Pubblicato in 21 October 2015

Ernia ventrale: fattori di rischio, cause, sintomi e

L’ernia ventrale è un rigonfiamento dei tessuti attraverso un’apertura di debolezza all’interno i muscoli della parete addominale. Essa può verificarsi in qualsiasi posizione sul vostro parete addominale.

Molti sono chiamati laparoceli perché formano nel sito guariti dalle incisioni chirurgiche del passato. Qui strati della parete addominale sono diventati debole o sottile, consentendo contenuti cavità addominale per spingere attraverso.

In un’ernia strozzata ventrale, tessuto intestinale viene saldamente catturato all’interno di un’apertura nella parete addominale. Questo tessuto non può essere spinto indietro nella cavità addominale, e il suo flusso di sangue è tagliato fuori. Questo tipo di ernia ventrale è un intervento chirurgico che richiede di emergenza.

Le ernie possono verificarsi in altri luoghi del tuo corpo e prendono il nome del luogo in cui si verificano - per esempio, un ernia femorale si verifica nella vostra coscia superiore.

Certe persone nascono con un difetto congenito - uno già esistente dalla nascita - che provoca la loro parete addominale anormalmente sottile. Essi sono a rischio maggiore di sviluppare un ernia ventrale. Altri fattori di rischio per l’ernia ventrale includono:

  • gravidanza
  • obesità
  • Storia di ernie precedente
  • la storia di interventi chirurgici addominali
  • lesioni alla zona intestinale
  • storia familiare di ernie
  • frequente sollevamento o spingere oggetti pesanti

Secondo UCSF , laparoceli può verificarsi fino al 30 per cento di coloro che hanno avuto un intervento chirurgico addominale. La maggior parte si verificano presso il sito di una cicatrice chirurgica. Il tessuto cicatriziale indebolisce o si assottiglia, consentendo un rigonfiamento a forma nell’addome. Questo rigonfiamento è organi o tessuti che spingono contro la parete addominale.

ernie ventrali possono produrre una vasta gamma di sintomi. I sintomi possono richiedere settimane o mesi per apparire.

Si può sentire assolutamente nessun sintomo. Oppure si potrebbe provare fastidio o dolore nella zona della vostra ernia, che può peggiorare quando si tenta di stare in piedi o sollevare oggetti pesanti. Si può vedere o sentire un rigonfiamento o di crescita nella zona che si sente tenero al tatto.

Se si verifica uno dei seguenti sintomi, assicurati di consultare un medico subito:

  • lieve disagio nella vostra zona addominale
  • dolore nel vostro addome
  • rigonfiamento verso l’esterno della pelle o tessuti nella vostra zona addominale
  • nausea
  • vomito

Per una diagnosi completa, un medico le chiederà circa i sintomi ed eseguire un esame fisico. Possono avere bisogno di ordinare test di imaging di guardare dentro il tuo corpo i segni di un ernia ventrale. Questi possono includere:

ernie ventrali richiedono la correzione chirurgica. Se non trattata, che continuano a crescere lentamente fino a quando non sono in grado di causare gravi complicazioni.

ernie non trattati possono crescere in ernie ventrali allargata che diventano progressivamente più difficile da risolvere. Gonfiore può portare ad intrappolamento di contenuti ernia, un processo chiamato detenzione. Questo a sua volta può portare ad una riduzione o alcun apporto di sangue ai tessuti coinvolti, che viene indicato come strangolamento.

Opzioni per il trattamento chirurgico includono:

  • Maglia chirurgia posizionamento: Un chirurgo spinge tessuto al suo posto e poi cuce in una maglia, che serve come patch di rinforzo, per tenerlo in posizione. Questo è considerato sicuro ed affidabile, e la disposizione delle maglie ha dimostrato di ridurre il rischio di ernia recidiva.
  • Riparazione laparoscopica: Un chirurgo fa più piccole aperture e risolve l’ernia utilizzando una guida con una piccola telecamera all’interno del vostro corpo per dirigere l’intervento chirurgico. Una maglia può o non può essere utilizzato.
  • Chirurgia aperta (nonlaparoscopic): Un chirurgo fa un’incisione adiacente alla vostra ernia, spinge i tessuti al suo posto, e poi cuce la chiusura dell’area. Una maglia può o non può essere utilizzato.

Vantaggi di rimozione laparoscopica sono i seguenti:

  • sito taglio molto più piccolo, che abbassa possibilità di infezione
  • riduzione del dolore post-operatorio
  • ridotta degenza ospedaliera - in genere in grado di lasciare giorno o il giorno dopo l’intervento
  • assenza di una grande cicatrice
  • più veloce tempo di recupero complessivo

Queste sono alcune preoccupazioni circa chirurgia a cielo aperto:

  • soggiorno più lungo in ospedale dopo un intervento chirurgico
  • una maggiore quantità di dolore
  • medio-grande cicatrice

Massicce ernie ventrali sono quelli che hanno una lunghezza o larghezza di almeno 15 centimetri (cm) o una superficie complessiva di 150 cm 2 , secondo il Journal of Surgery americano . Essi rappresentano un rischio chirurgico serio. L’ernia gigante riempie la cavità addominale, rendendo difficile separare da organi circostanti. Come l’ernia cresce in dimensioni, il rischio di una ricaduta diventa anche maggiore.

Altre complicazioni di ernie non trattati comprendono:

  • L’incarcerazione: Il tuo intestino diventa intrappolato in un debole parete addominale in cui non può essere spinto indietro all’interno della cavità addominale. Ciò potrebbe causare il blocco al vostro intestino o tagliare via il suo apporto di sangue.
  • Strangolamento: Ciò si verifica quando il flusso di sangue al vostro intestino è bloccato. Parte del vostro intestino può morire o iniziare a decadere. Un intervento chirurgico immediato è necessario per ripristinare il flusso di sangue e salvare l’intestino.

Nelle prime fasi di un ernia, si può essere in grado di “fissare” la propria ernia. Alcune persone possono sentire il rigonfiamento nel loro addome e spingere gli organi di nuovo dentro. Questo è chiamato ridurre l’ernia. Ridurre spesso funziona temporaneamente fino a sottoporsi ad intervento chirurgico.

La prospettiva è generalmente molto buona dopo un intervento chirurgico senza complicazioni. Potrebbe essere necessario riposare per un paio di settimane prima di riprendere le attività quotidiane, evitando qualsiasi sollevamento di carichi pesanti o sforzare alla zona addominale.