Pubblicato in 28 August 2018

Il Sorprendentemente, molto breve storia della vagina

Il numero di parole per la vagina è francamente sorprendente.

Dalle cutesy “bit signora” alla friendly “vajayjay” per hoohas, donna d’affari, e troppi termini insultanti per nome - la lingua inglese è un vero e proprio buffet di slang vagirific. Possiamo essere molto creativo, a quanto pare, quando non vogliamo venire fuori e dire “vagina.”

E che sta dicendo.

Per gran parte della storia umana, la vagina è stato in qualche misura un argomento tabù - se non del tutto indicibile, allora certamente non qualcosa di discutere apertamente.

In realtà, non c’era nemmeno un termine medico per il passaggio sessuale femminile fino a circa il 1680. Prima di allora, la parola latina “della vagina” di cui un fodero o guaina per una spada. Quindi non dovrebbe sorprendere che nel regno medico, le parti riproduttivi femminili vagina e altre sono state viste a lungo misteriosi - bit di anatomia - e anche insidiose.

L’antico medico greco Areteo ritiene che l’utero si aggirava intorno al corpo femminile come un “animale all’interno di un animale,” causando la malattia in quanto sbattuto nella milza o del fegato. Egli ritiene inoltre che esso è stato formulato agli odori fragranti, in modo tale che un medico potesse attirare nuovamente in sede, presentando la vagina con profumi piacevoli.

Come lo storico Thomas Laqueur ha scritto, era credenza comune nel momento in cui gli uomini e le donne letteralmente condividevano gli stessi organi sessuali.

E così è andata per la vagina - la sua storia è piena di miti, incomprensioni e maltrattamenti.

Dopo tutto, come si cura per la salute di qualcosa che si può a malapena parlare?

“Genitali delle donne sono così sacro o così tabù che non possiamo nemmeno parlare di loro a tutti, o se non parliamo di loro, sono una barzelletta sporca”, dice Christine Labuski, un ex professionista ginecologia infermiere e ora culturale antropologa al Virginia Tech e autore di “ It Hurts Down There ”, un libro su dolore vulvare .

Anche oggi, tendiamo ad essere vago circa vagine

Oprah è ampiamente accreditato con divulgare il “vajayjay”, ma non è chiaro che siamo tutti parlando della stessa parte del corpo. È vajayjay di Oprah sua vagina - il canale dalla sua cervice verso l’esterno del suo corpo - o è la vulva, che comprende tutte le parti esterne che immagino quando qualcuno dice “bit lady” - le grandi labbra, clitoride, e pube?

Spesso oggi, basta usare la parola vagina come un catch-all - forse perché se c’è una parola che siamo meno confortevole dicendo che la vagina, è vulva.

E se le donne dei nostri giorni sono spesso poco chiare circa la propria anatomia, si può immaginare che cosa gli uomini antichi che ne viene fatto.

Non è stato fino al 1994 che il NIH ha ordinato che la maggior parte degli studi clinici includono le donne.

Galen, che era considerato il ricercatore medico prima dell’Impero Romano, ha respinto l’utero errante, ma ha visto la vagina come un pene letteralmente dentro-fuori. Nel secondo secolo dC, ha scritto questo per aiutare i lettori a visualizzare:

“Pensare prima, per favore, di [genitali] dell’uomo trasformato in e che si estende verso l’interno tra il retto e la vescica. Se questo dovesse accadere, lo scroto necessariamente prendere il posto della cervice, con i testicoli si trova all’esterno, accanto ad esso su entrambi i lati.”

Così là lo avete - Galeno di dire che se si immagina spingendo tutto l’uomo punte fino nel corpo di un uomo, lo scroto sarebbe l’utero, il pene sarebbe la vagina, e testicoli sarebbe ovaie.

Per essere chiari, questo non era solo un’analogia. Come lo storico Thomas Laqueur ha scritto, era credenza comune nel momento in cui gli uomini e le donne letteralmente condividevano gli stessi organi sessuali .

Perché uno scroto non può avere figli - per non parlare esattamente dove il clitoride si inserisce in questo schema - non era così chiaro, ma Galen non era interessato a queste domande. Aveva un punto da fare: Che una donna era solo una forma imperfetta di un uomo.

Può sembrare sciocco oggi, ma l’ipotesi di un maschio come standard per il corpo umano era persistente.

Non è stato fino al 1994 che la Nazionale Institutes of Health (NIH) ha ordinato che la maggior parte degli studi clinici includono le donne (l’ultimo è stato superato nel 1993, ma è entrato in vigore dopo la NIH ha rivisto le linee guida ).

Prima di allora, molti farmaci non sono mai stati testati su donne a tutti, Sul presupposto che avrebbero lavorato lo stesso in entrambi i sessi. Questo presupposto si è rivelata errata . Dal 1997 al 2001, 8 su 10 farmaci prescrizioni che sono stati tirati dal mercato pone maggiori rischi per le donne , spesso perché le donne li metabolizzano in modo diverso.

Cosa c’è di più, i primi anatomisti ottenuto un sacco sbagliato la forma femminile

idee di Galeno sulle donne si posarono sulla sua comprensione traballante di anatomia femminile, che era forse comprensibile dal momento che non era stato permesso di sezionare cadaveri umani.

Non è stato fino al 1500, durante il Rinascimento, che anatomisti sono stati in grado di scrutare all’interno del corpo e ha cominciato a pubblicare i disegni di organi genitali insieme ad altri organi. Tuttavia, le loro immagini del sistema riproduttivo sono stati considerati scandalosi dalla chiesa, tanti libri del tempo nascondevano i genitali sotto lembi di carta o omessi del tutto.

Anche Andrea Vesalio, un medico fiammingo che era considerato il padre di anatomia, non era sempre sicuro di quello che stava guardando. Ha visto il clitoride come parte anomalo che non si è verificato in donne sane, per esempio, attaccando invece che la vagina era l’equivalente femminile del pene.

Ma durante il periodo dell’Illuminismo 1685-1815, le scienze, compresa l’anatomia, fiorirono. E grazie alla macchina da stampa, sempre più persone hanno iniziato conoscere il sesso e il corpo femminile.

“Grazie alla nuova cultura della stampa,” scrive Raymond Stephanson e Darren Wagner in una visione d’insieme del periodo , “consulenza sessuale letteratura, manuali di ostetricia, sexologies popolari, erotica … trattati medici in lingua volgare, anche il romanzo … si sono resi disponibili al pubblico per un numero senza precedenti di lettori “.

“Quel libro (‘I nostri corpi, noi stessi’, 1970) è stato di trasformazione,” Rodriguez, dice, “perché ha dato alle donne la conoscenza circa i loro corpi.”

Cosa c’è di più, con l’ascesa della medicina moderna nel 1800, di gran lunga più persone cominciarono a vedere i medici.

Parto, che era stato visto come un normale evento di vita da svolgere a casa, ha cominciato a muoversi in ospedali, dice Sarah Rodriguez , PhD, uno storico della medicina della Northwestern University.

E i medici hanno ottenuto il loro primo buon sguardo all’interno di una vagina vivente

James Marion Simsera un giovane medico dell’Alabama nel 1840 quando ha preso un interesse per l’esecuzione di interventi chirurgici sulle donne - quindi abbastanza nuova impresa. Per farlo, ha praticamente inventato il campo della ginecologia come lo conosciamo oggi.

In primo luogo, ha inventato lo specolo vaginale, che ginecologi ancora utilizzare per aprire e vedere all’interno della vagina, e quindi ha sperimentato il primo intervento chirurgico per riparare fistola vescico-vaginale, una complicazione del parto, in cui un foro apre tra la vagina e la vescica.

L’intervento è stato un passo avanti, ma l’avanzata è venuto ad un grande costo. Anche al tempo, Rodriguez dice, metodi Sims sono stati visti come eticamente discutibile.

Questo perché Sims sviluppato l’intervento chirurgico attraverso la sperimentazione su schiavi donne afro-americane. Nei suoi propri conti, discute tre donne in particolare, di nome Betsey, Anarcha, e Lucy. Si è esibito 30 operazioni - il tutto senza anestesia - l’Anarcha da solo, cominciando quando aveva 17 anni.

“Non credo che si dovrebbe parlare della sua creazione di questi interventi chirurgici senza menzionare quelle donne”, dice Rodriguez. “Riparazione Fistola ha beneficiato molte donne da allora, ma questo è venuto su con tre donne che non hanno potuto dire di no.”

Nel mese di aprile del 2018, uno statua di Sims nel Central Park di New York City è stata presa verso il basso, per essere sostituito da una targa che darà i nomi delle tre donne che hanno sperimentato su di Sims.

E mentre le donne oggi possono trovare maggiori informazioni sui loro corpi che mai, che significa anche che stanno bombardati da messaggi più negativi e imprecise.

Per molte donne, la rimozione della statua è stato un importante riconoscimento delle donne danno e di abbandono sofferto per anni nelle mani della classe medica. In realtà non era fino al 1970, Rodriguez dice, che l’assistenza sanitaria delle donne è entrato in proprio.

Il libro “ I nostri corpi, noi stessi “è stato una forza importante in questo cambiamento.

Nel 1970, Judy Norsigian e altre donne delle Donne Boston Book salute collettiva pubblicato la prima edizione del libro, che ha parlato direttamente e francamente alle donne di tutto dall’anatomia alla salute sessuale e la menopausa.

“Quel libro era di trasformazione,” Rodriguez, dice, “perché ha dato alle donne la conoscenza circa i loro corpi.”

E che la conoscenza il potere donne a diventare i propri esperti di salute - il libro da allora ha venduto più di quattro milioni di copie, e le donne ancora raccontano storie di passaggio copie cane con le orecchie in giro fino a quando non letteralmente crollato.

Chiaramente, c’è stata una sete di conoscenza, Judy Norsigian dice mentre si riflette su quel tempo. “Alla fine degli anni ‘60 e ‘70 sapevamo molto poco circa i nostri corpi, ma sapevamo quanto poco sapevamo”, dice oggi. “Questo è ciò che ha reso le donne si riuniscono e fare la ricerca.”

Nel corso degli anni, Norsigian dice, la necessità per il libro non è scomparsa, ma si è trasformato.

“C’è tanta disinformazione su internet,” dice. Lei descrive le donne che si avvicinano la sua occasione di eventi e porre domande che mostrano una mancanza di conoscenza di base sul corpo femminile.

“Non capiscono sulla salute mestruale e le infezioni del tratto urinario,” dice, “o non hanno nemmeno sanno di avere due orifizi diversi!”

E mentre le donne oggi possono trovare maggiori informazioni sui loro corpi che mai, che significa anche che stanno bombardati da messaggi più negativi e imprecise.

“Le donne oggi l’idea che si deve guardare come fanno in porno, quindi sono la rasatura e alterando la zona vaginale”, dice Norsigian. “Ringiovanimento vaginale è un intervento chirurgico caldo ora.”

È per questo che l’ultima edizione del libro - non è più fondi per mantenere l’aggiornamento che non c’è - ha una sezione su come trovare informazioni precise su internet, e piazzole di vendita evitando travestito da istruzione.

E dopo che la lunga storia, sta andando a prendere un sacco di parlare vagina per recuperare il tempo perduto.

Ma anche con tutta la sua esposizione ritrovata, la vagina è rimasta alquanto tabu

Ecco solo un esempio: l’azienda Kotex pianificato uno spot televisivo per le sue pastiglie e tamponi che hanno menzionato la parola “la vagina” Dopo tutto, è lì che si utilizzano i loro prodotti.

Dopo tre reti broadcast hanno detto la società non poteva usare quella parola, Kotex girato l’annuncio con l’attrice usando la frase “laggiù”.

No. Due delle tre reti respinto anche questo.

Questo non è stato nel 1960 - questo annuncio corse nel 2010.

Alla fine, è stato comunque un importante passo avanti. La società ha colpito il divertimento a propria pubblicità passato, che ha caratterizzato liquido blu e donne che ballano allegramente, a cavallo, e saltare in giro in pantaloni bianchi - presumibilmente il tutto mentre le mestruazioni. Eppure, anche nel 2010, Kotex potrebbe fare alcuna menzione, anche eufemisticamente, di una vagina vera e propria.

Quindi sì, abbiamo percorso una lunga strada, baby. Sono passati secoli da quando qualcuno ha cercato di tentare un utero errante con un pot-pourri vaginale. Ma la storia continua a plasmare noi.

Abbiamo ancora parliamo della vagina in imprecise, fuorvianti modi

Come risultato, molte persone ancora non conoscono la differenza tra la vagina e della vulva - tanto meno come prendersi cura di uno dei due.

Le riviste femminili e molti siti web orientati alla salute non aiutano, promuovendo idee senza senso come “ come ottenere il vostro migliore vagina, estate mai ” e promuovendo le procedure di cosmetici e interventi chirurgici che servono alle donne vergogna a pensare loro perfettamente normali vulve non sono abbastanza attraenti.

Nel 2013, un sondaggio in un’università degli Stati Uniti ha rilevato che solo il 38 per cento delle donne del college potrebbe correttamente etichettare la vagina su un diagramma anatomica (battendo il 20 per cento degli uomini del college che potevano trovarlo). E meno della metà di tutte le donne in un sondaggio internazionale hanno detto che stiamo discutendo questioni confortevoli della vagina correlati con il loro fornitore di assistenza sanitaria.

“Anche se molti di noi vivono in questo mondo ‘vag’, e le persone inviano selfie dei loro genitali e ci si sente come questo momento molto aperto, penso che [questi atteggiamenti sono] ancora veramente nuovo rispetto alla lunga storia”, dice Labuski.

E dopo che la storia “lunga”, sta andando a prendere un gran parlare vagina per recuperare il tempo perduto.


Erika Engelhaupt è un giornalista scientifico ed editore. Scrive la colonna dettagli scabrosi al National Geographic, e il suo lavoro è apparso in giornali, riviste, e la radio come Science News, The Philadelphia Inquirer, e NPR.

Tag: Salute,