Pubblicato in 26 June 2018

Guida di nutrizione di Crohn: cosa mangiare e cosa evitare

La malattia di Crohn è una forma di malattia infiammatoria intestinale (IBD) . Si può certamente causare problemi quando si tratta di scegliere ciò che si mangia e si beve. Non solo l’infiammazione del tratto digerente condizione di causa e sintomi di disagio, ma le conseguenze a lungo termine possono anche includere la malnutrizione.

Per rendere le cose più complicate, le tue abitudini alimentari possono peggiorare i sintomi. Mentre non c’è panacea dieta conosciuta per il morbo di Crohn, di mangiare e di evitare certi cibi può aiutare a prevenire le fiammate.

Condividi su Pinterest

Grani sono graffette dietetiche comuni. I cereali integrali sono spesso propagandato come fornire i benefici più dietetiche perché sono ricchi di fibre e sostanze nutritive.La ricerca suggerisce che una dieta ricca di fibre può ridurre il rischio di sviluppare IBD.

Ma una volta che si riceve una diagnosi IBD e la malattia è attiva, il fattore di fibra può essere problematico. La fibra insolubile, che si trova nella frutta e verdura bucce, semi, verdure a foglia verde scuro, e prodotti integrali, passa attraverso il tubo digerente intatto . Questo può aumentare la diarrea e dolore addominale . Tuttavia, altre sostanze in grani possono essere anche la colpa, comeglutine o carboidrati fermentabili (FODMAPs).

Ciò che i grani di evitare o limitare:

  • pane di farina integrale
  • pasta integrale
  • segale e prodotti di segale
  • orzo

Prova questi invece:

  • riso e pasta riso
  • patate
  • farina di mais e polenta
  • fiocchi d’avena
  • pane senza glutine

A seconda dei singoli sintomi, il medico può raccomandare una dieta povera di fibre . Questo significa che dovrete limitare la quantità di cereali integrali che si mangia. Secondo la Fondazione di Crohn e Colite d’America (CCFA) , le persone con Crohn possono beneficiare di un basso contenuto di fibre, dieta a basso residuo per aiutare a gestire piccole costrizione intestinale o sintomi acuti. Questo tipo di dieta riduce fibre e “scarto” che può stare dietro e irritare l’intestino.

Tuttavia, la ricerca in corso in dubbio l’utilità delle diete a basso contenuto di fibre nella gestione della malattia di Crohn. Un piccolo 2015 studio con una dieta vegetale-forward che comprendeva uova, latticini, pesce, e la fibra ha mostrato un alto tasso di remissione mantenuto più di due anni. Nel complesso, i ricercatori hanno esaminato altri studi come bene e hanno concluso che le diete a base vegetale possono aiutare a diminuire l’infiammazione intestinale e migliorare la salute generale. I ricercatori hanno riferito che l’assunzione di fibre superiore non ha dato luogo a sintomi negativi o risultati.

Condividi su Pinterest

A causa della loro numerosi vantaggi, è un peccato pensare che frutta e verdura dovrebbero essere evitati da persone con Crohn. La verità è che producono crudo può causare problemi per la stessa ragione come cereali integrali: alto contenuto di fibre insolubili.

Non è necessariamente bisogno di eliminare ogni frutta e verdura dalla vostra dieta, ma alcuni tipi di frutta e verdura può essere eccezionalmente duro sul tubo digerente di un Crohn, sia a causa della fibra o contenuti FODMAP .

Che frutta e verdura per limitare possibilmente:

  • le mele con le pelli
  • broccoli
  • cavolo
  • cavolfiore
  • carciofi
  • ciliegie
  • Pesche
  • prugne

Prova questi invece:

  • Salsa di mele
  • verdure al vapore o ben cotti
  • cetrioli pelati
  • peperoni
  • banane
  • Cantalupo
  • schiacciare
  • zucca

Invece di evitare frutta e verdura del tutto, è ancora possibile raccogliere alcuni dei loro benefici dalla lavorazione in modo diverso. Ad esempio, il lievito e la frutta e verdura fumanti possono renderli più facilmente digeribili.

Eppure, questo processo può anche rimuovere alcune delle loro sostanze nutritive importanti, vitamine soprattutto idrosolubili ed enzimi. Si consiglia di parlare con il medico e dietista sui modi per prevenire eventuali carenze .

Condividi su Pinterest

Quando si tratta di di Crohn fiammate, le selezioni di proteine ​​dovrebbero essere basate su contenuto di grassi. Carni con un alto contenuto di grassi dovrebbero essere evitati. Optando per proteine ​​con grasso più basso è una scelta migliore.

Quali proteine ​​al fine di evitare o limitare:

  • carne rossa
  • salsicce
  • pollame carne scura

Prova questi invece:

  • uova
  • pesce
  • mollusco
  • filetto di maiale
  • burro di arachidi
  • pollame carne bianca
  • tofu e altri prodotti di soia

Condividi su Pinterest

Mentre si può essere in grado di avere un bicchiere di latte qua e là senza problemi, altre persone con Crohn potrebbero non tollerano latticini molto bene. In effetti, la Mayo Clinic raccomanda la gente con la malattia di Crohn per limitare i latticini o evitare del tutto. Questo perché l’intolleranza al lattosio tende a coincidere con IBD .

Lattosio, un tipo di zucchero del latte, può aumentare il rischio di gas o di dolori addominali e diarrea . Gli alimenti ricchi di grassi può anche essere più difficile da digerire.

Quali prodotti lattiero-caseari per evitare o limitare:

  • burro
  • crema
  • prodotti lattiero-caseari pieno di grassi
  • margarina

Prova questi invece:

  • sostituti lattiero-caseari come latte , yogurt e formaggio a base di piante come la soia, noce di cocco, mandorla, il lino, la canapa o
  • basso contenuto di grassi prodotti lattiero-caseari fermentati come lo yogurt o kefir

Se si decide di indulgere in prodotti lattiero-caseari, assicuratevi di optare per prodotti a basso contenuto di grassi, limitare l’assunzione, e utilizzare prodotti enzimatici come lattasi (alta digeribilità) o prodotti senza lattosio per aiutare a controllare eventuali conseguenti fiammate. Potete anche provare questi 13 senza latte ricette cena.

Condividi su Pinterest

Considerando la natura della malattia di Crohn, è generalmente una buona idea di bere più liquidi. La migliore bevanda di scelta tende ad essere semplice acqua. Acqua fornisce anche la migliore forma di idratazione. La disidratazione è spesso un rischio in casi di diarrea cronica.

Cosa bevanda bevande per evitare o limitare:

Prova questi invece:

  • acqua naturale
  • acqua gassata (se tollerato)
  • tisana noncaffeinated

Bevande contenenti caffeina , come caffè, tè, e soda, aumentano la diarrea. L’alcol può avere lo stesso effetto. Soda e acqua gassata non sono necessariamente buone scelte, sia. Possono aumentare il gas in molte persone.

Se non è possibile vivere senza il tuo caffeina al giorno o un bicchiere di vino ogni tanto, ricordare che la moderazione è la chiave. Prova l’acqua potabile insieme a queste bevande per ridurre al minimo i loro potenziali effetti avversi.

Condividi su Pinterest

Cibi piccanti possono agire come un irritante per alcuni e peggiorare i sintomi. Come regola generale, si dovrebbe evitare qualsiasi cosa troppo piccante. D’altra parte, la curcuma (o curcumina) , è stata collegata a ridurre al minimo di Crohn riacutizzazioni della malattia in studi preliminari . Ha un sapore leggermente piccante.

Cosa spezie per evitare o limitare:

  • Pepe di Giamaica
  • Pepe nero
  • peperoncino di Cayenna
  • peperoncino in polvere
  • Jalapenos
  • aglio
  • bianco, giallo, o cipolle viola
  • paprica
  • wasabi

Prova questi invece:

  • Curcuma
  • Zenzero
  • erba cipollina o cipolle verdi
  • cumino
  • scorza di limone
  • erbe fresche
  • mostarda

Problemi con alimenti possono giustificare uno sguardo a vitamine e integratori. Secondo la Mayo Clinic, un multivitaminico può essere una delle migliori scelte per la malattia di Crohn. Questi integratori possono aiutare a prevenire la malnutrizione causata dal piccolo intestino incapacità di assorbire correttamente le sostanze nutrienti dal cibo che mangi.

Inoltre, se la vostra dieta è molto limitato a causa di fiammate, un multivitaminico con minerali può aiutare a riempire di nutrienti mancanti. Il calcio è un altro supplemento importante da considerare, soprattutto se non si mangia molti prodotti lattiero-caseari.

A seconda del grado della malattia e l’infiammazione, quali farmaci si sta prendendo, e se si sono verificati eventuali interventi chirurgici di resezione, acido folico , vitamina B-12 , vitamina D , e vitamine liposolubili (vitamine A, D, E e K) sono le carenze nutrizionali più comuni.

Mentre gli integratori possono aiutare, si dovrebbe discutere con il medico e dietista prima per evitare il rischio di dosi eccessive e interazioni farmacologiche.

La dieta può aiutare a prevenire di Crohn fiammate. Tuttavia, gli alimenti e le bevande tendono ad influenzare i pazienti di Crohn in modo diverso. Ciò significa che un cibo potrebbe causare fiammate per alcune persone e non per gli altri. In generale, se si sa che un certo cibo aggrava i tuoi sintomi , si dovrebbe prendere cura di evitare del tutto. Se si pensa che un alimento sta peggiorando i sintomi, provare a eliminare dalla vostra dieta e vedere se i sintomi migliorano. Se si aggiunge indietro in seguito e sintomi riprendere, sarebbe probabilmente meglio evitare troppo. I più piccoli, più frequenti pasti possono anche ridurre il lavoro del tratto digestivo.

Le nuove aree di ricerca in Crohn includono:

E ‘importante considerare che non è solo ciò che si mangia che possono aggravare i sintomi. Il modo di cucinare ed elaborare il cibo può anche fare la differenza. Fritti, cibi grassi sono comunemente riportati come colpevoli flare-up, in modo da optare per prodotti da forno e alla griglia, invece. La malattia di Crohn può fare la digestione dei grassi difficile, il peggioramento diarrea e altri sintomi.

La dieta può svolgere un ruolo cruciale nella gestione complessiva di Crohn, ma è un multi-fattoriale, malattia complessa. Si richiede spesso molti metodi di trattamento di supporto, non solo la dieta da sola.

In effetti, la CCFA fa notare che pochi studi di ricerca hanno indicato alla dieta come la soluzione. Questo perché la dieta può aiutare a prevenire e alleviare i sintomi, ma il cibo in sé potrebbe non essere sufficiente per affrontare l’infiammazione sottostante e cicatrici che provoca i sintomi in primo luogo.

Continuare a vedere il vostro medico per il trattamento e il follow-up. Assicurati di discutere di eventuali differenze nei sintomi. Nutrizione consulenza può anche migliorare l’efficacia dei farmaci e la qualità complessiva della vita.