Pubblicato in 17 August 2015

Capire il virus JC ei rischi per le persone con SM

Qual è il virus JC?

Il virus John Cunningham, noto più comunemente come il virus JC, è un virus molto comune negli Stati Uniti. Secondo il World Journal of Neurosciences , tra il 70 e il 90 per cento di persone nel mondo hanno il virus. La persona media portatrice del virus JC non saprà mai, ed è improbabile che l’esperienza effetti collaterali.

Tuttavia, questo non è il caso di una piccola percentuale di individui con sclerosi multipla (SM) . Il virus JC può essere attivata quando il sistema immunitario di una persona è compromessa a causa di malattia o di farmaci immunosoppressori .

Il virus può quindi essere effettuata nel cervello . Che infetta la materia bianca del cervello e attacca le cellule responsabili per la fabbricazione mielina, il rivestimento protettivo che ricopre e protegge le cellule nervose. Questa infezione è chiamata leucoencefalopatia multifocale (PML) . PML può essere invalidante, anche mortali.

Il ruolo dei farmaci immunosoppressori

Il virus JC attacca spesso quando il sistema immunitario di una persona è più debole. Un indebolimento del sistema immunitario non è più in grado di combattere l’invasione dei virus. E ‘l’occasione perfetta per il virus JC per risvegliare, attraversare la barriera emato-encefalica, e cominciare ad attaccare il cervello. Le persone con SM sono ad aumentato rischio di PML perché il loro sistema immunitario è spesso compromessa a causa della condizione.

Ulteriori aggravando il problema, diversi farmaci usati per trattare i sintomi della SM possono anche compromettere il sistema immunitario. Farmaci immunosoppressori possono aumentare la probabilità che una persona con SM svilupperà PML dopo l’esposizione al virus JC. Questi farmaci immunosoppressori possono includere:

Test per il virus JC

Nel 2012, il US Food and Drug Administration (FDA)approvato il test Stratificare JCV Antibody ELISA. Un anno dopo, un test di seconda generazione è stato rilasciato per migliorare la precisione del test.

Questo test virus JC rilevazione in grado di determinare se una persona è stata esposta al virus e se è presente nel loro corpo. Un test positivo non significa che una persona con SM si svilupperà PML, ma solo individui JCV-positivi in ​​grado di sviluppare la PML. Sapendo che sei avvisi JCV-positivi al medico di guardare per PML.

Anche con un risultato negativo, non sei al 100 per cento sicuro. È possibile essere infettati con il virus JC in qualsiasi momento durante il trattamento.

Se si inizia l’assunzione di farmaci come parte del trattamento per la SM, è importante continuare il test regolari per vedere se si è stati infettati. Parlate con il vostro medico su come spesso si dovrebbe essere testato per gli anticorpi del virus JC. Se diventi infetto, test regolari vi aiuterà a individuare l’infezione più veloce. La prima si è rilevato, la prima si può iniziare il trattamento.

Discutere trattamenti e dei rischi con il medico

Parlate con il vostro medico circa il rischio di sviluppare la PML e come i farmaci che stai prendendo influenzare questo rischio. Si può decidere di condurre un test ELISA da un’abbondanza di cautela, soprattutto se hanno in programma di prescrivere Natalizumab (Tysabri) o dimetil fumarato.

Natalizumab è spesso prescritto per le persone che non hanno risposto bene alle altre forme di trattamento SM. Secondo unComunicazione della FDA Drug Safety, Gli studi dimostrano che le persone che assumono Natalizumab sono ad aumentato rischio di sviluppare PML rispetto alle persone con SM che stanno assumendo altri farmaci modificanti la malattia . Uno di questi studi è stato pubblicato sul New England Journal of Medicine nel 2009.

Se il medico raccomanda di iniziare il trattamento con natalizumab, parlare con loro di avere il test del sangue ELISA prima. Se il risultato torna negativo, si è meno probabilità di sviluppare PML mentre su natalizumab. Se i risultati tornare positivi, parlare con il medico circa il pericolo di prendere la medicina e la probabilità potrete sviluppare la PML. Un test positivo può richiedere che voi e il vostro medico rivalutare il piano di trattamento.

I medici prescrivono dimetilfumarato per il trattamento di sclerosi multipla recidivante-remittente , tra cui le fiammate o esacerbazioni di sclerosi multipla. Secondo i produttori di Tecfidera , il farmaco riduce il rischio di ricadute in mezza se confrontato con le persone che assumevano un placebo.

Nel 2014, la FDA ha pubblicato un l’annuncio di sicurezzache una persona trattata con dimetil fumarato sviluppato PML. Secondo il New England Journal of Medicine, un ulteriore caso di dimetil fumarato legati PML è stata riportata in una donna trattata per MS.

Come con natalizumab, i medici raccomandano spesso ottenere un esame del sangue ELISA periodicamente durante l’assunzione di dimetil fumarato.