Pubblicato in 30 July 2018

È Weed Addictive? Sigarette, alcool, benefici, effetti collaterali, Altro

Weed, noto anche come la marijuana, è un farmaco derivato dalle foglie, fiori, steli, semi e sia del Cannabis sativa o Cannabis indica impianto. V’è una sostanza chimica nelle piante chiamato tetraidrocannabinolo (THC), che ha proprietà che alterano la mente.

Secondo il National Institute on Drug Abuse (NIDA), la marijuana è la droga più comunemente usato illegale negli Stati Uniti. Anche se nove stati, oltre a Washington, DC, hanno legalizzato la marijuana per uso generale e altri 29 hanno legalizzato la marijuana medica, molti altri stati ancora ritengono che ciò sia una sostanza illecita.

Marijuana e THC in particolare, ha dimostrato di ridurre il vomito indotti dalla chemioterapia e nausea per le persone che passano attraverso il trattamento del cancro. Può anche contribuire a ridurre il dolore danni ai nervi (neuropatia) in persone con HIV o altre condizioni.

Secondo NIDA, circa il 30 per cento dei consumatori di marijuana può avere un qualche tipo di disturbo da uso di marijuana. Si stima che tra il 10 e il 30 per cento degli individui che fumano infestanti si svilupperà la dipendenza, con solo il 9 per cento in realtà in via di sviluppo dipendenza. Tuttavia, esatte statistiche sono sconosciuti.

Un disturbo da uso di sostanze inizia sotto forma di dipendenza, o sperimentando i sintomi di astinenza quando il farmaco viene interrotto o meno ingerita per un periodo di tempo. La dipendenza si verifica quando il cervello si abitua a eliminare essere nel vostro sistema e, di conseguenza, riduce la sua produzione di recettori degli endocannabinoidi. Ciò può provocare irritabilità, sbalzi d’umore, disturbi del sonno, l’appetito, irrequietezza, e la mancanza di appetito per diverse settimane dopo l’interruzione. Questo è diverso da dipendenza.

La dipendenza si verifica quando una persona sperimenta cambiamenti nel loro cervello o comportamento a seguito della droga. E ‘possibile essere dipendente senza essere dipendenti, quindi non ci sono statistiche affidabili sulla dipendenza della marijuana, spiega NIDA .

Nel 2015, circa 4 milioni di persone ha incontrato i criteri diagnostici per un disturbo uso di marijuana. Secondo l’Istituto nazionale su abuso di alcool e l’alcolismo, quello stesso anno, circa 15,1 milioni di adulti negli Stati Uniti di età superiore ai 18 soddisfatti i criteri per il disturbo uso di alcol. Nel 2016, il Centers for Disease Control and Prevention (CDC) ha rilevato che circa il37,8 milioni adulti negli Stati Uniti attualmente fumato sigarette.

Diversi ceppi di marijuana possono avere diverse quantità di THC, e seconda di chi sta distribuendo l’erbaccia, c’è sempre il rischio di altri prodotti chimici o farmaci allacciatura esso. La marijuana fornita da dispensari di medicinali è generalmente considerato sicuro. Effetti collaterali possono verificarsi in qualsiasi momento, anche se alcuni effetti collaterali sono dose dipendente, come indicato di seguito.

Alcuni effetti collaterali di infestanti possono includere:

  • mal di testa
  • bocca asciutta
  • fatica
  • occhi asciutti
  • aumento dell’appetito (comunemente chiamato “The Munchies”)
  • tosse
  • dissociazione o stato alterato
  • alterato senso del tempo
  • vertigini o capogiri
  • alta pressione sanguigna
  • alterazioni della memoria

In dosi molto elevate, erbaccia può anche causare allucinazioni, deliri, o psicosi. Questo è raro, però, e non la norma. Alcuni esperti ritengono che le persone che soffrono di psicosi da marijuana potrebbero già essere a rischio di psicosi.

In alcune persone con disturbo bipolare , erbaccia potrebbe peggiorare stati maniacali. L’uso frequente di marijuana potrebbe aumentare i sintomi della depressione e il rischio di depressione. Se si dispone di una condizione di salute mentale, questo è qualcosa da prendere in considerazione e, forse, parlare con il medico o il terapeuta.

Se si prende tutti i farmaci, né prescrizione o over-the-counter, vale la pena controllare per vedere se ci sono eventuali interazioni. Weed può aumentare gli effetti dell’alcool, negativamente interagire con i farmaci di coagulazione del sangue, e aumentare il rischio di mania in persone che assumono antidepressivi SSRI. Parlare con il medico circa i farmaci e integratori che sta assumendo, e se ci sono eventuali interazioni negative conosciute con erbaccia.

La marijuana può essere utile per una varietà di individui, soprattutto quelli che vivono con alcune condizioni che provocano dolore, vomito intenso, o grave mancanza di appetito. Come molti farmaci o integratori, erbaccia potrebbe avere il potenziale per diventare una dipendenza in alcuni individui.

La dipendenza comporta una serie di fattori, e la mancanza di statistiche chiare sulle infestanti rende questo un argomento complicato. Se siete preoccupati per il potenziale di dipendenza, parlare con il medico circa le vostre preoccupazioni.