù intorno infertilità

L’infertilità è il club più sola che abbia mai appartenevo.

Nessuno può davvero entrare in empatia con esso. Anche il vostro migliore amico mamma e tutta la vita non può che dire “mi dispiace”.

E non è colpa loro che non sanno cosa fare. Voi non sapete cosa fare. Il vostro partner non sa nemmeno che cosa fare.

E ‘l’unica cosa che entrambi vogliono dare gli uni agli altri più di nulla … e semplicemente non si può.

Ho avuto la fortuna di avere un partner che era all-in con me - abbiamo condiviso la tristezza e l’onere, e più tardi i festeggiamenti. Eravamo d’accordo che era il “nostro” infertilità, qualcosa da affrontare insieme.

L’infertilità è avvolta nel tabù e vergogna, così mi sentivo come non ho potuto parlarne apertamente. Ho scoperto che c’era poche informazioni che ho potuto effettivamente identificare o connettersi con. Mi è stato lasciato a gestire un desiderio primordiale, con parti rotte per conto mio.

Invece di essere in grado di roba che doloroso argomento - la sterilità - in profondità e ignorarlo, la notifica speciale luce rossa torna. Ogni singolo mese, si è costretti a conciliare tutto ciò che ti senti e desiderando e male per.

Per quanto ho potuto gestire i miei sentimenti tra i cicli, ogni mese mi piacerebbe essere costretto a ricordare esattamente dove eravamo e scavare di nuovo in intensa delusione tutto da capo.

Infertilità infettato la nostra vita come un virus.

Penserei stavo bene, fare la mia pace con esso, solo vivere la nostra vita come felicemente e pienamente come abbiamo potuto come coppia. Ma era sempre in attesa per me ad ogni bambino doccia, dove il dolore sarebbe bene e mi inviare al singhiozzi bagno.

E ‘stato sempre in attesa per me quando uno straniero su un aereo avrebbe chiesto quanti figli ho avuto, e ho dovuto dire nessuno.

E ‘stato sempre in attesa per me quando una zia ben intenzionato a un matrimonio ci avrebbe rimprovero per non aver dato il suo un bambino con cui giocare, come i suoi bisogni in questo scenario sono stati più grande della nostra.

Volevo un bambino e una famiglia - di essere una madre - più di qualsiasi cosa che ho sempre voluto nella mia vita.

E rinunciare a che - anche se non sapevo ancora che cosa ero veramente mancante - sentivo come una perdita.

Condividi su Pinterest
L’autore, Brandi Koskie, con la figlia appena nata, che è stato concepito attraverso la fecondazione in vitro. Immagine da Brandi Koskie

La nostra scienza bambino, e la sensazione persistente di perdere più

Abbiamo cercato di rimanere incinta da soli per due anni prima ci siamo rivolti a un medico per chiedere aiuto.

Appuntamento che prima del medico trasformato in quattro mesi di creazione di grafici della temperatura basale , che si trasformò in mio marito avendo le sue parti selezionata, che si trasformò in una diagnosi per un’assenza congenita dei vasi deferenti, che si trasformò in più di quattro anni di attesa e di risparmio per un $ 20.000 fecondazione in vitro (IVF) ciclo.

Contanti. Di tasca.

Finalmente siamo andati attraverso il processo di fecondazione in vitro nel 2009, dopo cinque anni di tentativi, in attesa, e nella speranza.

Siamo stati, è vero, la fortuna. Il nostro primo ciclo è stato un successo, che era buono perché avevamo concordato un piano di uno-e-fatto: o questo ha funzionato, o siamo passati.

Il ciclo si era brutale - emotivamente e fisicamente.

Ho avuto 67 giorni consecutivi di iniezioni (nel corso di una calda estate Kansas), a volte due al giorno. Ogni singolo Poke sentiva come progresso, eppure mi ha ricordato anche quanto ingiusto tutto questo era.

Con ogni poke, ho potuto sentire il cartellino del prezzo $ 20 a $ 1.500 per iniezione spruzzando sotto la mia pelle.

Ma ne valeva la pena.

Condividi su Pinterest
Brandi con il marito e la figlia. Immagine da Brandi Koskie

Abbiamo avuto un perfettamente sano, bella ragazza di nove mesi più tardi.

E ‘8 anni ormai, e la mia gratitudine per la sua non conosce limiti. I nostri amici la chiamano il bambino Science. E fedele a me e la promessa di mio marito gli uni agli altri, lei è la nostra sola.

Facciamo un piuttosto solido a tre-pack. Mentre non posso, a questo punto, immaginare la nostra vita di essere un altro modo, è spesso difficile non chiedersi che cosa abbiamo perso non avendo più figli.

Per molto tempo la gente ha chiesto se avessimo un altro. Ci abbiamo pensato, ma abbiamo convenuto che emotivamente, fisicamente e finanziariamente non abbiamo avuto un’altra scommessa di fecondazione in vitro in noi. Se non ha funzionato lo stesso, sarei rotto. Devastato.

Così, mentre io ho fatto la mia pace con avere un figlio unico (lei è abbastanza grande), e riconciliato che il destino ci ha affrontato una mano e abbiamo bluffato nostro modo difficile in un altro, non so se sarò mai in realtà scuotere il desiderio di avere un altro bambino.

Il dolore della sterilità, anche dopo aver apparentemente superarla, non va mai completamente via.

E ‘attesa per voi ogni volta che i tuoi amici postare una foto che celebra il loro gravidanza e ti rendi conto che non otterrete mai di potersi divertire nella vostra notizia della gravidanza di nuovo.

E ‘attesa per voi ogni volta che i tuoi amici introducono il loro primogenito per il loro nuovo più giovane e la carineria potrebbe rompere internet, ma non saprai mai cosa si prova.

E ‘attesa per voi ogni volta che il bambino colpisce una pietra miliare e ti rendi conto che non solo si tratta di una prima vale la pena festeggiare, non ci sarà mai, mai un altro.

E ‘attesa per voi quando ti rendi conto che eri proprio come tutti coloro che hanno avuto un momento facile concepire per nove mesi di beatitudine, e in un grande spinta eri tornato al club infertilità.

In questi giorni, sto intrattenendo un’isterectomia, perché, dal momento che essere incinta, ho due periodi di un mese. Ognuno mi ricorda che sono così inutile e una perdita di tempo perché non c’è niente che ne verrà fuori.

Rido come full-cerchio sono venuto con questo fenomeno nella mia vita, e come sto iniziando a parlare con mia figlia su periodi.

Questo rapporto merlata con qualcosa non ho alcun controllo sopra - ma qualcosa che è dettato tanto della mia vita - continua ad Signore su di me.

In alcuni giorni sono grato, perché mi ha portato il mio regalo più grande. Su altri, mi ricorda ancora una volta che non ho mai avuto modo di conoscere cosa si prova a fare pipì su un bastone e cambiare il corso della mia vita per sempre.

Vuoi leggere più storie da parte di persone che navigano una nuova normalità come incontro inaspettato, cambia la vita, e momenti a volte tabù di dolore? Scopri la serie completa qui .


Brandi Koskie è il fondatore di strategia Banter , dove funge da content strategist e giornalista di salute per i clienti dinamici. Ha uno spirito Wanderlust, crede nel potere della gentilezza, e lavora e svolge ai piedi di Denver con la sua famiglia.