Pubblicato in 2 November 2017

#WeAreILLmatic, una comunità MS per le donne di colore

 

#WeAreILLmaticCondividi su Pinterest
Photo credit: WeAreILLmatic

Non commettere errori su di esso: Victoria Reese è feroce . Lei è una donna che trasuda forza, stile e buon senso. In qualità di CEO della consulenza creativa boutique, Victor Gruppo LA - e tutto intorno pulcino cool - è diventata fonte di ispirazione per le donne di colore e di oltre 10.000 seguaci su Instagram .

Ma nel 2012, la sua ferocia è stata messa a dura prova quando ha saputo che aveva la sclerosi multipla recidivante-remittente (RRMS) . La malattia agisce in modo diverso in persone diverse, e Reese ha trascorso i mesi subito dopo la sua diagnosi cercando di imparare tutto quello che poteva. Ma mentre continuava a scavare ulteriormente, si ritrovò a fissare in una sorta di MS vuoto. Sapeva che non poteva essere l’unica donna nera con la malattia. E aveva ragione.

UN 2015 studio della American Academy of Neurologyha scoperto che gli afroamericani hanno un 47 per cento aumento del rischio di sviluppare la SM, rispetto ai caucasici. E le donne hanno tre volte più a rischio rispetto agli uomini.

Allora, dove sono state queste centinaia di persone? Le donne di colore? Dove e come poteva trovarli?

Semmai meritava un hashtag, questo ha fatto - e Reese sapeva esattamente come fare per costruire una potente comunità online. Quest’anno, ha creato #WeAreILLmatic, un sistema di primo nel suo genere, il supporto per le donne di vivere a colori con la sclerosi multipla (SM) . Con la campagna, Reese deciso di cambiare il panorama, ridefinire l’immagine di “malato”, e unire la comunità dei neri che vivono con la malattia.

Le comunità online sono sempre più luoghi importanti per le persone a trovare supporto . UNstudiadegli Stati dell’Africa Journal of Disability cita che anche le persone con SM che sono più passivi, non commentatori nelle comunità online trovano tregua e benefici. Con lo sfondo di storie degli utenti più attivi, che ricevono supporto emotivo , informazioni, e compagnia sociale. Essi sanno, forse per la prima volta, che non sono soli.

Per #WeAreILLmatic , Reese ha preso ispirazione dal rapper leggendario, Nas (che ha anche dato il permesso di usare questo nome). Il suo iconico album del 1994, “Illmatic,” ha fatto un segno nella storia della musica. “Vogliamo lasciare un segno sulla cultura come Nas ha fatto con Illmatic”, dice il loro sito web.

Le donne che condividono le loro storie #WeAreILLmatic sono stimolante e dinamico.

I prossimi passi per #WeAreILLmatic è un 10-parte, durata un anno giro coscienza sociale dei media che mira a portare gli occhi agli argomenti meno abbienti in materia di MS. La prima parte, “The Genesis,” è già in movimento, come più MS guerrieri condividere le loro storie utilizzando l’hashtag #weareillmatic, #thegenesis e #msawareness.

Dopo la Genesi, ecco una sbirciata al futuro del movimento di Reese:

  • MS State of Mind
  • La vita è un B * tch
  • Il mondo è tuo
  • Metà tempo
  • Memory Lane
  • L’amore di uno
  • One Time 4 Your Mind
  • Rappresentare
  • Non è difficile da dire

Da soli i titoli, sembra che la comunità della SM ha qualcosa di nuovo e sorprendente per guardare al futuro.

Reese è ora un ambasciatore per la National Multiple Sclerosis Society , dove lavora come un mentore e attivista nella comunità SM. Della sua comunità online frizzante, Reese dice: “Potremmo essere malato, ma siamo ancora la droga.”


Allison Krupp è uno scrittore, editore, e ghostwriting romanziere americano. Tra avventure, multi-continentali selvatici, risiede a Berlino, Germania. Check out suo sito web qui .