Pubblicato in 10 July 2019

I sintomi di un attacco IBS: Cosa sapere

Sindrome dell’intestino irritabile (IBS) è una condizione cronica crasso. Essa colpisce circa 10 al 15 per cento delle persone in tutto il mondo. I sintomi possono svilupparsi a qualsiasi età, ma IBS si verifica più spesso nelle donne e persone di età inferiore ai 50 secondo la Mayo Clinic .

Alcune persone hanno IBS con costipazione o IBS con diarrea. Altri sperimentano periodi alternati di stipsi e diarrea. Anche se IBS colpisce l’intestino, questa condizione non danneggia il tessuto intestinale o causare il cancro del colon.

Capire perché si verifica IBS e ottenere un trattamento in grado di ridurre la frequenza degli attacchi e migliorare la qualità della vita. Ecco quello che dovete sapere su attacchi IBS, e come trattarli.

Comuni sintomi di IBS comprendono:

Alcune persone sperimentano anche altri sintomi come la nausea, indigestione, spasmi intestinali, e rigurgito. Le donne che hanno IBS può notare che i loro sintomi peggiorano durante il loro ciclo mestruale.

La causa esatta di IBS è sconosciuta, ma alcuni fattori che possono scatenare un attacco. Una convinzione è che le contrazioni muscolari deboli o forti nell’intestino portare a sintomi.

Se si dispone di forti contrazioni, il cibo può passare attraverso il tubo digerente troppo veloce, con conseguente diarrea. Ma quando le contrazioni rallentano o si indeboliscono, feci sono più difficili da passare. Questo può portare a costipazione.

IBS può anche essere dovuta a infiammazione, una crescita eccessiva di batteri, o di un’infezione batterica nell’intestino. Scarsamente segnali tra il cervello ei nervi coordinato nel tratto intestinale può anche innescare i sintomi.

I fattori di rischio che contribuiscono a IBS comprendono l’ansia o la depressione , e che hanno una storia familiare della malattia.

La gravità di un attacco IBS varia da persona a persona, ed i sintomi tendono ad andare e venire per un periodo prolungato di tempo. Quando si verifica un attacco, i sintomi possono migliorare dopo alcune ore o giorni. Alcune persone, tuttavia, vivono con i sintomi su base giornaliera per settimane o mesi.

Il medico può diagnosticare IBS se avverte un dolore di stomaco (relative a un movimento intestinale), che persiste per almeno un giorno alla settimana per un periodo di tre mesi , o se c’è un cambiamento nella frequenza e consistenza delle feci.

A causa IBS è una condizione cronica, potrebbe non andare via completamente. Ma tra i farmaci e cambiamenti di vita, è possibile ridurre la frequenza di questi attacchi.

Evitare inneschi alimentari

Ciò che si mangia potrebbe innescare un attacco, così il medico può suggerire cambiamenti nella dieta. Gli alimenti che innescano IBS differiscono da persona a persona. Ma in genere, cibi e bevande che provocano sintomi includono:

  • bevande gassate
  • alcool
  • caffeina
  • alcuni frutti e verdure

Provare una dieta di eliminazione

E ‘importante identificare i fattori scatenanti individuali. Per fare questo, il medico può raccomandare una dieta di eliminazione . Ciò comporta la rimozione di alcuni alimenti e bevande dalla vostra dieta, il monitoraggio dei sintomi di miglioramento, e poi lentamente reintrodurre questi alimenti uno alla volta.

Tenere un diario alimentare per tenere traccia ciò che si mangia e si beve, e quindi accedere tutti i sintomi IBS si sviluppano. Questa tecnica aiuta alimenti puntiformi o bevande che causano i tuoi attacchi.

Una dieta di eliminazione potrebbe rivelare una sensibilità al glutine . Se è così, il mantenimento di una dieta priva di glutine può migliorare i sintomi. Ma se si introduce frumento, orzo, segale o indietro nella vostra dieta, i sintomi potrebbe tornare.

Allo stesso modo, i sintomi possono migliorare se si evita di verdure ad alto gassosi come cavoli, cavolfiori e broccoli.

Guarda per la sensibilità carb

Tenete a mente che un attacco IBS potrebbe verificarsi anche se siete sensibili a certi carboidrati. Questi sono noti come FODMAPS (oligosaccaridi fermentabili, disaccaridi, monosaccaridi e polioli) e comprendono:

  • lattosio
  • fruttosio
  • fruttani
  • carboidrati simili

Gli alimenti che contengono FODMAPS includono:

  • cipolle
  • aglio
  • cavolo
  • broccoli
  • cavolfiore
  • prugne
  • Pesche
  • mele
  • pere
  • latticini
  • sciroppo di mais ad alto fruttosio
  • concentrato di succo di frutta
  • mentine senza zucchero

Se IBS interferisce con la normale attività quotidiana, eliminando questi alimenti può offrire sollievo a lungo termine. E ‘importante seguire una dieta equilibrata, in modo da parlare con un dietista prima di apportare modifiche significative alla vostra dieta.

Una dieta IBS può sentirsi restrittive, ma un sacco di alimenti sono sicuri da mangiare. Questi includono frutti con meno di fruttosio come le banane, melone e uva. Altre scelte sicure sono:

  • fagioli verdi
  • spinaci
  • carote
  • zucchine
  • quinoa
  • avena
  • zucchero
  • sciroppo d’acero
  • melassa

Prova farmaci

Se i sintomi non migliorano dopo aver apportato cambiamenti nella dieta, over-the-counter (OTC) e farmaci di prescrizione possono aiutare a gestire i sintomi. Un supplemento di fibra può facilitare la costipazione cronica, o il medico può suggerire un lassativo.

Gestione di un attacco IBS può essere impegnativo durante la notte e durante il lavoro. Se si dispone di IBS con diarrea, periodicamente l’assunzione di un farmaco anti-diarrea OTC in grado di gestire i sintomi. Il medico può prescrivere un legante acido biliare per promuovere movimenti intestinali solidi.

Si può anche parlare con il medico di farmaci per il trattamento del dolore associato con IBS. Le opzioni includono pregabalin (Lyrica) o gabapentin (Neurontin). Dal momento che l’ansia e la depressione può peggiorare i sintomi di IBS, il medico può anche raccomandare un antidepressivo.

I farmaci approvati specificamente per il trattamento di IBS comprendono:

  • alosetron (Lotronex)
  • eluxadoline (Viberzi)
  • rifaximina (Xifaxan)
  • lubiprostone (Amitiza)
  • linaclotide (Linzess)

Capire come prevenire un attacco IBS può aiutare a far fronte a questa condizione. Ecco alcuni consigli per ridurre la frequenza di un attacco:

  • Aumentare l’attività fisica regolare le contrazioni intestinali e la facilità costipazione. Esercizio per almeno 30 minuti tre giorni alla settimana.
  • Mangiare allo stesso tempo ogni giorno per aiutare a regolare la funzione intestinale.
  • Tenere un diario alimentare per identificare i cibi trigger.
  • Lentamente aumentare l’apporto di fibra per facilitare la costipazione. Troppa fibra può causare diarrea.
  • Prova probiotici . Aumentando i batteri buoni nel tratto digestivo può alleviare i sintomi di IBS. Prendere i probiotici come supplemento o mangiare yogurt contenenti probiotici.
  • Bere tè alla menta o assumere integratori di menta piperita per alleviare spasmi intestinali.
  • Imparare a gestire lo stress . Pratica yoga, la meditazione, o di consapevolezza, o le attività piacevoli per ridurre al minimo lo stress e l’ansia.
  • Esperimento con l’agopuntura . Questa terapia alternativa potrebbe alleviare i sintomi di IBS.
  • Consultare un ipnoterapeuta e imparare modi per rilassarsi i muscoli addominali. Questo può ridurre i sintomi di un attacco IBS.
  • Cambiare il vostro modello di pensiero con la terapia cognitivo-comportamentale . Questa tecnica vi insegna come sostituire modelli di pensiero negativi con quelli positivi.Test clinici hanno scoperto che questa tecnica può fornire “un miglioramento significativo e duraturo per i sintomi di IBS.”

I sintomi di IBS possono influenzare la qualità della vita e vi impedisce di fare le cose che ami. Ma il sollievo è disponibile.

Parlate con il vostro medico di famiglia o il gastroenterologo se non sei in grado di gestire i sintomi con i cambiamenti nella dieta. Potrebbe essere necessario farmaci per affrontare quei sintomi.

E ‘anche importante consultare un medico se si verificano altri sintomi come la perdita di peso, sanguinamento rettale o difficoltà di deglutizione. Questi sintomi possono indicare una condizione più grave.