Pubblicato in 25 July 2012

Toxoplasma Test: Scopo, Procedura e Rischi

Un test Toxoplasma è un esame del sangue che determina se si dispone di anticorpi al Toxoplasma gondii parassita. E ‘chiamata anche un test di toxoplasmosi. Il tuo corpo fa solo questi anticorpi dopo siete stati infettati da questo parassita. Il numero e il tipo di anticorpi avete indicano se l’infezione era recente o si è verificato qualche tempo fa. Il medico può eseguire test di più di uno di sangue nel corso di un periodo di diverse settimane.

Per la maggior parte degli adulti, la toxoplasmosi è innocuo e se ne va, senza la necessità di un trattamento. Se una donna incinta si infetta, tuttavia, l’infezione può passare al feto. Ciò può causare danni al cervello e cecità nel bambino in crescita. Per vedere se il vostro bambino è stato infettato, il medico può testare un campione del liquido amniotico, che è il liquido che circonda il bambino nel grembo materno.

Sei a rischio di infezione da T. gondii quando si mangia carne cruda o poco cotta di un animale infetto. Si può anche prenderlo gestendo un gatto infetto o le sue feci, che può accadere quando si pulisce la lettiera. Dopo si diventa infetto, avrete i T. gondii anticorpi finché si vive. Questo in genere significa che non si può essere infettati di nuovo.

Il medico può decidere di effettuare un test per determinare se la toxoplasmosi:

  • sei incinta e hanno T. gondii anticorpi
  • il vostro bambino ha la toxoplasmosi

Il medico può anche voler testare voi se avete un sistema immunitario indebolito a causa di una malattia che si mette a un maggiore rischio di contrarre la toxoplasmosi, come l’HIV.

Nessuna preparazione specifica è necessaria per il test. Si dovrebbe lasciare il vostro medico sapere se sei stato in contatto con un gatto o se si pulisce un cestino per i rifiuti. Si dovrebbe inoltre informare il medico se si hanno problemi di coagulazione o di sanguinamento o se si prende un anticoagulante.

Come Testato

Per provare un adulto o bambino per T. gondii , un operatore sanitario preleverà un campione di sangue dal braccio. Dare un campione di sangue comporta le seguenti operazioni:

  1. In primo luogo, un operatore sanitario pulirà il sito con un tampone di alcool.
  2. Faranno quindi inserire l’ago in una vena e allegare un tubo per riempirsi di sangue.
  3. Dopo aver disegnato abbastanza sangue, faranno rimuovere l’ago e coprire il sito con un tampone di garza.

Secondo le normative da parte del Centri per il Controllo e la Prevenzione delle Malattie (CDC), Un laboratorio specializzato nella diagnosi della toxoplasmosi deve analizzare il campione di sangue.

Testare il vostro bambino

Se sei incinta e attualmente hanno un’infezione da toxoplasmosi, c’è un 30 per cento la possibilità che il bambino diventerà infetto, in modo che il medico avrà bisogno di effettuare ulteriori esami.

Amniocentesi

Il medico può eseguire l’amniocentesi dopo le prime 15 settimane di gravidanza. Il medico userà un ago molto sottile per rimuovere una piccola quantità di liquido dal sacco amniotico, che è il sacco che circonda il bambino. Un laboratorio sarà quindi verificare il liquido per i segni di toxoplasmosi.

ultrasuono

Anche se l’ecografia non può diagnosticare la toxoplasmosi, può mostrare segni che il vostro bambino potrebbe avere un infezione, come l’accumulo di liquido nel cervello.

Rischi associati a un esame del sangue

Come per qualsiasi esame del sangue, c’è un minimo rischio di ecchimosi minore presso il sito ago. In rari casi, la vena può gonfiarsi o diventare infiammata dopo un prelievo di sangue. L’applicazione di un impacco caldo alle zona gonfia più volte al giorno può trattare questa condizione, che è conosciuta come flebiti.

sanguinamento in corso potrebbe essere un problema se si dispone di un disturbo della coagulazione o se si sta prendendo un anticoagulante, come:

  • warfarin (Coumadin)
  • aspirina
  • ibuprofene (Advil)
  • naproxene (Alleve)
  • altri farmaci anti-infiammatori

Rischi associati alla amniocentesi

L’amniocentesi comporta un piccolo rischio di aborto spontaneo. Il test può talvolta anche causare crampi addominali, irritazione o fuoriuscita del liquido al sito di inserimento dell’ago.

I risultati di solito è pronto nel giro di tre giorni.

Le unità utilizzate quando si misurano i risultati sono noti come titoli. A titolo è la quantità di acqua sale necessario per diluire il sangue fino altri anticorpi possono essere rilevati. anticorpi toxoplasmosi si formano entro due settimane dopo l’infezione. Il titolo raggiungerà il livello più alto di uno o due mesi dopo l’infezione.

Se l’analisi di laboratorio trova un titolo di 1:16 a 1: 256, questo significa che probabilmente hanno avuto un’infezione toxoplasmosi in passato. A titolo di 1: 1.024 o superiore è probabilmente un segno di un’infezione attiva.

Se si dispone di toxoplasmosi acuta, il medico può consigliare uno dei seguenti trattamenti:

Pirimetamina (Daraprim)

Pirimetamina (Daraprim) è un trattamento per la malaria che è anche un trattamento comune per la toxoplasmosi. Il medico può chiedere di prendere acido folico supplementare perché pirimetamina può causare carenza di acido folico. Si può anche abbassare i livelli di vitamina B-12.

Sulfadiazine

Questo è un antibiotico usato in combinazione con pirimetamina (Daraprim) per trattare toxoplasmosi.

Trattare MAMME E NEONATI

Se si dispone di un’infezione da toxoplasmosi, ma il bambino non lo fa, il medico può prescrivere lo spiramycin antibiotico. Questo farmaco ha l’approvazione da utilizzare per questa condizione in Europa, ma gli Stati Uniti considerano ancora sperimentale. L’utilizzo di questo farmaco sarà diminuire le probabilità del vostro bambino di ottenere un’infezione da toxoplasmosi, ma non interferisce con la crescita e lo sviluppo normale.

Il medico può prescrivere pirimetamina e sulfadiazina se il vostro bambino ha un’infezione, ma solo se la situazione è estrema perché entrambi questi farmaci possono avere effetti collaterali dannosi per voi e il vostro bambino non ancora nato. Il trattamento può ridurre la gravità della malattia, ma non può invertire il danno che è già stato fatto.

Tag: infettivo, Salute,