Pubblicato in 5 March 2019

3 parole che descrivono la mia artrite psoriasica

Anche se ho una storia d’amore segreta con le parole, ho difficoltà a scrivere sulla mia artrite psoriasica (PSA) in tre termini. Come si fa a catturare così tanto di ciò che vivono con PSA significa in sole tre parole piccolo piccolo?

Nonostante questo, sono stato in grado di restringere il campo di perdita, emotivi, e regali. Qui ci sono le ragioni per cui ho scelto ciascuno di questi.

1. Perdita

Mi ha preso un po ‘per fare i conti con esattamente la quantità di perdita che ho sperimentato a causa del mio PSA. A dire il vero, ci sono molti giorni in cui mi rendo conto che non ho ancora accettato quanto ho perso.

Io combatto contro tutti che il PSA ha preso da me, ma so che alla fine, non è una battaglia che vincerò. Ho perso la persona una volta che ero, così come la persona che ho sempre voluto avrei potuto essere.

Le mie mani hanno perso la capacità di aprire anche i vasi loosest, ei miei bambini perdere la fornitura infinita di vestiti puliti di un tempo. Fatica, dolori articolari, e razzi hanno rubato tutti questi da me. Ho perso amicizie e anche una carriera ho passato la maggior parte della mia vita per la preparazione.

Ogni perdita Ho vissuto a causa del mio PSA ha preso un pedaggio sul mio rapporto con i propri cari, così come la mia salute emotiva.

2. emozionale

Quando mi è stato diagnosticato prima con PSA, sono stato in grado di ottenere una chiara comprensione su cosa aspettarsi attraverso la mia ricerca. gonfiore delle articolazioni, dolore e la fatica non erano nuove per me quindi è stato in realtà un sollievo avere una diagnosi. Ma quello che non mi aspettavo era il turbinio di emozioni e problemi di salute mentale che accompagnano questa condizione.

Il mio reumatologo non mi mettere in guardia circa la forte relazione che esiste tra PSA e l’ansia o la depressione. Ero completamente accecato e mal equipaggiate per identificare i segni che ho faticato. Stavo annegando sotto il peso degli effetti collaterali emotivi di vivere con PSA.

Ora so che è così vitale per tutti coloro che vivono con PSA di essere a conoscenza dei segni di sovraccarico emotivo. Adottare misure per gestire la vostra salute emotiva tanto quanto la vostra salute fisica.

3. Regali

Stranamente, dato tutto quello che ho perso, spiegando il mio PSA in tre parole non sarebbe completa senza includere tutto quello che ho guadagnato pure. Vivere con PSA è tutta una questione di prospettiva.

Sì, i nostri corpi male. E sì, le nostre vite sono cambiate drasticamente da tutto ciò che eravamo prima. Abbiamo perso così tanto.

La nostra salute mentale è stato dato un pesante fardello da sopportare. Ma allo stesso tempo, con tutto il dolore arriva la possibilità di crescere. Ciò che conta è ciò che scegliamo di fare con questa opportunità.

Vivere con PSA mi ha dato una comprensione più profonda del genere di me stesso e gli altri. Mi ha dato non solo la capacità di entrare in empatia con gli altri su un livello completamente nuovo, ma mi ha dato una prospettiva e visione unica del genere nella mia propria capacità di offrire agli altri tanto necessario supporto.

Queste cose sono regali. L’empatia, compassione e sostegno sono doni che possiamo elargire agli altri. Ho guadagnato un più forte senso di sé e lo scopo.

Ho guadagnato una comprensione più profonda di ciò che significa essere “forte”, e ho dimostrato a me stesso ogni singolo giorno che ho veramente sono un guerriero.

Porta via

Quando si scende ad esso, la vita con PSA o qualsiasi malattia cronica è dotato di una grande quantità di perdita.

C’è dolore, fisico ed emotivo, che racconta la storia di chi siamo. I doni che provengono da quel dolore ci dicono che siamo destinati ad essere. Abbiamo l’opportunità di benedire gli altri con la nostra empatia e raccogliere i doni che provengono dal nostro dolore.

Sta a noi come scegliamo di usare queste opportunità.


Leanne Donaldson è un guerriero artrite psoriasica e reumatoide (sì, lei totalmente colpito l’artrite lotto autoimmune, gente). Con nuove diagnosi aggiunti ogni anno, che trova forza e sostegno dalla sua famiglia e concentrandosi sugli aspetti positivi. Come una mamma homeschooling di tre, lei è sempre a corto di energia, ma mai a corto di parole. È possibile trovare i suoi suggerimenti per vivere bene con malattia cronica sopra sul suo blog , Facebook , o Instagram .