Pubblicato in 24 July 2017

I benefici per la salute di femminile Amicizie e fidanzate

Come un introverso per tutta la vita, ho sempre sentito più comodo uscire con gli amici, fidanzati, colleghi, e praticamente chiunque altro one-to-one. (conversazioni intime: SI Animazione grande gruppo:.. nope clamoroso) e anche se termini come #girlsquad me stress - beh, la maggior parte delle situazioni di gruppo mi stress - mi rendo conto che ho ossessivamente invocato e restituiti al mio equipaggio nucleo di amiche negli anni.

Che si trattasse di post-laurea 03:00 “che cosa sto facendo con la mia vita ?!” telefonate con i miei amici del college, o incidenti schiacciare-appostamenti 4 ° grado umilianti (no, non a distanza strano che il mio migliore amico e ho regolarmente presentati alla porta my cute del vicino per interrogarlo su ciò che lui sarebbe mangiare per la cena), le mie amiche mi hanno aiutato a rimanere sano di mente e sano nel corso degli anni.

C’è una scienza dietro amicizie femminili?

“La ricerca mostra che le donne, [forse] più degli uomini, hanno bisogno di mantenere tali connessioni. Aumenta serotonina e ossitocina, l’ormone bonding “, dice Alisa rubino Bash, PsyD, LMFT. Gli studi a Stanford sembrano confermare questo, come ha fatto uno studio UCLA che dimostra che nei momenti di stress, le donne non solo sperimentare la spinta verso lotta o fuga - hanno anche il rilascio di ossitocina. Questo aumento ormonale può costringere le donne a “tendere e fare amicizia,” aka, per proteggere i loro figli (se li hanno), ma anche per connettersi con altre donne.

Il mantenimento di quei legami diventa ancora più importante quando invecchiamo, secondo il dottor Bash. “Abbiamo più affollato, con più responsabilità,” dice. “Ci fa sentire nutrito e convalidato per appendere fuori con gli amici si può essere totalmente noi stessi [con], meno le pressioni esterne.”

Questo è assolutamente il caso di New York a base di Aly Walansky, 38 anni, che osserva che le sue amiche danno i suoi “nessun giudizio,” solo una specie di candida, sostegno senza esclusione di colpi che non trova altrove. “Con i ragazzi, o la mia famiglia, devo temperare le cose in modo da non offenderli o fare cose strane. Ma le mie amiche mi dirà la verità, e questo è tutto “, spiega.

Julia Antenucci, 25, di Rochester, attira anche il comfort dall’accettazione semplice la sua “squadra” di amiche del college la sua offerta. Anche se hanno sparsi in tutto lo stato in quanto la laurea, che fanno il tempo di stare insieme almeno un paio di volte l’anno, e la loro connessione non tramonta.

“Non ho mai sentito come in grado di essere me stesso … che quando sono in giro queste donne”, dice Antenucci via e-mail. “E ‘bello sapere che non importa dove io sono nel mondo … ci sono queste donne che veramente mi conoscono, amano e mi sostengono. E ‘una sensazione di sicurezza che non ho mai provato prima, nemmeno con la mia famiglia “.

Io so cosa vuol dire.

Anche se potrebbe sembrare un cliché, per molte donne single come me, amiche davvero non diventano più vicino di quanto la famiglia. Si potrebbe vedere più o confidare in loro di più. Come un Singleton lungo tempo privo di molte delle trappole tradizionali di età adulta (senza marito o figli, senza lavoro 9-5 ufficio), ho spesso girato verso i miei amici delle donne per la compagnia e il sostegno emotivo che altri trovano nei loro partner e bambini.

Può fidanzate sentimenti contribuire a curare di solitudine?

Anche se questa non è stata una scelta consapevole da parte mia (avevo ancora l’amore di trovare un partner, grazie), sono grato di avere gli amici più stretti che faccio. Soprattutto perché, negli ultimi anni, gli studi hanno ripetutamente dimostrato che la solitudine può essere letale. Secondo ilIndiano Journal of Psychiatry, È la percezione che si è soli - non la realtà oggettiva di quante connessioni qualcuno ha - che crea la maggior parte dei danni. Questa “solitudine patologica”, che può contribuire ad una varietà di problemi di salute, sta crescendo sempre più comune.

Le ragioni della nostra crescente isolamento sociale sono una miriade, ma la tecnologia, social media, ei pericoli di confronto sociale svolgono un ruolo chiaro.

“Anche 10 anni fa, la gente sarebbe andare a un negozio di caffè ed effettivamente parlare con le persone”, osserva il dottor Bash. “Al giorno d’oggi in America, siamo così isolato. Con i social media, tecnologia e sms … le persone si sentono più soli. Anche se non sono fisicamente soli, sono dipendenti da vedere costantemente ciò che fanno tutti gli altri.”

Questa dicotomia tra il nostro hyperconnectedness simultanea - avere la capacità perpetua a check-up su amici lontani - e crescente senso di alienazione emotivo molti americani fanno le nostre amicizie nella vita reale, faccia a faccia ancora più importante da sostenere.

“Dobbiamo fare quelle amicizie una priorità assoluta,” dice il Dott Bash. “notti e pranzi di pianificazione delle ragazze con gli amici! Farlo prima del tempo.”

Bash suggerisce anche prendere in mano il telefono e avere, si sa, le conversazioni reali , invece di mandare SMS o chattare su Facebook. Naturalmente, questo non significa che Internet non può essere uno strumento per aiutarvi a prendere o coltivare amicizie. Al contrario, molte donne costruiscono amicizie significative attraverso gruppi di Facebook, listservs di quartiere, anche le varie applicazioni amico conoscitiva Tinder-stile, come Hey Vina e arachidi .

In realtà, Julia Antenucci dice che uno dei suoi più grandi sistemi di supporto è un listserv e-mail New York City-based di donne che controllano regolarmente via e-mail, oltre a soddisfare in persona per pianificare eventi di attivisti. Perché Antenucci non vive più a New York, lei conosce solo la maggior parte di queste donne da dietro uno schermo.

Eppure “è stata la mia ancora di salvezza e proverbiale buco di irrigazione digitale da quando sono entrato l’anno scorso”, ha detto, notando, “Anche se non posso parlare a questo [personalmente] come una donna bianca cis, so che simili gruppi online sono stati molto utili per le minoranze e gli individui strani … come ‘girlsquads’ dove la solidarietà potrebbe non essere comunque presenti.”

Alla fine della giornata … avete bisogno di un #girlsquad?

Naturalmente, non ogni amicizia è la stessa, e mentre sarebbe piuttosto fresco se ogni donna in America ha avuto un legittimo ragazza-gang di confidarsi, vacanza con, e il piano di dominio del mondo tra, ognuno è diverso.

Non ogni donna ha bisogno - o vuole - un “della squadra.”

Per alcune donne, solo pochi amici intimi possono essere più che sufficiente. Julia W., 33 anni, che vive in California, dice: “La mia ‘ragazza rosa’ è piccolo. Ho queste unità di 2: I miei due migliori amici del liceo. I miei 2 migliori amici del college. I miei 2 migliori amici di rete “.

Ciò che conta non è quanto a trovare la vostra gente, è che tu non li trovate, o almeno ci provi. “Essere proattivi”, ricorda il dottor Bash. “Fate che una priorità”. E se non ci si sente soddisfatti del numero o la qualità delle amicizie nella tua vita in questo momento, non è troppo tardi per lavorare per migliorarlo.

“[Spesso] abbiamo conoscenti che vorremmo essere migliori amici con. Se facciamo la prima mossa e li chiediamo di pranzo o un caffè, che può aiutare “, dice il Dott Bash.

Naturalmente, è anche possibile uscire e fare più cose. Prendere lezioni, unirsi a un gruppo o un club, e andare da soli a divertenti eventi locali. “[Si tratta di] mettersi in una situazione in cui vi verrà interagire con le persone”, osserva Bash.

E non lasciare che le differenze insignificanti ti impediscono di raggiungere a un vecchio amico potrebbe essere discostato da un po ‘. Come dice il Dr. Bash, “Dobbiamo cercare di essere paziente ed empatico con i nostri amici, anche se siamo in un posto diverso. Forse il vostro amico ha un nuovo bambino e non è così disponibile; forse si sente frustrato. Ma [cercare di] continuare a sostenere e disponibili. Anche come andiamo attraverso diverse fasi, abbiamo intenzione di tornare insieme più tardi “.


Laura Barcella è uno scrittore autore e freelance attualmente con sede a Brooklyn. Ha scritto per il New York Times, RollingStone.com, Marie Claire, Cosmopolitan, The Week, VanityFair.com, e molti altri.