Pubblicato in 22 December 2016

È Chirurgia Plastica l'Ave Maria gioca per Battling emicrania?

Dal momento che stava finendo la scuola elementare, Hillary Mickell ha combattuto emicranie .

“A volte mi piacerebbe avere sei in un giorno, e poi non avrei alcuna per una settimana, ma poi mi piacerebbe avere frequenti emicranie per sei mesi di fila”, ha detto Mickell, un 50-year-old commercializzazione San Francisco professionale . “Quando stavo inseguendo la mia avvio a pochi anni fa hanno davvero libero sfogo. Ci vuole solo così tanto di voi a funzionare quando hai a che fare con il dolore del genere. Si arriva al punto in cui non ci si sente come una persona intera.”

Mickell non è sola nella sua frustrazione. Quasi uno su cinque donne adulte nelle emicranie esperienza degli Stati Uniti, che possono essere devastanti. Un episodio normale può durare fino a 72 ore e la maggior parte delle persone non sono in grado di funzionare normalmente durante quel tempo. Grave, dolore debilitante, spesso porta con sé la nausea, depressione, ipersensibilità, paralisi parziale, vertigini e vomito. Riecheggiare le parole di Mickell, è difficile sentire “tutta”.

Per Mickell, emicranie sono nel DNA della sua famiglia. La madre, il padre, e la sorella anche combattere emicrania cronica regolarmente. E come tutti coloro che vivono con una condizione cronica, Hillary e la sua famiglia hanno cercato il rimedio giusto per aiutare a gestire il dolore e la frequenza delle emicranie, ma trovare un trattamento è notoriamente difficile.

A causa della complessa e non ancora pienamente compreso la natura di emicranie, molti pazienti trovano a zero beneficio da antidolorifici over-the-counter, e farmaci da prescrizione di emicrania sono utilizzati solo da un terzodei pazienti. Questo ha lasciato molti da soli ad esplorare trattamenti non tradizionali.

“È il nome, l’ho fatto,” Mickell mi dice al telefono. “Ho avuto l’agopuntura, ho fatto i triptani, i vasodilatatori, lavorato con chiropratici, preso farmaci anti-sequestro, e anche la marijuana medica per straight-up Topamax e Vicodin. Qualunque cosa. Il tutto con vari livelli di gestione del dolore, in sostanza.”

Inoltre, molte di queste opzioni hanno effetti collaterali negativi, come la sedazione “sonnolenza” che può diminuire ulteriormente la produttività di una persona.

Botox per il sollievo di emicrania

In qualità di esperti e chi soffre di emicrania fatica a capire l’emicrania, una delle teorie più recenti suggeriscono che possono essere causati da irritazione dei nervi sensoriali o “sentire” nel cuoio capelluto. E ‘stata questa la scoperta di punti di innesco che hanno portato l’uso di prova di botoulinum tossina A o “Botox” come trattamento. In sostanza, Botox aiuta bloccando alcuni segnali chimici dai vostri nervi.

Botox è diventata una delle misure più efficaci per Hillary che hanno cercato dopo il FDA approvato il suo utilizzo per l’emicrania cronica nel 2010. Durante una sessione tipica, il suo medico iniettato dosi multiple in punti specifici lungo il ponte del naso, tempie, fronte, collo e parte superiore della schiena.

Purtroppo, però, Botox non è permanente. Il farmaco svanisce, e di continuare la terapia di Botox per l’emicrania, si avrebbe bisogno di iniezioni ogni tre mesi. “Ho cercato di Botox un paio di volte, e mentre lo ha fatto diminuire la gravità e la durata delle mie emicranie, non necessariamente diminuiscono l’incidenza”, ha detto Mickell.

Andare sotto i ferri

Pochi anni dopo, la sorella-in-law le mostrò uno studio del Dr. Oren Tessler, Assistant Professor di Chirurgia Clinica presso LSU Health Sciences Center di New Orleans School of Medicine. In esso, un team di chirurghi plastici e ricostruttivi usato la chirurgia estetica delle palpebre per decomprimere, o “liberare” i nervi che scatenano l’emicrania. I risultati? Un ritmo impressionante di successo del 90% tra i pazienti.

Per Hillary, la possibilità di una riduzione della frequenza e della gravità delle sue emicranie con il valore aggiunto della chirurgia estetica delle palpebre suonava come una win-win, quindi nel 2014 si trova un chirurgo plastico nella vicina Los Altos, California, che aveva familiarità con i nervi -lavoro correlato.

La sua prima domanda per il dottore era se qualcosa di così drastico come la chirurgia sarebbe effettivamente lavorare. “Mi ha detto, ‘Se hai fatto Botox per le emicranie e che è stato efficace, allora questo è un buon indicatore che questo tipo di intervento chirurgico potrebbe funzionare.‘”

La stessa procedura viene eseguita su base ambulatoriale ed è di solito meno di un’ora per ogni punto di innesco che viene disattivato. In caso di successo, la frequenza e l’intensità delle emicranie è notevolmente ridotta per più di due anni.

“In sostanza ha detto ‘Non c’è nessun aspetto negativo. Non c’è nervi. La tua faccia non sta andando per ottenere floppy, e non c’è quasi nulla che può andare storto. Si potrebbe semplicemente non funzionare. ‘”

Dopo una vita di lotta emicranie debilitanti e cercando innumerevoli terapie preventive, Hillary era finalmente l’emicrania libero.

“Ho passato decennio precedente dedicando la metà del mio tempo a emicranie di gestione,” Mickell riflesso “, ma dopo l’intervento ho passato quasi due anni senza emicranie. Ho appena cominciato ad avere qualche mal di testa, ma non mi sarei nemmeno confrontarle con le mie emicranie normali “.

“Ho detto a tutti su di esso”, aggiunge. “Non c’è motivo per non farlo. Non è un costo proibitivo. E il livello di impatto è stupefacente. Non posso credere che la gente non sa su di esso e non ne parlano.”

Per chi considera la chirurgia eyelift per l’emicrania, abbiamo chiesto chirurgo plastico Catherine Hannan MD per un consiglio.

D:

Qualora le persone che soffrono di emicrania cronica testa sotto il coltello prima escludere altre procedure?

UN:

Chi soffre di emicrania dovrebbero prima consultare un neurologo per ottenere una storia completa e valutazione fisica. Molti neurologi iniziano con terapie farmacologiche dal momento che molti pazienti traggono beneficio da quelli. Inoltre, dal momento che la stragrande maggioranza dei chirurghi plastici ancora non offrono questa procedura, può essere difficile trovare un fornitore di fuori di un centro accademico in una grande città.

Catherine Hannan, MD risposte rappresentano le opinioni dei nostri esperti medici. Tutto il contenuto è strettamente informativo e non deve essere considerato consigli medici.

D:

Botox ha avuto alcun successo a lungo termine con i pazienti?

UN:

La tossina botulinica indossa costantemente fuori nella maggior parte dei pazienti dopo circa 3 mesi, quindi è un trattamento efficace, ma non una cura.

Catherine Hannan, MD risposte rappresentano le opinioni dei nostri esperti medici. Tutto il contenuto è strettamente informativo e non deve essere considerato consigli medici.

D:

È sempre la chirurgia plastica una soluzione economicamente vantaggiosa rispetto a Botox o trattamenti alternativi meno efficaci?

UN:

La maggior parte dei neurologi tentano farmaci prima, e poi, eventualmente, le iniezioni di Botox, ben prima di un intervento chirurgico diventa una soluzione. Anche se questo può significare numerose co-paga costosa nel corso del tempo, può essere l’unica opzione. Un paziente può non essere in grado di trovare un chirurgo emicrania, o uno che accetta la loro assicurazione. Ogni piano di assicurazione è molto diverso ed i pazienti devono verificare con il proprio assicuratore sulla idoneità per tali prestazioni.

Catherine Hannan, MD risposte rappresentano le opinioni dei nostri esperti medici. Tutto il contenuto è strettamente informativo e non deve essere considerato consigli medici.

D:

È la chirurgia estetica l’Ave Maria gioca la comunità emicrania cronica è stato nostalgia?

UN:

In pazienti selezionati che hanno fallito la terapia dell’emicrania tradizionale, è certamente un trattamento sicuro ed efficace con tempi di inattività minimi e poche complicazioni. Un neurologo che è uno specialista emicrania può aiutare a valutare e determinare se un paziente è un buon candidato.

Catherine Hannan, MD risposte rappresentano le opinioni dei nostri esperti medici. Tutto il contenuto è strettamente informativo e non deve essere considerato consigli medici.