Pubblicato in 14 February 2019

Sopravvissuti al suicidio condividere le loro storie e consigli in queste foto

Suicide tassi negli Stati Uniti hannoè aumentatodrasticamente negli ultimi 20 anni. Ci sono 129 morti per suicidio a livello nazionale tutti i giorni.

Discusse meno spesso, ci sono circa 1,1 milioni di tentativi di suicidio ogni anno - o più di 3.000 al giorno, in media - molti dei quali non finiscono con la morte.

Tuttavia, abbiamo spesso hanno difficoltà a far apparire pensieri suicidi con coloro che amiamo, anche quando sappiamo che qualcuno potrebbe essere in difficoltà, o stiamo lottando noi stessi.

Credo che non è che non ci interessa, piuttosto che non abbiamo un linguaggio comune per discutere di tali argomenti o la consapevolezza di quando dovremmo raggiungere e come. Ci preoccupiamo che noi non dire la cosa giusta, o peggio, che diremo qualcosa che ti causano la persona a compiere a loro ideazione .

In realtà, chiedere a qualcuno direttamente sul suicidio è spesso un modo sia per aiutare la persona a sentirsi ascoltato - e aiutarli a trovare l’aiuto e le risorse di cui hanno bisogno.

Troppo spesso discussioni attorno al suicidio sono controllati da coloro che non hanno esperienza personale con ideazione suicidaria o di salute mentale.

PREVENZIONE DEL SUICIDIO manca VOCI Raramente arriva a sentire direttamente da coloro che hanno sperimentato ideazione suicidaria o sopravvissuto ad un tentativo di suicidio.

Sperando di spostare quel paradigma, Healthline collaborato con la prevenzione Forefront Suicidio , un centro di eccellenza presso l’Università di Washington, che si concentra sulla riduzione del suicidio, che abilita gli individui, e building community.

Jennifer Stuber, il co-fondatore e direttore di Forefront, ha parlato degli obiettivi del programma, la condivisione, “La nostra missione è quella di salvare vite umane [che altrimenti sarebbe] perso al suicidio. Il modo in cui noi pensiamo che stiamo andando per arrivarci è trattando allo stesso tempo il suicidio sia come salute mentale e di un problema di salute pubblica.”

Stuber ha discusso l’importanza di ogni sistema, se la cura di metallo sanitaria, assistenza sanitaria fisica, o l’istruzione, avere una comprensione intorno prevenzione dei suicidi e come intervenire in caso di necessità.

Alla domanda su cosa avrebbe detto a coloro che stanno vivendo pensieri suicidi, Stuber ha detto, “Non si può forse rendersi conto di quanto si sarebbe perso se non fossi qui a causa di quanto male ci si sente. Non c’è aiuto e speranza a disposizione. Non sempre funziona la prima volta, potrebbe richiedere diversi tentativi differenti a lui, ma la tua vita è degna di essere vissuta, anche se non si sente come ora.”

Per coloro che hanno tentato il suicidio, è spesso difficile trovare gli spazi per raccontare le loro storie, o persone disposte ad ascoltare.

Abbiamo voluto sentire direttamente dalla gente personalmente colpiti dal suicidio al fine di dare un volto, nome e una voce ad un’esperienza troppo comune.

Gabe

Sulla loro esperienza con la malattia mentale

Mi sento come suicidalità è qualcosa che è stato parte integrante tutta la mia vita.

Credo che viviamo in una cultura che valorizza la forza e la perseveranza e ha questo molto ingenua convinzione che tutti sono nati nelle stesse circostanze con gli stessi corpi con le stesse sostanze chimiche nei loro cervelli che funzionano il modo in cui si suppone che lavorare.

sul recupero

E ‘stato in ultima analisi, solo di essere fortunati ad avere buone numero sufficiente di persone nella mia vita che sono disposti a parlare con me fino alle 3 o darmi consigli e feedback onesto su roba.

Per me, se mi danno il tempo, alla fine io non si sente come morire e questo è il tempo - a fare il meglio che puoi.

Condividi su Pinterest

Su come si può aiutare le persone a sperimentare ideazione suicidaria

Basta ascoltarli. Essere veramente onesti e fare buoni confini su ciò che si può e non può sentire. Diffidare di silenzio quando si sa che le persone hanno fatto male, anche quando le persone sembrano fare bene.

Jonathan

A sperimentare la malattia mentale

Sono stato in ospedale per tre volte per la depressione [e pensieri suicidi] e due volte dopo tentativi di suicidio negli ultimi sette anni.

Al rialzo di sfide malattia mentale

C’è uno stigma con la malattia mentale. [Ma] io non sono sicuramente vergogno del mio passato! Se non avevo mai avuto a che fare con questa roba, non sarei la persona che sono oggi e non l’avrei capito chi sono io o la persona che voglio essere.

Condividi su Pinterest

Su consiglio a persone che soffrono di ideazione suicidaria

Penso che fare ciò che ti rende felice nella vita è il più importante. Ecco perché mi vesto come voglio. Voglio mostrare agli altri va bene. Non lasciare che gli altri ti dicono come devi vivere la tua vita.

Tamar

Sulla malattia mentale, senza fissa dimora, e la povertà

Perché sono cresciuto senza casa e vissuto in molte popolazioni senza fissa dimora, non abbiamo considerato le persone malate. Droga, alcol, essendo suicida, essendo schizofrenico - che era tutto solo normale per noi.

Al momento si sentiva come l’unica via d’uscita era un suicidio. Che non ho avuto altre opzioni, non c’era nessuno a venire a salvarmi, non c’era un sistema che stava per piombare in e portarmi lontano dalle cose che mi stavano causando dolore.

Sugli ostacoli ottenere aiuto per le persone che vivono in povertà

Non ho avuto un quadro attorno a ciò che [significasse] di essere mentalmente sano, quello che [significava] per ottenere aiuto.

Ognuno dice che non c’è aiuto, ottenere aiuto. Cosa significa? Non c’era nessuno che disse: “Ehi guarda, se non si hanno i soldi, ecco le organizzazioni di volontariato.” Io non ho ricevuto informazioni quando mi è stato dimesso dall’ospedale [per aver tentato il suicidio] oltre a non farlo di nuovo, trovare aiuto .

Alla ricezione di aiuto a prezzi accessibili per la prima volta (da Open Path)

Era la prima volta nella mia vita che la salute mentale è stato a portata di mano.

Era la prima volta che qualcuno articolata a me che [seguito attraverso pensieri suicidi] non era un imperativo. Non ho avuto ad ascoltarlo. Quella era la vita cambia per me.

sulla guarigione

In realtà è stato quando ho deciso di tentare la sobrietà che ho anche imparato che idea di avere una serie di strumenti di meccanismi di adattamento e quindi di iniziare a spostarlo. Non sapevo che ci fossero altri modi per far fronte a questi sentimenti che ho avuto.

Avere un’alternativa a sentirsi suicida era un mondo tutto nuovo, è stato un punto di svolta. Anche se ero troppo depresso per scendere al piano, ho avuto una scatola di strumenti di salute mentale e di un linguaggio per parlare a me stesso che non avevo mai avuto prima.

Ho dovuto imparare che anche, che ero diventato uno dei miei abusanti. E ‘stata una rivelazione. Stavo solo seguendo le orme di tutti gli altri … Eppure io voglio fuggire dal ciclo.

Fare quelle connessioni mi ha fatto sentire come se il mio corpo è un vaso degno e che io sono degno di vivere in essa e rimanere su questo pianeta.

Jo

Su perdendo il marito al suicidio

Mio marito aveva disturbo da stress post-traumatico (PTSD) e aveva anche quello che noi chiamiamo un “ danni morali ”, che credo sia molto importante quando si parla di veterani. Il modo in cui ho sentito che ha descritto è che è fondamentalmente aver eseguito atti durante l’orario di servizio che sono stati richiesti dal servizio, ma che vanno contro e violare il proprio codice morale o il codice della società in generale.

Credo che mio marito soffriva di tremendo senso di colpa e né lui né io avuto gli strumenti per capire come elaborare questo senso di colpa.

Condividi su Pinterest

Su l’isolamento dei sopravvissuti

Circa un anno e mezzo dopo la sua morte ho lasciato il mio lavoro di avvocato e ho cominciato a fare fotografia perché avevo bisogno di qualcosa da fare per la mia guarigione.

Quello che ho vissuto è stato profondo isolamento e di quel senso che si sa, il mondo era là fuori, e tutti si muoveva avanti con la loro vita quotidiana, e mi era su quello che ho usato per riferirsi a come “pianeta mio marito è morto per suicidio.”

Sulla sua vita come un sopravvissuto di un suicidio

Che cosa sono venuto a scoprire è che in realtà è abbastanza comune quando si ha una perdita di suicidio di primo grado come quella di continuare ad avere [suicide] sentimenti stessi.

So quello che mi ha aiutato sta spendendo un sacco di tempo soprattutto con i miei amici veterani che sono stati addestrati nel sostegno reciproco e la prevenzione del suicidio. E ‘così utile avere qualcuno che può check-in e dire: “Stai pensando di farsi del male?”, Ma per andare oltre e dire “Ti avere un piano e avete un appuntamento?”

Condividi su Pinterest

Su consiglio a coloro che sono colpiti dal suicidio

Siamo molto antisettico nel nostro modo di pensare la morte e il dolore, in particolare i tabù intorno suicidio. Quando qualcuno dice “Sei molto giovane per essere una vedova, quello che è successo,” Sono sempre onesto.

Se fosse stato in giro con quello che so adesso, il mio messaggio per lui sarebbe stata, “Tu sei amato incondizionatamente anche se non si sente meglio di te in questo momento.”

C’è sempre speranza

Attraverso organizzazioni come Forefront, la National Suicide Prevention Lifeline , linea di crisi testo , e gli altri, non c’è movimento verso spostando il nostro approccio alla suicidalità, riducendo lo stigma, e rompendo il silenzio.

La nostra speranza è che gli individui coraggiosi che hai incontrato sopra può aiutare essere una parte di quel movimento e che rottura del silenzio, portare la luce ad un argomento che troppo spesso viene evitata, ignorato o stigmatizzato.

Per coloro che subiscono suicida, non siete soli, e c’è sempre speranza, anche se non si sente come ora.

Se voi o una persona cara si verificano i pensieri di suicidio, si prega di chiamare la National Suicide Prevention Lifeline al numero 1-800-273-8255, controllare questo elenco di risorse , o di inviare un testo qui .


Caroline Catlin è un artista, attivista, e dei lavoratori della salute mentale. Le piace gatti, caramelle aspro, e l’empatia. È lei può trovare sul suo sito web .