Pubblicato in 16 February 2018

Attacchi di cuore: che cosa succede dopo?

Le parole “attacco di cuore” può essere allarmante. Ma grazie a miglioramenti nei trattamenti e procedure mediche, le persone che sopravvivono il loro primo incidente cardiaco può andare avanti a condurre una vita piena e produttiva.

Eppure, è importante capire che cosa ha innescato il tuo attacco di cuore e che cosa ci si può aspettare di andare avanti. Il modo migliore per andare avanti nel tuo recupero è quello di assicurarsi che il medico risponde alle domande più pressanti e vi fornisce istruzioni chiare e dettagliate prima di lasciare l’ospedale.

Ecco alcune domande per aiutare a guidare la conversazione con il medico, dopo un attacco di cuore.

Quando mi verrà dimessa dall’ospedale?

In passato, le persone che hanno avuto un attacco di cuore potrebbero passare settimane in ospedale, in gran parte su un rigoroso riposo a letto. Oggi, molti sono fuori dal letto in un giorno, camminando e di impegnarsi in un test di stress di basso livello, qualche giorno dopo, e poi rilasciato a casa.

Se avete sperimentato complicazioni o ha subito un intervento chirurgico, come un bypass coronarico o angioplastica, è probabile che richiedono un soggiorno più lungo.

Quali sono i trattamenti più comunemente prescritti dopo un attacco di cuore?

La maggior parte delle persone che hanno sperimentato un attacco di cuore sono i farmaci prescritti, i cambiamenti dello stile di vita, e, a volte, le procedure chirurgiche. Il medico può anche eseguire test diagnostici per determinare l’entità del danno cardiaco e malattia coronarica.

I cambiamenti dello stile di vita che il medico può raccomandare includono diventare più attivi, l’adozione di un cuore sano dieta più, riducendo lo stress, e smettere di fumare.

Avrò bisogno di riabilitazione cardiaca?

Partecipare a riabilitazione cardiaca può ridurre i fattori di rischio di malattie cardiache, migliorare la qualità della vita, migliorare lo stabilità emotiva, e aiutare a gestire la sua malattia.

I medici di solito consigliamo un programma sotto controllo medico per aumentare la vostra salute attraverso l’esercizio fisico, l’educazione, e la consulenza. Questi programmi sono spesso associati con un ospedale e coinvolgono l’assistenza di un team di riabilitazione che consiste di un medico, infermiere, dietista, o altri operatori sanitari.

Devo evitare di tutte le attività fisica?

Si può avere abbastanza energia per il lavoro e il tempo libero, ma è importante riposare o fare un breve pisolino quando ci si sente eccessivamente stanco. E ‘altrettanto importante di partecipare ad eventi sociali e di integrare l’attività fisica nella vostra routine quotidiana. Il medico può fornire indicazioni su ciò che è meglio per la situazione specifica.

E ‘normale avere dolore al petto dopo un attacco di cuore?

Non tutti l’esperienza del dolore, ma la luce, il dolore fugace o pressione al petto durante o subito dopo lo sforzo fisico, emozioni intense, o mangiare un pasto pesante è tipico. Mantenete il vostro medico di qualsiasi dolore al petto. dolore implacabile che non va via richiede un viaggio verso l’ospedale.

Quando posso tornare al lavoro?

Il tempo per tornare al lavoro può variare da due settimane a tre mesi, a seconda della gravità dell’attacco di cuore e la natura delle vostre mansioni e responsabilità. Il medico stabilirà quando è opportuno tornare monitorando con attenzione il recupero e il progresso.

Ho sperimentato grandi oscillazioni nei mie emozioni. È questo legato al mio attacco di cuore?

Da due a sei mesi dopo un incidente cardiaco, si può verificare ciò che si sente come un ottovolante emotivo. La depressione è comune, in particolare se si doveva fare modifiche sostanziali alla vostra routine regolare. Una fitta di dolore può suscitare paura di un altro attacco di cuore o di morte, e si può sentire arrabbiato che questo è successo a te.

Discutere i vostri sbalzi d’umore con il medico e la famiglia, e non abbiate paura di cercare assistenza professionale per aiutare a far fronte.

Dovrò prendere i farmaci e, in caso affermativo, di che tipo?

Avvio o arresto farmaci o regolare vecchi farmaci è comune a seguito di un attacco di cuore.

Si può essere prescritto alcuni farmaci per ridurre il rischio di un secondo attacco di cuore, come ad esempio:

  • beta-bloccanti e gli inibitori di enzimi dell’enzima di conversione dell’angiotensina (ACE) per contribuire a trattare la pressione alta
  • statine per abbassare il colesterolo
  • antitrombotici per aiutare a prevenire la formazione di coaguli di sangue
  • basse dosi di aspirina per ridurre la probabilità di un altro attacco di cuore

La terapia con aspirina può essere molto efficace nella prevenzione degli attacchi di cuore secondari. Esso dovrebbe essere utilizzato solo per prevenire primi attacchi di cuore in persone che hanno un alto rischio di malattia aterosclerotica cardiovascolare (ad esempio, infarto e ictus) e un basso rischio di sanguinamento.

Divulgare tutti i farmaci - anche over-the-counter farmaci, integratori e fitoterapia - con il proprio medico per evitare interazioni farmacologiche.

Posso impegnarsi in attività sessuali?

Vi chiederete come un attacco di cuore avrà un impatto vostra vita sessuale, o se è sicuro di avere rapporti sessuali a tutti. Secondo l’ American Heart Association , la possibilità di attività sessuale che causa o aumentando il rischio di un attacco di cuore è minuscolo. Se siete stati trattati e stabilizzata, si può probabilmente continuare il vostro schema regolare di attività sessuale entro poche settimane dopo il recupero.

Non essere timido di iniziare una conversazione con il medico a decidere ciò che è sicuro per voi.

l’asporto

Assicurarsi che si capisce che cosa si può e non può fare, ciò che è normale e cosa non lo è, e quali trattamenti è necessario prendere dopo un attacco di cuore. Essere aperti con il vostro medico circa le vostre domande e preoccupazioni solo aiuterà a recuperare più velocemente.